politica

Il commento post-elezioni del PD

 

Il Partito democratico è passato dal 13,5% delle Amministrative al 20,26%. Il segretario e vice sindaco Lisci: 'Tanti progetti messi in campo, presto ne vedremo i frutti'

 

Il Partito Democratico di Spoleto ringrazia gli elettori e le elettrici che con il loro voto, rispetto alle amministrative di un anno fa (13,5%), hanno "significativamente" incrementato i loro consensi a favore dei Dem che nella città ha ottenuto il 20,26%  al Senato e il 19,13 alla Camera. "Numeri che, solo per fare un esempio, si allineano con minime differenze a quelli di Città di Castello dove il partito poteva contare su due candidature di calibro di propri concittadini".

Di certo poter avere in lista figure di rilievo della nostra città avrebbe incrementato quello che comunque, in ambito locale, è un risultato positivo. L'obiettivo del Pd di Spoleto è quello di colmare le divisioni del passato e rafforzare il gruppo di giovani Consiglieri comunali che stanno imparando in fretta per essere efficaci ed efficienti nel portare avanti le istanze della comunità spoletina. "L'ambizione - sottolinea il segretario e vicesindaco, Stefano Lisci- è essere un laboratorio che sia di esempio anche per altre realtà attraverso l'immissione di figure nuove affiancate a persone con maggiore esperienza perché si torni a ragionare come comunità e non come singoli. C'è inoltre il tema delle alleanze che, come abbiamo dimostrato a Spoleto, risulta fondamentale per vincere la competizione elettorale. Noi, facendo un passo indietro e dando pari dignità ai nostri alleati abbiamo centrato l'obiettivo. L'azione amministrativa che gli elettori ci hanno chiamato ad esercitare ci sprona a fare sempre meglio e sempre di più nell'interesse generale. I segnali - conclude Lisci - ci sono, tanti sono i progetti messi in campo, presto ne vedremo i frutti".



I commenti dei nostri lettori

elettore spoletino

2 mesi fa

Addirittura siamo arrivati alla mistificazione! Mettere in relazione il risultato elettorale con le comunali del 2021, non solo è ridicolo, ma offende chi ha sempre riposto il proprio intelletto a favore di quella che era la forza politica di sinistra. E' notorio che nelle amministrative vengono formate più liste collegate al partito che le coordina. Evidentemente lo scopo e quello di coinvolgere più cittadini disposti a mettersi in gioco. E così si è verificato l'anno scorso dove il PD e le liste collegate, nonostante la preoccupante astensione al voto, ha ottenuto il 28,2%. Quindi trovo veramente fuori luogo qualsiasi cagionevole esaltazione.

Consolamoce co' l'ajetto!

2 mesi fa

Mettere in relazione le percentuali delle elezioni comunali con quelle politiche è una operazione alquanto discutibile perché non tiene conto delle liste civiche che ultimamente anche il PD utilizza per non metterci la faccia in modo diretto nelle elezioni locali. Esaltarsi per la percentuale spoletina, quasi analoga a quella nazionale, mi sembra un po' esagerato in quanto forse anche il politico locale non ha capito che il PD ha perso sonoramente le elezioni grazie alle scelte sciagurate del proprio segretario politico consegnando il paese alla destra. Che dire, mi auguro che oltre a cambiare il segretario forse sarebbe necessario chiedersi cosa vuole diventare il partito se non essere un contenitore vuoto dove a turno i vari capetti lanciano un'OPA oppure un partito con una chiara posizione politica di sinistra che anche alle comunali non si disdegna di votare.

Bisognerebbe cambiare anche i maestri.

2 mesi fa

IL PD con i cittadini non sa più dialogare. Parla un'altra lingua e non riesce più ad entrare in empatia con la loro vita e i loro bisogni. Con il passare degli anni il PD Si è imborghesito e ha perso di vista la realtà nella quale per sopravvivere molti di essi sono costretti a barcamenarsi. Per tornare ad essere credibile, ha bisogno di fare un bagno di umiltà e di incominciare a calarsi nella vita della gente comune. Ma per farlo non basta ascoltare e annuire. Deve immedesimarsi nelle loro condizioni e cercare di riuscire a capire come si fa a sopravvivere con quel poco di salario che passa il convento (molto del quale super tassato). Solo così riuscirà ad avere una cognizione dei sacrifici che quotidianamente i cittadini devono affrontare e capire come potergli opporre un rimedio. Altrimenti le belle parole e i buoni propositi sono solo fuffa.

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.