cronaca

Non è il silenzio degli innocenti

 

Prosegue il silenzio della politica locale sul Punto Nascite, la cui riattivazione appare sempre più distante

 

Un autorevole rappresentante del Consiglio Comunale (area della maggioranza), esperto nelle questioni sanitarie, mi ha letteralmente spiazzato, l'altro giorno, quando mi ha detto: "State ancora dietro, voialtri delle Associazioni, a questa storia del Punto Nascita? Ancora non avete capito che è una battaglia persa, perché inutile?".

Sinceramente la cosa mi ha impressionato. Che si accetti così passivamente un depauperamento tanto traumatico della nostra Struttura Ospedaliera non me lo sarei mai aspettato da chi dovrebbe capire, perché addetto ai lavori, che il Punto Nascita è l'architrave sul quale poggia l’assetto dell'emergenza urgenza. Rinunciarvi implica il crollo del sistema: addio Ospedale per acuti e via libera ad un Ospedale di Comunità. Spoleto, quarta città (fino ad ora) dell'Umbria, merita quello che, ad oggi, non meritano Orvieto, Città di Castello e Branca?

Tre riflessioni, a questo punto, si impongono. Innanzi tutto la non considerazione dell'Associazionismo. Molto male da parte di una forza politica, di cui l'autorevole rappresentante è espressione, che proprio perché non sensibile alle voci dei cittadini ha preso un sonoro schiaffone alle recenti elezioni (si tratta, beninteso, di un parere personale di cui mi assumo la responsabilità). Quindi il silenzio istituzionale. Le preoccupazioni degli spoletini per il loro Presidio (e per il loro Punto Nascita) non sono mai state supportate in maniera decisa, forte e vibrata da chi li rappresenta. 

Mentre il suo predecessore era arrivato persino ad un ricorso al Tar, l'attuale, al contrario, ha optato per un assordante ed inspiegabile silenzio. Infine (e questo è un fatto davvero allarmante) il silenzio delle opposizioni. Salvo una lodevole eccezione (che ogni tanto si esibisce come "solista"), anche tutti coloro che non siedono negli scranni della maggioranza, incredibilmente  tacciono.

Intendiamoci: nessuna persona di buon senso penserebbe oggi di far partorire in sicurezza una donna all'Ospedale di Spoleto. Mancano i medici ostetricoginecologi, i pediatri, i cardiologi, gli anestesisti. Ma battersi strenuamente perché quell'organizzazione ritorni, questo è (sarebbe)  oltre che giusto, doveroso per chi vuole fare politica ed avere il consenso degli elettori. Conclusione: questo silenzio è una cosa squallida, che rende tutti colpevoli di quanto sta accadendo ed  accadrà. Con il risultato, quindi , che nessuno, domani, si dovrà azzardare a dichiararsi   innocente.



I commenti dei nostri lettori

A Spoleto se parli dei disservizi...

2 mesi fa

...della Sanità locale ai politici, sono talmente...sordi che non capiscono nemmeno se ci parli con...la lingua dei segni!

enzo ercolani

2 mesi fa

Non ho una risposta. Se l'avessi avuta, non avrei scritto quanto ho scritto. Non posso che registrare questo inspiegabile e generale silenzio. Ci sono degli accordi sottobanco che non è dato conoscere o si tratta semplicemente, come temo, di incapacità di far politica?

XXX

2 mesi fa

Spoleto sarà nel breve una città di vecchi. Le poche nuove giovani coppie non verranno mai ad abitare a Spoleto (nessuna serie possibilità di lavoro se non nei Supermercati-quelli si che non mancano-)quindi andranno o a Perugia oppure fuori dall'Umbria se non all'Estero. Economia sempre più marginale nei confronti del resto dell'Umbria. Politicamente,sia il PD con quello che resta del Centro-Sinistra Spoletino, sin dai tempi di Bocci che dell'assessore alla Sanità folignate avevano contribuito al smantellamento dell'Ospedale Spoletino in seguito, strada proseguita dal CentroDestra locale con l'assessore lombardo. Ora con la vittoria (33%) della Destra,in Umbria, arriveremo al "Lebbrosario" (Il Castello di S.Giacomo e le Logge del S. Matteo-tra l'altro ancora NON PRATICABILI-se erano a Foligno o Perugia erano state rifatte TRE volte.) Come mai sia la Sinistra che la Destra hanno perseguito lo stesso obiettivo? Aspetto una risposta-analisi dai lettori che dal Dott.Ercolani.

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.