cronaca

Duro sfogo del dirigente comunale Nichinonni verso l'ex sindaco De Augustinis: 'Chieda scusa alla città'

 

L'attacco frontale lanciato attraverso un post pubblicato su Facebook

 

Duro quanto inaspettato sfogo del dirigente comunale Stefania Nichinonni nei confronti dell’ex sindaco Umberto De Augustinis e della Giunta da lui presieduta. Ma non solo: nel mirino sono finiti anche suoi colleghi in Municipio. Il motivo è da ricercare nel trattamento che l’Amministrazione riservò al progetto Sportgivechance, oggetto di un esposto alla Procura della Repubblica presentato dallo stesso De Augustinis.

Le indagini, come noto, non fecero emergere alcuna irregolarità in merito alla gestione della manifestazione andata in scena nel 2018 e così oggi la Nichinonni si è voluta togliere dei sassolini dalla scarpa. Lo ha fatto, attraverso un post su Facebook che pubblichiamo integralmente.

“Estate 2018: la Giunta di Spoleto, appena insediata, segnala alla Procura evidenti irregolarità nel procedimento amministrativo che ha  accompagnato la preparazione del progetto Sportgivechance, finanziato dalla commissione europea nell'ambito del programma Erasmus plus, di cui il Comune di Spoleto è capofila e io responsabile di progetto. Ci sono voluti 3 anni perché venisse evidenziata dalla magistratura la insussistenza delle accuse e lo si potesse sapere.

‘Quando tutto sarà finito nessuno te lo comunicherà’ mi dicevano. E infatti ho dovuto costatarlo, chiedendo il mio casellario giudiziario da cui 'non risultano iscrizioni suscettibili di comunicazioni’. Tutto archiviato. Ora sarebbe tempo di scuse e di risarcimenti. 

Vero ex amministratori e compiacenti sostenitori e complici sostenitrici? Vero condiscendenti apicali? E ancora più che a me, sarebbe tempo di scuse alla città. 

Le linee guida che emersero dal progetto Sportgivechance Erasmus plus - frutto di oltre 2 anni di lavoro con municipalità e università europee, centri di formazione stranieri e italiani, associazioni di diabetici locali e nazionali, associazioni sportive italiane ed internazionali, 16 delegazioni di altrettanti paesi europei che non furono nemmeno accolte nella sede comunale - indicavano la via!

Un progetto che poteva far diventare Spoleto, fin dal 2018, centro europeo del connubio sport e benessere, sede di eventi nazionali organizzati da associazioni di diabetici, nonché partner di una rete europea consolidata che avrebbe potuto ambire, negli anni successivi, ad intercettare fondi europei in maniera stabile. Un progetto vinto di 635.000 euro di cui più dei 2/3 ricaduti direttamente sul nostro territorio.

Tutto interrotto, tutto vanificato. Qualcuno oggi dovrebbe spiegarne agli spoletini il motivo, perché la città non l’ha capito allora e non lo sa oggi. Salvo poi leggere una lettera aperta due anni dopo in cui si parlava di ‘Spoleto città  parco’…Auguriamoci solo che qualcuno voglia e sappia recuperare quel patrimonio di persone e di risorse e archiviare definitivamente un modo di far politica che non ascolta i cittadini e non valorizza, anzi mortifica, tutti coloro che lavorano con entusiasmo, professionalità e dedizione”.



I commenti dei nostri lettori

cittadino

4 mesi fa

Non cè nessun dirigente che ha lavorato e lavora come Stefania Nichinonni. e ha ragione. Quello che hanno fatto passare a Lei chiunque sia speriamo che prima poi lo pagheranno. Lei rimane la dirigente più preparata in quel comune e la persona più attenta e umana per le fasce deboli. Mi auguro che questa amministrazione metterà i punti su I.

Umberto de Augustinis

4 mesi fa

Come dovrebbe essere noto a tutti, in presenza della segnalazione di fatti che richiedono una valutazione in sede penale é un OBBLIGO sanzionato penalmente informare il pubblico ministero (il procuratore dellaa Repubblica)competente. La stessa cosa vale per segnalazioni di danno erariale. Ovviamente in un Amministrazione che fa gli interessi della Città, la segnalazione dispiace come fa piacere la sua archiviazione che peraltro consente di non aver problemi intorno all'incasso integrale dei contributi europei.

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.