sport

Spoleto, svanita la Serie D anche l'Eccellenza è a rischio

 

Perdura il silenzio della proprietà. Comune pronto a bandire un avviso pubblico per lo stadio

 

In difesa. O più semplicemente indifeso. Poco cambia per questo Spoleto avvolto sempre più in un fitto mistero. Ed in questa situazione di incertezza, il più in difficoltà è il diesse Alberto Del Frate che aveva già preso alcuni contatti con allenatori e giocatori. Prospettando le due ipotesi: ripescaggio in serie D o Eccellenza. Con tanto di budget per ciascuna categoria. Ma il lungo silenzio di Max Pincione sta a significare solo una cosa: che la principessa Norah Al Saaud non ha ancora deciso se impegnarsi nuovamente con lo Spoleto Calcio. La domanda di ripescaggio scade martedì 14 alle 20. Ma, ad una settimana dal termine ultimo fissato dalla Lega nazionale dilettanti, lo Spoleto non sa ancora dove disputerà il prossimo campionato.

Eppure, l’avvocato Marco Bellingacci ha lavorato di fino per smussare gli angoli. Proponendo allo Spoleto una bozza di convenzione che avrebbe rotto definitivamente il muro della diffidenza del sindaco de Augustinis e di tutta la giunta. “Non ci sono stati segnali in tal senso e, di questo, il Comune non può che prenderne atto",dice il consigliere con delega allo sport, Massimiliano Montesi. Tradotto in atti burocratici significa che, se entro una settimana o dieci giorno al massimo, Max Pincione o chi per lui non daranno una risposta, il Comune bandirà un avviso pubblico per la gestione dello stadio.

Il sindaco de Augustinis le ha provate tutte per venire incontro alla proprietà arabo-americana. Ma di fronte a 30 mila euro di lavori di manutenzione che vanno saldati, un decreto ingiuntivo di 3 mila e 800 euro diventato esecutivo, senza considerare il costo delle utenze, che dalla Voluntas in qua non è stato mai saldato e che ammonta a qualche migliaio di euro, anche il Padre generale dei Frati minori avrebbe allargato le braccia in segno di resa.

Intanto, l’unico a resistere dentro al suo ufficio, diventato un po’ come Forte Alamo, è il diesse Alberto Del Frate. “Alcuni giocatori stanno aspettando solo una mia chiamata per firmare per lo Spoleto – dice Del Frate -, però, senza l’avallo della proprietà io non mi muovo”.

Della vecchia guardia, i punti fermi ed inamovibili sono Scipioni in difesa e Veneroso in attacco. Il resto è tutto da costruire, ma con Del Frate resterebbero almeno cinque o sei giocatori della rosa che aveva a disposizione il tecnico Gagliarducci. Sul tecnico, la scelta si è ristretta tra Mangiapane e l’ex Lama, Vicarelli. Con il passare dei giorni, invece, aumentano le probabilità che Brevi si accasi al Foligno. Ad aumentare il senso di incertezza arrivano anche le dichiarazioni del segretario Giampaolo Gorelli, che dopo aver terminato il suo incarico il 30 giugno, è tornato nella sua Grosseto per trascorrere qualche giorno di vacanza. “Resto in attesa di avere un incontro con la Principessa e Presidentessa per fare il punto della situazione", ha detto Gorelli."In attesa che ciò avvenga, mi sono preso alcuni giorni di riposo tornando in Maremma dove sto valutando le proposte che mi sono pervenute. Ringrazio perciò lo Spoleto Calcio, che mi ha messo in condizione di svolgere il mio ruolo nel migliore dei modi e mi riservo, nei prossimi giorni, di prendere una decisione definitiva sul mio rapporto con la società”. Se Gorelli dovesse decidere di non proseguire il rapporto, si profila il ritorno dell’assisiate Mela.



I commenti dei nostri lettori

come no

1 mese fa

Mah...

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.