Spoletonline
Edizione del 28 Gennaio 2020, ultimo aggiornamento alle 14:31:56
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Spoletonline
cerca nel sito
Ristorante al Palazzaccio
Tuber experience - Campello
Axis Italy
Ristorante Pecchiarda
Electrocasa Spoleto
Pc Work
Agriturismo Posto del Sole
Parafarmacia Serra
Ristorante Albergo LE CASALINE
Dottor Luigi GRAZIANI
Agricoltura Naturale Giorgetti
Alimentari Di Cicco Pucci
Libreria Aurora
Spoleto Cinema al Centro
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Stampa articolo

La colonna di Moro, 12 Aprile 2010 alle 09:32:19

'Il Profeta'

La prigione come palestra di vita


Leonardo Moro

Jacques Audiard filma l'excursus criminale di Malik El Djebene (il semi sconosciuto Tahar Rahim)
con una macchina da presa mobile, perché il film, molto fisico, lo richiede. Il protagonista entra in carcere senza nessun oggetto di valore e là fuori non c'è nessuno che lo aspetta. La prigione lo


forma, impara a leggere e a scrivere, e nel corso dei sei anni di detenzione entra prepotentemente nelle grazie dei corsi (monumentale l'interpretazione di Niels Arestrup, il boss Carlos Luciani) e degli arabi. Il suo apprendistato criminale è descritto senza sconti, con un realismo degno del miglior Scorsese.
Questo film, Grand Prix a Cannes, conferma le straordinarie doti di Jacques Audiard. Uno dei migliori autori al mondo. Da vedere e rivedere anche i suoi lavori precedenti: "Sulle mie labbra" e "Tutti i battiti del mio cuore".


 



Multiservizi Spoleto
Il Biologico Spoleto
Principe Store
Cioccolateria Vetusta Nursia
Salute e Bellezza Tracchegiani
Azienda Modena
Lavanderia La Perfetta


Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Terminal alle Mattonelle
Spoleto Cinema al Centro
Trattoria del Passo d'Acera
Liquorificio Due Mondi
Bar delle Miniere
Bonifica Umbra
Visit Scheggino
Associazione Cristian Panetto
Bar Moriconi
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Bar ristorante Belli - Spoleto
La Fabbrica del Gelato
Marco Post Spoleto
Il Pianaccio