Spoletonline
Edizione del 19 Luglio 2018, ultimo aggiornamento alle 01:41:41
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Costa D'Oro
Spoletonline
Costa D'Oro
cerca nel sito
Ristorante Albergo LE CASALINE
Azienda Agricola Bocale
Rafting Nomad
AROF Agenzia Funebre
Parafarmacia Serra
Ristorante Pizzeria San Giuliano
Agriturismo Colle del Capitano
Spoleto Cinema al Centro
Pc Work
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Libreria Aurora
The Kon
TrattOliva
Arte Infusa
Stampa articolo

Lo psicoterapeuta risponde, 02 Febbraio 2009 alle 11:16:33

Anoressia

Il controllo della fame e l'immagine ideale di se stessi

Salve amici di www.artedicambiare.org Una giovane ragazza di Spoleto soffre di anoressia da anni e
mi scrive chiedendomi alcuni consigli su come affrontare questo problema....


Parlerò oggi di alcuni aspetti dell'anoressia, un disturbo alimentare psicogeno che non cade mai di moda, purtroppo; anzi...c'è un incremento, rilevato statisticamente,che rende preoccupati gli studiosi di questo settore.
'A volte, di notte, mi rigiro nel mio letto e penso… a questa 'patologia',… a questo modo inconsapevole, bizzarro, di difendersi da una parte di se stessi, dal mondo, dalle madri troppo invadenti; e spesso mi domando se, la tv, che mette sempre in primo piano le curve sensuali di giovani vallette, i reality dei tutti belli, ignoranti, ad ogni costo banali, se il vivere occidentale, improntato sull'apparire e non sull'essere, e così via…, siano, tutte queste cose, complici del dramma vissuto da tante famiglie …


E, paradossalmente, sono d'accordo con le giovani anoressiche…vanche se cerco di accompagnarle oltre la lotta che fanno con se stesse, di cui non ne approvo ne il fine, né il mezzo'…
Vediamo, oggi, come il sentimento della vergogna possa essere considerato lo schema emotivo di base sottendente le gravi distorsioni cognitivo-comportamentali riscontrabili nei disturbi dell'alimentazione.
L'anoressia, la bulimia e l'obesità, sebbene diverse da un punto di vista fenomenologico, sono fortemente
accomunate dalla percezione dell'immagine di sé caratterizzata proprio da quei sentimenti di inadeguatezza, inefficienza e incapacità personale che, in questi casi, si organizzano attorno all'immagine di grassezza corporea.
A questo fa da contraltare un'immagine ideale di sé, contraddistinta da successo, perfezione e approvazione esterna, che si associa all'immagine di magrezza corporea..
Questa percezione doppia di sé, è un tratto distintivo di tutte le forme di disturbo alimentare, obesità compresa e può raggiungere dei quadri di vera e propria dissociazione. Tale sensazione di 'doppiezza' è anche l'aspetto centrale dell'esperienza soggettiva della sindrome della vergogna.
Nel caso dei disturbi alimentari, l'oscillazione tra le due immagini di sé appare strettamente vincolata al grado di controllo esercitato sul comportamento alimentare: tanto più il senso di fame sarà sotto controllo, tanto più ci si avvicinerà all'immagine ideale di sé da mostrare agli altri.
La situazione però è paradossale, in quanto il controllo viene esercitato su un bisogno fisiologico insopprimibile: l'abbandonarsi ad esso dà vita a un senso di fallimento e umiliazione personale, che rinforza la necessità di controllo al fine di riscattarsi.
E' una battaglia continua e snervante!! Questa lotta diventa ancor più crudele e senza fine quando
la persona scopre nel vomito auto indotto un rapido riequilibrio del senso di fallimento e incapacità che si
instaura dopo ogni attacco bulimico. X diceva durante un colloquio di psicoterapia: 'Quando ho cominciato a vomitare mi sentivo euforica, era come aver trovato il modo di rinascere ogni volta che io volevo…Una
parte di me, sana, si permette di desiderare qualcosa e nel momento in cui cede, l'altra parte, severa e punitiva, ha il sopravvento'.
In questa testimonianza viene messo in evidenza l'aspetto più importante e patologico: il controllo interno della  fame. Infatti chi sostiene che l'anoressica non ha fame, si sbaglia!
Attraverso il controllo interno della fame, ci si può riscattare di fronte agli altri, diventare più potenti degli altri… ecc.
La brama di riscatto e di desiderio di primeggiare si accompagna, poi, al forte rancore che spesso è osservabile in queste persone, per sovvertire uno stato di sottomissione e inferiorità sentito nel confronto con gli altri….
Credo che una psicoterapia cognitiva, supportata da un medico internista, possa aiutare molte giovani a risolvere questo problema.


 



Abbazia Albergo e Ristorante
Scheggino Donna
Multiservizi Spoleto
Trattoliva Ristorante / Campello sul Clitunno


Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Perugia Online
Così è una svolta Pub
Bonifica Umbra
Guerrini Macron Store
Spoleto Cinema al Centro
Taverna del Pescatore
Sicaf Spoleto
Bar Moriconi
Pizzeria Mr Cicci
Necrologio
Lavanderia La Perfetta
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Lavanderia La Perfetta
Performat Salute Spoleto
Associazione Cristian Panetto
Principe