cronaca

La Fondazione Carispo pronta alla battaglia: 'Giù le mani dall'ospedale'

 

Il presidente Zinni interviene dopo le recenti dichiarazioni del commissario straordinario dell'Usl Umbria 2 de Fino: 'Se pensa di valorizzare un terzo polo ospedaliero lasciandoci qualche nicchia, sappia che gli spoletini non portano l’anello al naso'

 

Riceviamo e pubblichiamo la nota del presidente della Fondazione Carispo Sergio Zinni:

"Giù le mani dall’ospedale di Spoleto! Se qualcuno pensa, sotto la parola magica integrazione, di valorizzare un terzo polo ospedaliero lasciando a Spoleto qualche nicchia, sappia che gli spoletini non portano l’anello al naso. Gli spoletini conoscono molto bene la storia di una integrazione caratterizzata da una progressiva e mirata linea di indebolimento del nostro ospedale, di ostruzionismo e promesse non mantenute, solo a titolo di esempio si ricorda la riabilitazione cardiologica. È tempo di superare dichiarazioni connotate da strabismo politico e ripartire dal documento elaborato dal City Forum e approvato alla unanimità dal Consiglio Comunale, nel rispetto reciproco delle Comunità interessate. È con spirito costruttivo che occorre rinnovare un dialogo libero da posizioni strumentali e velleitarismi egemonici che Spoleto non merita e non intende subire passivamente". 



I commenti dei nostri lettori

Stelvio Gauzzi

5 mesi fa

Prendo atto con sincera soddisfazione della chiara ed inequivocabile posizione della Fondazione della Cassa di Risparmio di Spoleto attraverso il suo Presidente dott. Zinni. Da troppi anni Spoleto, nonostante che il nostro Ospedale VIVE e si aggiorna tecnologicamente attraverso finanziamenti privati soprattutto della Fondazione, viene rassicurato da una politica che non mantiene mai ciò acclama e se non fosse stato per l'azione pressante del CITY Forum e del TDM molto probabilmente saremmo stati ridotti ad un Ospedale di campagna. Non si prenda questo commento come il solito piangersi addosso .... questo commento é di chi ha avuto un infarto a 47 anni e si è potuto salvare perché arrivato al pronto soccorso prima dei 20 minuti limite. Grazie Sergio Zinni. Grazie City Forum . Stelvio Gauzzi

A guardia alta

5 mesi fa

Innazitutto un ringraziamento e stima da parte della città di Spoleto nei confronti della fondazione Carispo e del Suo presidente Dott Sergio Zinni,da sempre attento ai problemi dei cittadini. L'ospedale di Spoleto se può ancora vantare delle buone e funzionanti eccellenze nonostante tutte avversità lo deve per i concreti interventi della fondazione Carispo con le donazioni di strumentazioni e macchinari di alto livello professionale. Ci si augura quindi che la fondazione Carispo in sinergia con l'associazionismo spoletino possa arginare questa politica regionale che tende a dare un ruolo all'ospedale di Spoleto non più quello tanto proclamato di un unico polo ospedaliero Foligno Spoleto con ognuno le sue prerogative di eccellenze ma in una condizione diversa, o meglio ospedale di prossimità di prima emergenza e con funzioni poliambutariali. NON SI PUO ACCETTARE, LA CITTA TUTTA REAGIRA CON FORZA A QUESTA DISENNATA POLITICA E I GOVERNANTI TUTTI LOCALI E REGIONALI NE RENERANNO CONTO.

Sergio Grifoni

5 mesi fa

Prendo atto con sincera soddisfazione e apprezzamento, dell'intervento autorevole del presidente della Fondazione Carispo, a difesa del nostro ospedale, e a sostegno del documento presentato dal City Forum e fatto proprio dal Consiglio Comunale. L'intervento poi è giustamente legittamo dal fatto che la Fondazione, in più occasioni, è intervenuta economicamente, finanziando tecnologie e servizi fondamentali per il futuro del San Matteo. Interventi questi che non possono, e non dovranno, mai essere dimenticati.

comitato 19 giugno

5 mesi fa

Ritenevamo che l'appello della FONDAZIONE CARISPO (sempre pronta con fatti e donazioni e non con parole o auspici) riscuotesse tanti commenti unanimi. Invece solo l'Associazione Parenzi. Non è per caso che questo silenzio significa che Spoleto ha quello che si merita?!

il cittadino

5 mesi fa

Non si comprende bene il perchè il nostro consiglio comunale non si è pronunciato ancora per prendere pubblicamente la posizione in merito alle dichiarazioni del commissario Dr Massimo De Fino nell'incontro ultimo con la 4a commissione comunale della sanità.I spoletini se lo stanno domandando e lo esigono. Non si può rimanere in questo silenzio assordante e irrispettoso nei confronti di una popolazione già sofferente per le attuali carenze dei servizi della sanità. Ci si augura che quanto prima si dia una risposta doverosa da parte delle Istituzioni sia essa dell'Amministrazione Comunale che della Sanità pubblica

Ass. di prom. sociale Giovanni Parenzi

5 mesi fa

"Giù le mani dall'ospedale di Spoleto" è un messaggio forte e chiaro del presidente della fondazione CaRiSpo dott Sergio Zinni Un messaggio che rafforza la posizione del city forum e dal TDM con loro documento sulla sanità di Spoleto condiviso e approvato all'unanimità dal consiglio Comunale.L'associazione Giovanni Parenzi aderente al city forum esprime quindi profonda gratitudine per quanto espresso in questo documento dal dott Sergio Zinni in nome della fondazione Carispo,istituto benemerito della città di Spoleto che da sempre è impegnato sul fronte della sanità spoletina acquistando macchinari e attrezzature specialistiche per garantire l'eccellenze del nostro ospedale. L'associazione di promozione sociale Giovanni Parenzi il cui statuto prevede in primis l'impegno a difesa della salute dei cittadini coglie quindi l'occasione per rinnovare il ringrazimanto per quanto sta facendo la fondazione Carispo e gratitudine per l'intervento importante del Suo presidente dott Sergio Zinni " Giù le mani dall'ospedale di Spoleto" Ci Auspica che la politica regionale ascolti attentamente le grida che si elevano dalla città di Spoleto attraverso fonti autorevoli prima che si vengano a determninare ulteriori tensioni sociali alle già note in tema sanitario. Noi certamente non abbasseremo la guardia

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.