Spoletonline
Edizione del 17 Novembre 2017, ultimo aggiornamento alle 09:31:38
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Punto Salute Foligno
Spoletonline
Punto Salute Foligno
cerca nel sito
Mrs Sporty
Pc Work
Agriturismo Colle del Capitano
AROF Agenzia Funebre
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
The Friends Pub
Aldo Moretti S.r.l.
Spoleto Cinema al Centro
Lavanderia La Perfetta Self
Parafarmacia Serra
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
Libreria Aurora
Centro Dentistico Cristina Santi
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Bonifazi Immobiliare Spoleto
TWX Evolution
Vus Com
Ristorante Albergo LE CASALINE
Stampa articolo

Spoleto - Cronaca, 20 Gennaio 2010 alle 17:10:22

Ciao Ivano, amico di tanto tempo fa

Il saluto di un tuo coetaneo più fortunato [Commenti]


Daniele Ubaldi

Ivano Volpi si è perso. E' difficile scrivere di un coetaneo che decide di togliersi la vita, ancor di più se lo si è visto crescere. Perciò chiedo scusa ai lettori, e anche a tutti i parenti, alla sua ragazza e agli amici, se questa volta non sarò il solito cronista. E mi scuso anche per l'uso della


prima persona, ma è in prima persona che voglio scrivere. Ivano non era uno stinco di santo. Soffriva di problemi psichici, spesso era violento, anche e soprattutto con le persone cui voleva bene. Ma non era cattivo, non lo era mai stato, e da lucido era una persona affabile e cordiale con tutti, un ragazzo di cuore, con i problemi che ha ogni ragazzo normale, specie quelli che vivono nelle piccole, piccolissime realtà come Norcia.
La lucidità, appunto. Aveva trascorso un lungo periodo di lucidità, subito dopo l'incubo, durante il quale erano parsi lontanissimi i giorni della disperazione. Aveva anche trovato l'amore, Ivano, aveva trovato "la perla più rara", come dice De André. Poi il ritorno a casa, e i vecchi fantasmi ad attenderlo con i loro trucchi infami che confondono la mente. A marzo scorso c'era ricascato, aveva picchiato i genitori e anche i carabinieri intervenuti per fermarlo. Ricordo che scrissi la cronaca, breve e strigliata per l'imbarazzo, della convalida del suo arresto. Altrettanto telegrafico, una settimana più tardi, il resoconto della sua condanna: 10 mesi di reclusione in una struttura di recupero. Ne era uscito proprio pochi giorni fa. Poi di nuovo la violenza, sempre uguale, di nuovo le stesse scene e ancora un arresto, ancora un film già visto, l'unico possibile, del resto. Questa volta Ivano non ha voluto aspettare il finale.
Caro amico mio di tanto tempo fa, ti avevo incontrato martedì della settimana passata, insieme alla tua ragazza, in un negozio di scarpe. Eri appena uscito, cercavi lavoro e mi hai chiesto di tenere le antenne alzate per te. Non abbiamo fatto in tempo. Non te ne sei voluto dare di più. Oggi non vince nessuno.
Ciao


Si chiamava Ivano Volpi e risiedeva a Norcia il 29enne che si è tolto la vita nella tarda mattinata di oggi al carcere di Maiano. Era stato arrestato e tradotto nella casa di reclusione di Spoleto la settimana scorsa, dopo aver aggredito i propri genitori ed i Carabinieri intervenuti per fermarlo. Volpi a quanto pare non era nuovo a


episodi di violenza. L'arresto è infatti avvenuto pochi giorni dopo l'uscita da una struttura sanitaria dove il ragazzo aveva trascorso diversi mesi in seguito ad una condanna proprio per comportamenti violenti, e sempre ai danni dei propri familiari. Non si esclude che la Procura possa aprire un'inchiesta sulla vicenda, che con il suicidio di oggi va inevitabilmente a pesare come un macigno sulla già drammatica situazione del carcere di Maiano di Spoleto, stretto ormai nella insostenibile morsa del sovraffollamento.


 



Commenti (3)

Commento scritto da antonella Bruno il 21 Gennaio 2010 alle 22:37
ieri ho inviato una mail dove dicevo che non capisco cosa c'entrano i problemi di questo ragazzo con la situazione del carcere. ma giustamente da buon giornalista qualcuno ha deciso di non inserire il commento in quanto non era secondo lui pertinente con il saluto ad un amico. Ma dico io... un ragazzo con problemi psichici che picchiava i genitori ed era appena uscito da una struttura sanitaria che colpe voglIAMO DARE AL CARCERE???


Commento scritto da Redazione Sol il 21 Gennaio 2010 alle 23:03
Dove ha letto che è colpa del carcere? E... Pensa che un gesto del genere allenti la tensione in una struttura in crisi come il carcere di Maiano?

Cordialità

La redazione di Sol


Commento scritto da Maria Eliantonio il 22 Gennaio 2010 alle 03:14
http://blog.libero.it/manuelEliantonio/

Quali farmaci venivano somministrati a questo ragazzo Ivan?

Quante ore sono trascorse prima di segnalare il decesso?

Sentite condoglianze.

Prego la famiglia di contattarmi,con altre mamme,famigliari di tante vittime non subiamo in silenzio l'eliminazione,l'uccisione dei nostri ragazzi,se Ivan ha scelto spontaneamente di togliersi la vita,vi è sempre la responsabilità di chi non ha vegliato,di chi non ha dato l'assistenza sanitaria adeguata.

Cordialmente

Maria Eliantonio,per MANUEL ELIANTONIO UCCISO a 22 anni.



Aggiungi un commento [+]
Aldo Moretti S.r.l.
Stile Creazioni
Ristorante La Pecchiarda
Guerrini Macron Store
Associazione Cristian Panetto
Lavanderia La Perfetta
Lavanderia La Perfetta
Performat Salute Spoleto
Pizzeria Mr Cicci
Spoleto Cinema al Centro
Sicaf Spoleto
Perugia Online
Necrologio
TWX Evolution
Principe
Bar Moriconi
Bar Kiss
Gabetti Immobiliare
Bonifica Umbra
De.Car. Elettronica
Ferramenta Bonfè
Supermercati della convenienza offerte speciali