Spoletonline
Edizione del 19 Ottobre 2017, ultimo aggiornamento alle 12:00:42
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Adcomm
Spoletonline
Adcomm
cerca nel sito
Aldo Moretti S.r.l.
Mrs Sporty
Vus Com
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Lavanderia La Perfetta Self
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
Centro Dentistico Cristina Santi
TWX Evolution
Civico 53
Fondazione Giulio Loreti
Ristorante Albergo LE CASALINE
Libreria Aurora
Pc Work
Spoleto Cinema al Centro
Agriturismo Colle del Capitano
The Friends Pub
Parafarmacia Serra
Stampa articolo

Satyricon, 02 Agosto 2009 alle 13:47:46

Panem porchettam (et circenses?) nella Rocca di Gualdo Cattaneo

Considerazioni sulla cultura italiana di centro-sinistra [Commenti]


Raoul Mantini

Ci risiamo: a nemmeno una settimana dall'improrogabile missione in Germania del neosindaco Pensi, ecco che l'Amministrazione gualdese se ne esce con un'altra iniziativa destinata a rimanere scritta nei libri di storia:


un festival della porchetta nella Rocca di Gualdo Cattaneo.


Non è un caso, forse, che il giovane avvocato recentemente assurto alla carica di primo cittadino abbia deciso di tenere per sé la delega alla cultura: un simile connubio fra arte, storia e fegatelli col pepe, ben difficilmente avrebbe potuto essere opera di un comune mortale.


Le ragioni di una simile iniziativa posso essere facilmente intuibili.


Innanzitutto un profondo senso di gratitudine - tutto politico - verso l'istituzione della porchetta, elemento base della campagna elettorale dello schieramento composto dal Partito Democratico e dai suoi vassalli, che se da un lato ha seriamente rischiato di estinguere la popolazione suina locale, dall'altro ha colmato il deficit di idee e contenuti con cui gli attuali amministratori avevano iniziato la loro ascesa al potere.


Secondariamente, è ravvisabile una punta di "ma-anchismo" Veltroniano, che in simili contesti non guasta mai: è infatti noto che i signori "piddini" sono sì per la cultura ma anche per un po' di dozzinale e gretta ignoranza, sono per le cose ben fatte ma anche per qualche amabile ed innocua puzzonata.


Cantava il povero Gaber "...la cultura per le masse è un'idiozia, la fila coi panini davanti ai musei mi fa malinconia...". C'è un che di brutale, di profondamente brutale nel voler a tutti i costi e in tutti i contesti mettere insieme cose fra loro ossimoriche, antitetiche, assolutamente stridenti, totalmente fuori contesto.


La scaletta in stile IKEA della Rocca e la ripavimentazione della piazza del Capoluogo coi ciottoli di fiume sono un po' il simbolo dell'incompetenza con cui è stato gestito e continuerà ad essere gestito il patrimonio storico culturale del nostro Comune. Ci sono giunte voci anche di un restauro del Teatro, fatto con i soliti criteri che tutti conosciamo e che hanno reso i nostri amministratori umbri famosi nel mondo.


Tempo fa ci è capitato di ascoltare i commenti di alcuni turisti tedeschi sul restauro del centro storico: se l'Avvocato Pensi avesse perlomeno una conoscenza passiva del tedesco e si fosse casualmente trovato nei paraggi, dubitiamo che avrebbe avuto il coraggio di varcare la frontiera del Brennero.


I nostri, però, sono solo discorsi da poveri stronzi. Ciò che sembra aver più importanza in questa torrida estate dell'anno del Signore 2009, con le famiglie ogni giorno sempre più povere e la crisi che è solo agli inizi, è la bisboccia. Quest'amministrazione godereccia, sambaiola, che ricorda il Ministro socialista De Michelis negli anni d'oro, è per buona parte espressione di un elettorato inamovibile e fidelizzato fino all'inverosimile.


E' un limite con cui dover imparare a convivere. "A noi ce piace de magnà e beve, e nun ce piace de lavorà..". 


Inutile sperare che emerga il potenziale cittadino che si annida in ogni suddito di questa desolata landa. La gozzoviglia e le varie brasilianate in piazza con l'alto patrocino delle "istituzioni" fanno parte di un ben più ampio meccanismo di potere vecchio di oltre duemila anni, che il poeta latino Giovenale aveva stigmatizzato con un'espressione giunta fino ai nostri giorni: PANEM ET CIRCENSES.


 



Commenti (1)

Commento scritto da lucrezia_ro il 02 Agosto 2009 alle 16:21
sx o dx...la porchetta buonissima...consiglio quella di serafino in piazza del mercato...a spoleto...buon appetito..!!!


Aggiungi un commento [+]
Spoleto Cinema al Centro
Performat Salute Spoleto
TWX Evolution
Bonifica Umbra
Ristorante La Pecchiarda
Perugia Online
Principe
Associazione Cristian Panetto
Stile Creazioni
Bar Moriconi
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Pizzeria Mr Cicci
De.Car. Elettronica
Lavanderia La Perfetta
Supermercati della convenienza offerte speciali
Lavanderia La Perfetta
Sicaf Spoleto
Ferramenta Bonfè
Aldo Moretti S.r.l.
Bar Kiss