Spoletonline
Edizione del 12 Dicembre 2017, ultimo aggiornamento alle 15:12:20
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Punto Salute Foligno
Spoletonline
Punto Salute Foligno
cerca nel sito
Spoleto Cinema al Centro
Agriturismo Colle del Capitano
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
TWX Evolution
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
Libreria Aurora
The Friends Pub
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Pc Work
Lavanderia La Perfetta Self
Centro Dentistico Cristina Santi
Vus Com
AROF Agenzia Funebre
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Ristorante Albergo LE CASALINE
Parafarmacia Serra
Mrs Sporty
Stampa articolo

Riflessi Naturali, 03 Maggio 2009 alle 23:02:43

Fuori menu'

Un'alimentazione ricca di sapori e colori per combattere tristezza, nervosismo, stanchezza, noia, sbalzi d'umore [Commenti]


Serena Corinti

Essere indifferenti a ciò che mettiamo in bocca è un po' come alimentare il nostro corpo con un carburante che può rischiare di mandarci fuori uso.



Il cibo è sì approvvigionamento di carboidrati, proteine, vitamine, grassi, e nutrienti ma ci nutriamo anche della qualità degli alimenti, dei conservanti, coloranti, dell'inquinamento che il prodotto ha assorbito, della sua provenienza quindi del suo viaggio sino a noi , della freschezza, tutti fattori che compromettono l'energia del cibo e la sua qualità nutrizionale.
Non fermiamoci solo all'apparenza alla facciata di quello che mangiamo ma facciamo attenzione anche al suo valore reale.
Lo scopo del cibo è di dare forza, benessere, energia.
Ippocrate diceva che il cibo è la nostra medicina prendiamolo come esempio.
I cibi oltre al piacere che regalano quando vengono gustati possono influenzare stati d'animo ed emozioni, un'alimentazione equilibrata, varia, ricca di sapori, colori, forme, profumi, qualità, stagionalità, può aiutare a combattere tristezza, nervosismo, stanchezza, noia, sbalzi d'umore.
Il cibo anestetizza , calma ogni appetito ed è il peso alla fine a risentirne.
Se abbiamo bisogno di dolcezza ci nutriremo di zucchero , se siamo critici verso noi stessi saremo più attratti dal sale, se nella vita manca un po' di pepe mangeremo più speziato, se mancano degli stimoli alla vita che si sta vivendo berremo molto caffè.
Il corpo conosce il suo mestiere sin dalla nascita, sa quando piangere, ridere, sudare, muoversi, ingoiare, e conosce anche le sue necessità tra le quali il cibo.
Basta pensare a quando siamo malati, il nostro corpo ci richiede cibo a piccole dosi, puro, salutare, è così che dobbiamo fare anche quando siamo in forma, prenderci cura del nostro corpo per farlo stare bene. Per corpo non intendo solo quello fisico, ma quello emozionale mentale spirituale.
Se noi siamo quello che mangiamo facciamo attenzione alle nostre abitudini alimentari e proviamo a cambiare giorno per giorno il nostro modo di mangiare.
L'abitudine riduce le scelte e spinge a mangiare ciò che risulta familiare riservando ben poche sorprese.
Cambiare qualche piccola abitudine significa non limitarsi e quindi prendere in esame altre alternative.
Un modo di mangiare che va oltre il valore nutritivo del cibo può essere considerato un'alternativa.
Cambiando abitudine rompiamo lo schema che ci ha dato tanta sicurezza sino ad ora ma è da qui che cresciamo e miglioriamo, scoprendo nuovi cibi, sapori, nuove emozioni.
Mangiamo in un modo nella nostra infanzia, poi nell'adolescenza, nella maturità, e nell'età adulta.
Notiamo quali cibi ci hanno accompagnato sino ad ora? Quali ci hanno abbandonato? Quali sono entrati ora nella nostra vita? Osservateli, a cosa non avete rinunciato? Scopriamo quale cibo è parte di noi più di ogni altro e capiremo il nostro bisogno primario.
Sediamoci a tavola perchè è qui che nascono i nostri equilibri, disequilibri, benessere, stanchezza, armonia, del nostro stato fisico e psichico, con un atteggiamento rilassato, attento alla naturalezza , ad una corretta associazione degli alimenti, alla rotazione dei cibi, ai colori, ai sapori, forma e profumi degli alimenti, al nostro istinto guida , e riflettiamo se è una buona idea provare a cambiare il nostro modo di mangiare e quindi anche modo di essere. Buon appetito!


Come naturopata e consulente di fiori di Bach (iscritta al registro italiano di floriterapia) Serenella Corinti risponderà ai lettori attraverso questa rubrica:
e-mail
liquiriziaserenissima@tin.it  
Studio
Via Brignone, 3 Spoleto cell. 3284159673



Commenti (1)

Commento scritto da MARIA TERESA ZILEMBO il 06 Luglio 2009 alle 14:01
UN ARTICOLO CHE AIUTA A FAR RIFLETTERE CON EFFICACIA SU COME LE NOSTRE ABITUDINI, ANCHE ALIMENTARI, POSSANO INTERFERIRE CON LA NOSTRA PERSONALE EVOLUZIONE E CON LA NOSTRA SALUTE. SPEZZARE I LEGAMI COL PASSATO E' DIFFICILE SOPRATTUTTO NEL RAPPORTO CON IL CIBO MA E' UNA SFIDA CHE VALE LA PENA DI VIVERE E DI VINCERE PER SCOPRIRE, COME DICE BENESSIMO SERENA, NUOVE ESPERIENZE PER IL PALATO E SOPRATUTTO NUOVO E DURATURO BENESSERE PER IL NOSTRO CORPO.

COMPLIMENTI!!!!


Aggiungi un commento [+]
Performat Salute Spoleto
Gabetti Immobiliare
Bonifica Umbra
Principe
Supermercati della convenienza offerte speciali
Sicaf Spoleto
Lavanderia La Perfetta
Pizzeria Mr Cicci
Stile Creazioni
Ristorante La Pecchiarda
Lavanderia La Perfetta
Necrologio
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Spoleto Cinema al Centro
Perugia Online
Associazione Cristian Panetto
De.Car. Elettronica
Ferramenta Bonfè
TWX Evolution
Guerrini Macron Store