cronaca

Spoleto si prepara alla riapertura delle scuole: il punto della situazione in consiglio comunale

 

Completati i lavori per reperire nuovi spazi in 11 plessi. L'Istituto di istruzione superiore 'Spagna - Campani' sprovvisto dei banchi: i nuovi arredi dovrebbero arrivare a ottobre

 

Le scuole di Spoleto si preparano alla ripresa dell’anno scolastico. La campanella suonerà lunedì 14 settembre e la maggior parte delle criticità strutturali sono state risolte. A fare il punto è stato ieri il vice sindaco Beatrice Montioni, durante la seduta del consiglio comunale: i lavori per la realizzazione di nuovi spazi in 11 plessi di competenza comunale, finanziati con i fondi Pon (160 mila euro), si sono infatti conclusi. Gli interventi, come noto, hanno coinvolto le scuole dell’infanzia di Maiano, di Protte, di Baiano e “Prato Fiorito” (ex nido Villa Redenta), le elementari “XX Settembre”, di Villa Redenta, di San Giacomo, di Morgnano e “Le Corone” (tempo pieno) e le medie “Alessandro Manzoni” e “Luigi Pianciani”. 

Con il Comune di Castel Ritaldi e la Curia arcivescovile sono poi stati definiti gli accordi che consentiranno all’Amministrazione de Augustinis di utilizzare, rispettivamente, i locali presenti a Castel San Giovanni (in cui verranno spostati almeno fino al 31 gennaio i bambini della materna e della prima elementare di Beroide) e dell’oratorio di San Giacomo (dove saranno trasferiti gli studenti della scuola della frazione, chiusa dal Comune in quanto risultata non sicura). Gli altri allievi frequentanti l’elementare di Beroide, il cui futuro è stato al centro di un acceso incontro martedì tra il sindaco e la popolazione, faranno invece lezione a Morgnano. “Siamo pronti, tutte le scuole possono riaprire in sicurezza” ha detto il vice sindaco.

I disagi, in ogni caso, non mancheranno: i ragazzi dell’Istituto di istruzione superiore “Spagna - Campani”, ad esempio, nelle aule non troveranno i banchi. “La Provincia di Perugia li ha richiesti ma non sono ancora arrivati” ha spiegato la Montioni rispondendo al consigliere del Pd Carla Erbaioli, che ha segnalato la vicenda in aula. “I dirigenti, insieme al responsabile della sicurezza, hanno trovato delle soluzioni tampone e credo che faranno sedere gli studenti su sedie dotate di un piano d’appoggio incorporato”. I nuovi arredi dovrebbero arrivare nei primi giorni di ottobre.



I commenti dei nostri lettori

Non è presente alcun commento. Commenta per primo questo articolo!

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.