Spoletonline
Edizione del 19 Febbraio 2018, ultimo aggiornamento alle 20:56:54
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
BEXB
Spoletonline
Adcomm
cerca nel sito
Mrs Sporty
Libreria Aurora
Parafarmacia Serra
Spoleto Cinema al Centro
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Pc Work
Ristorante Albergo LE CASALINE
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
AROF Agenzia Funebre
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
Maison del Celiaco
Stampa articolo

Per chi non dorme, 09 Febbraio 2010 alle 02:10:39

Hotel California

Eagles (1976) [Video, Commenti]

Su un'autostrada, buia e deserta, il vento freddo tra i capelli
e il caldo profumo dei fiori del deserto che si libra nell'aria.



In lontananza scorgo una luce scintillante.
La mia testa s'è fatta pesante e la mia vista sempre più fioca.
Mi devo fermare per la notte.


Lei sta lì ritta sulla soglia,
dentro mi risuona un campanello d'allarme
mentre penso tra me
"potrebbe essere il paradiso o potrebbe essere l'inferno".
Poi lei accende la candela e mi mostra l'interno,
sento nelle voci nei corridoi
e mi sembra che dicano....


"Benvenuto all'Hotel California
un posto così amabile
un volto così amabile
ci sono tante camere all'Hotel California
in ogni momento dell'anno puoi trovarne una"


La sua mente è perversa, ma ha le curve di una Mercedes
e tanti bei ragazzi che chiama amici:
danzano nel cortile, sudati per la dolce estate,
alcuni danzano per ricordare, altri per dimenticare.


Chiamo il Capo:
"Per favore, mi porti del vino",
lui risponde "non ne abbiamo più dal 1969".
Ed ancora quelle voci si fanno sentire da lontano,
ti svegliano nel mezzo della notte
e puoi udirle mentre sussurrano...


"Benvenuto all'Hotel California
un posto così amabile
un volto così amabile
si godono la vita all'Hotel California,
che bella sorpresa, procurano i tuoi alibi."


Specchi sul soffitto
champagne rosato con ghiaccio
e lei dice:
"Qui siamo tutti prigionieri di noi stessi".
E nella camera del padrone
si sono radunati per la festa,
lo trafiggono con i loro coltelli d'acciaio,
ma non possono uccidere la bestia.


L'ultima cosa che ricordo
è che stavo correndo verso la porta,
dovevo trovare un passaggio, un modo
per tornare dov'ero prima.
"Rilassati - sorride l'uomo della notte -
Qui siamo programmati per accogliere.
Puoi lasciare la stanza e pagare quando vuoi,


ma non potrai mai andartene realmente"



JW Player goes here
Commenti (3)

Commento scritto da doc il 09 Febbraio 2010 alle 08:51
brano meraviglioso, intriso di atmosfere...


Commento scritto da Melo il 09 Febbraio 2010 alle 12:44
In realtà l'Hotel California è una metafora, rappresenta la droga. Per ammissione degli stessi autori. Infatti il testo è tristissimo.


Commento scritto da mariangela il 10 Febbraio 2010 alle 14:18
Un pezzo molto bello, si ascolta sempre volentieri!

Grazie per averlo riproposto.


Aggiungi un commento [+]
Necrologio
Lavanderia La Perfetta
Bonifica Umbra
Guerrini Macron Store
Principe
Pizzeria Mr Cicci
Performat Salute Spoleto
Spoleto Cinema al Centro
Stile Creazioni
Perugia Online
Ferramenta Bonfè
Sicaf Spoleto
Gabetti Immobiliare
Lavanderia La Perfetta
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Supermercati della convenienza offerte speciali
Associazione Cristian Panetto
De.Car. Elettronica