Spoletonline
Edizione del 17 Ottobre 2017, ultimo aggiornamento alle 01:53:33
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Adcomm
Spoletonline
BEXB
cerca nel sito
Lavanderia La Perfetta Self
Ristorante Albergo LE CASALINE
Agriturismo Colle del Capitano
Centro Dentistico Cristina Santi
Libreria Aurora
Mrs Sporty
The Friends Pub
Pc Work
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
Aldo Moretti S.r.l.
Spoleto Cinema al Centro
TWX Evolution
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
Fondazione Giulio Loreti
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Parafarmacia Serra
Civico 53
Vus Com
Stampa articolo

Terni - Lavoro, 10 Maggio 2011 alle 17:03:30

Sicurezza: se ne parla a Terni alla luce della sentenza Tyssen Krupp

Giovedi 12 l'incontro a cura del gruppo consiliare regionale Prc - Fds

Giovedì 12 Maggio alle ore 17:00, presso la Sala Conferenze dell'Hotel Valentino a Terni, si terrà un incontro pubblico dal titolo "La sicurezza sul lavoro non si baratta, i diritti non si vendono. La sentenza di Torino: la speranza di un lavoro senza morti e ricatti".


Ogni anno in Italia si contano più di mille morti sul lavoro. Dall'inizio dell'anno ad oggi ci sono già stati 220 morti. Di fronte a questi dati la sentenza della Corte di Assise di Torino sul rogo Thissen Krupp permette finalmente di costituire un deterrente certo ed efficace verso chi risparmia sulla vita dei lavoratori. Con l'introduzione del dolo si afferma che gli incidenti sono determinati da comportamenti imputabili a norma di legge e non da una semplice casualità.
Il dibattito che si è sviluppato a Terni a seguito della sentenza, teso più a preservare posizioni localistiche, agitando rischi di rivalse da parte della multinazionale, ha portato il gruppo in Consiglio Regionale del PRC - FdS ad organizzare per il 12 Maggio un confronto pubblico con il territorio per mettere al centro il tema dello sviluppo economico e per superare l'idea che in nome della competitività devono essere sacrificati sicurezza, stabilità e dignità del lavoro.
Le ultime notizie sull'intenzione della TK-AST di cedere la produzione dell'INOX, intenzione nota da mesi, dimostra ancora una volta che la multinazionale è interessata solo a conseguire gli obiettivi di crescita fissati e all'andamento del titolo, cresciuto del 7% dopo l'annuncio, e dei relativi dividenti degli azionisti, confermando le nostre posizioni e preoccupazioni: la sicurezza sui luoghi di lavoro è svincolato dalla competitività. Infatti a nulla è servita la posizione presa dal Sindaco, dal Presidente della Provincia, da Confindustria, dalle forze politiche e da una parte del sindacato in occasione della condanna della multinazionale e del suo amministratore delegato.
Oggi è urgente che le forze politiche, sociali e imprenditoriali aprano una vertenza incisiva con il Governo nazionale affinché si difenda il profilo industriale del territorio e del paese, senza soffermarsi a criticare la sentenza di Torino.
Per questo il Gruppo PRC - FdS auspica un impegno comune per il territorio in grado di definire un nuovo modello di sviluppo, dove sia il diritto e non il ricatto a dettare le regole.
L'iniziativa del 12 maggio organizzata dal Gruppo consiliare regionale del PRC - FdS è una prima tappa in questa direzione, e invitiamo la cittadinanza, le forze politiche e sociali a discuterne con Damiano Stufara (Capogruppo PRC - FdS alla Regione Umbria), Giorgio Cremaschi ( Presidente Comitato Centrale FIOM - CGIL), Vasco Cajarelli (Segretario Regionale CGIL), Paolo Pacifici (Sindaco di Campello sul Clitunno), On. Antonio Boccuzzi ( Deputato PD - ex operaio TK - Torino).


Il Presidente del Gruppo consiliare PRC - FdS
Damiano Stufara


 



Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
TWX Evolution
Ferramenta Bonfè
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Bar Moriconi
Spoleto Cinema al Centro
Associazione Cristian Panetto
Stile Creazioni
Ristorante La Pecchiarda
Pizzeria Mr Cicci
Aldo Moretti S.r.l.
Lavanderia La Perfetta
De.Car. Elettronica
Lavanderia La Perfetta
Performat Salute Spoleto
Supermercati della convenienza offerte speciali
Bar Kiss
Sicaf Spoleto
Bonifica Umbra
Perugia Online
Principe