Spoletonline
Edizione del 22 Giugno 2018, ultimo aggiornamento alle 10:07:39
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Costa D'Oro
Spoletonline
Adcomm
cerca nel sito
Parafarmacia Serra
Ristorante Albergo LE CASALINE
Arte Infusa
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Pc Work
TrattOliva
Azienda Agricola Bocale
Agriturismo Colle del Capitano
Rafting Nomad
Spoleto Cinema al Centro
AROF Agenzia Funebre
Stampa articolo

L'architetto risponde, 02 Settembre 2008 alle 10:31:17

L’ARCHITETTO C’E' E RISPONDE A RAFFAELLA

Valerio Marino ,come sempre prontissimo ed esauriente

Gentile Raffaella,La norma cui bisogna fare riferimento è contenuta nell’Allegato I del D.Lgs. 192/2005, come modificato dal D.Lgs. 311/2006: per la precisione al comma 2, lett. a).
Riassumendo: se un edificio è sottoposto a ristrutturazioni totali o parziali, manutenzione straordinaria dell’involucro edilizio e ampliamenti volumetrici, e questi interventi prevedono opere di rifacimento di pareti o intonaci esterni, del tetto o dell’impermeabilizzazione delle coperture, allora è obbligatorio rispettare i limiti di isolamento dettati dallo stesso decreto all’allegato C, punto 2, tabella 2.



Questi valori sono via via più stringenti nel 2006, 2008 e 2010 e non sono quasi mai ottenibili con gli spessori classici di materiale isolante ai quali eravamo abituati.


Ricordo che i requisiti di isolamento termico (o più propriamente di trasmittanza) non dipendono solo dallo spessore o dal tipo di materiale isolante applicato, ma anche dal tipo e dallo spessore della parete esistente. 


Per venire incontro a chi decide di ristrutturare un’abitazione e si trova di fronte ai maggiori costi dovuti all’applicazione di queste norme (che ripeto sono cogenti, cioè obbligatorie), il legislatore ha previsto, dal 2007, la possibilità di ottenere (con un minimo “sforzo” in più) detrazioni fiscali per il 55% della spesa sostenuta nella riqualificazione energetica dell’immobile.


I limiti di isolamento per chi volesse detrarre sono un po’ più stringenti ma, in alcuni casi, è possibile rientrarvi applicando lo stesso isolamento che si sarebbe dovuto applicare per legge.


Per concludere, nella valutazione costi-benefici, tenga conto che un buon isolamento delle pareti (e ancora più del tetto) può portare ad un risparmio che varia dal 25% al 40% sul fabbisogno di energia per il riscaldamento e a migliori condizioni di comfort anche in estate. Questo tipo di investimento, con le detrazioni del 55%, è generalmente recuperabile tra i 5 ed i 10 anni.


 


Valerio Marino  


   


Valerio Marino, Architetto


Certificatore Energetico degli Edifici SACERT


Coordinatore regionale SACERT (www.sacert.eu)


Vice Presidente RICE (Rete Italiana Certificatori Energetici – www.riceitalia.it)


Inviate le vostre domande e richieste all’indirizzo e-mail


valerio.marino@tiscali.it



 


Valerio Marino si è laureato in Architettura con il massimo dei voti presso la facoltà Valle Giulia dell’Università di Roma La Sapienza con una tesi dal titolo Auditorium e parco urbano a Piazza d’Armi, Spoleto, relatore il Prof. Arch. G. Romoli. Ha svolto attività di tutor per il corso di Laboratorio di Progettazione I del Corso di Laurea in Arredamento e Architettura degli Interni e per il corso di Laboratorio di Progettazione IV del Corso di Laurea Specialistica U.E. tenuti dal Prof. Arch. G. Romoli.


È coordinatore regionale SACERT per l’Umbria, vice-presidente della RICE (Rete Italiana Certificatori Energetici) e iscritto all’albo dei certificatori energetici della regione Lombardia.


Si è specializzato come Esperto nella Progettazione Sociale, Economica ed Ambientale dei Centri Storici; partecipa ai lavori della Commissione Cultura dell’Ordine degli Architetti P.P.C. della provincia di Perugia; è iscritto all’ANAB (Associazione Nazionale Architettura Bioecologica); partecipa inoltre ai lavori di Agenda 21 locale.


Svolge attività di libero professionista e di insegnamento collaborando con studi di progettazione e enti di formazione. È specializzato negli interventi di progettazione e recupero bioclimatici, risparmio energetico e fonti rinnovabili: sta seguendo numerosi interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti per l’accesso alle detrazioni previste dalle Leggi Finanziarie 2007-2008 e lavori di installazione di impianti fotovoltaici in Conto Energia. Ha curato, fra gli altri, il Programma Sperimentale del Contratto di Quartiere 2 di Spoleto (bando 2006) e la progettazione di due impianti fotovoltaici per altrettanti ex caselli della Ferrovia Spoleto-Norcia.


Ha presentato i suoi lavori e progetti in numerosi convegni e mostre tra cui Il progetto nel recupero (Facoltà di Ingegneria di Perugia, 2007), Educazione al futuro e sviluppo sostenibile (Spoleto, 2006), Le Facoltà si raccontano  (Casa dell’Architettura di Roma, 2005).





 



Camilla Laureti Sindaco


Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Perugia Online
Guerrini Macron Store
Pizzeria Mr Cicci
Performat Salute Spoleto
Principe
Necrologio
Bonifica Umbra
Lavanderia La Perfetta
Lavanderia La Perfetta
Spoleto Cinema al Centro
Sicaf Spoleto
Bar Moriconi
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'