Spoletonline
Edizione del 13 Dicembre 2017, ultimo aggiornamento alle 11:02:54
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Aldo Moretti S.r.l.
Spoletonline
Agenzia Bonifazi Immobiliare Spoleto
cerca nel sito
Parafarmacia Serra
Bonifazi Immobiliare Spoleto
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
TWX Evolution
Lavanderia La Perfetta Self
Libreria Aurora
Agriturismo Colle del Capitano
Spoleto Cinema al Centro
Centro Dentistico Cristina Santi
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
Maison del Celiaco
The Friends Pub
Ristorante Albergo LE CASALINE
AROF Agenzia Funebre
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Vus Com
Pc Work
Mrs Sporty
Stampa articolo

Notizie dal Mondo, 26 Maggio 2011 alle 10:37:41

Dalla rivista Linn’s un antico documento...

Svelato agli americani un ex enigma [Commenti]


Sandro Morichelli

È il simbolo del Distretto militare di Spoleto. L'agente di viaggio Rauth Manos residente in New York ha spedito a John Clinton Everett, noto musicista già presente al Festival dei Due Mondi il


seguente documento scritto in inglese chiedendo spiegazioni. Eccone il testo.



Dear C.T. - Do you know about this?
(conosci cos'è ciò?)
Rauth Manos


Eccolo tradotto in italiano:
"Sono certo che non è un bollo postale. Vorrei sapere cos'è. Lo trovai perforato su carta blù con fondo giallo e verde. La figura centrale rappresenta un' ‘aquila che ghermisce un'aureola con il numero 72.
Vi è una piccola o dopo il citato numero. I due emblemi in alto hanno corone in ambo i lati. Sul nastro in fondo è scritto Distretto militare di Spoleto. Ma cos'è: forse un bollo per corrispondenze militari? È la pubblicità di un prodotto? C'è qualcuno che legge la rivista Linn's che può identificare per me? Ed ecco la risposta del firmatario del "pezzo".
Si tratta esclusivamente del simbolo che si riferisce al Distretto militare di Spoleto indicato con il numero 72. I due emblemi in alto sono facilmente decifrabili. Quello di sinistra rappresenta l'emblema di Casa Savoia sovrastato dalla corona reale. Quello di destra non è altro che il simbolo della città dai colori bianco e rosso con l'inserimento del patrono San Ponziano a cavallo, protettore di Spoleto. L'antico documento rappresentava per gli americani un vero e proprio enigma. Dal momento attuale non lo è più essendo stato risolto, almeno per me, senza alcuna difficoltà.


 



Commenti (2)

Commento scritto da Michael Surace il 26 Maggio 2011 alle 11:06
Sarebbe trovarne da qualche parte una copia originale di questo simbolo (forse negli archivi di qualche caserma spoletina?) e portarlo nel nostro Museo cittadino. Anche queste piccole cose fanno parte della nostra Storia.


Commento scritto da mecca il 26 Maggio 2011 alle 20:47
si,se non avessero buttato al macero ed in fonderia tutto quello che era custodito nelle caserme(ormai da decenni trasformate in depositi)spoletine dal dopoguerra alla fine della naja obbligatoria e quindi chiusura di quest'ultime!a parte la perdita di cimeli di importanza storica anche a livello economico collezionistico, preferiamo buttare tutto anziche svenderli alle migliaia di collezionisti e ricercatori di storia patria che si svenano nella varie fiere di militaria x salvarne qualcuno.


Aggiungi un commento [+]
Ferramenta Bonfè
Associazione Cristian Panetto
Ristorante La Pecchiarda
De.Car. Elettronica
TWX Evolution
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Perugia Online
Lavanderia La Perfetta
Bonifica Umbra
Guerrini Macron Store
Stile Creazioni
Spoleto Cinema al Centro
Performat Salute Spoleto
Sicaf Spoleto
Supermercati della convenienza offerte speciali
Pizzeria Mr Cicci
Necrologio
Lavanderia La Perfetta
Gabetti Immobiliare
Principe