cronaca

Sellano dice addio a Luciano D'Andrea, il 'Paganini' della mortadella

 

Ieri l'ultimo saluto

 

L’ultimo panino con la sua “epica” mortadella, tagliata rigorosamente con una affettatrice a mano, gli è stato fatale. Il cuore lo ha lasciato in un attimo. Ed a nulla sono valsi i tentativi di strapparlo alla morte. Luciano D’Andrea, come gli eroi di guerra che cadono in prima linea, lo ha fatto dietro al bancone del suo bar-alimentari al Passo del Soglio, a pochi chilometri da Sellano. Che ora chiude definitivamente i battenti dopo aver resistito a due terremoti. Luciano, 67 anni, personaggio schivo e taciturno, si era guadagnato la sua fama tra le montagne che separano Foligno dalla Valnerina per la sua profumatissima mortadella. Quando l’affettava il suo polso si muoveva come faceva Paganini mentre suonava il suo famoso violino. Comitive di motociclisti e di cicloamatori partivano da ogni parte dell’Umbria per fare una sosta al Passo del Soglio. E lo facevano proprio per i panini di Luciano D’Andrea. Confezionati con il pane rigorosamente cotto a legna. Un uomo solo, ma pieno di saggezza e di cose da raccontare. Un commerciante alla vecchia maniera. Con il quale bastava uno sguardo per capirsi.

Insomma, un personaggio simbolo per una terra orgogliosa e che non vuole arrendersi allo spopolamento. Dopo la morte dell’anziana madre, con cui aveva gestito il negozio di generi alimentari per quasi mezzo secolo, era rimasto solo. E la sua attività era un po’una terapia anti depressiva. Come, del resto, lo erano le sue variopinte camicie che sembravano uscite da un atelier di un pittore naif. Ieri, l’intera comunità di Sellano gli ha dato l’ultimo saluto. Ora c’è chi, come Danilo Di Marzio, tramite Facebook lancia un appello: “Esiste la possibilità che qualcuno mandi avanti questo esercizio commerciale? Per Luciano, che era la sua vita, per comunità, per chi lo riteneva un punto di riferimento. Per tutta la categoria dei piccoli, grandi, 'artisti' del commercio tradizionale”. Una cosa è certa: da ieri, senza la mortadella di Luciano, ci sentiremo tutti un po’ più soli.



I commenti dei nostri lettori

Non è presente alcun commento. Commenta per primo questo articolo!

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.