Spoletonline
Edizione del 19 Ottobre 2017, ultimo aggiornamento alle 21:09:21
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Aldo Moretti S.r.l.
Spoletonline
Adcomm
cerca nel sito
Fondazione Giulio Loreti
Agriturismo Colle del Capitano
Vus Com
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
Pc Work
TWX Evolution
Civico 53
Parafarmacia Serra
Centro Dentistico Cristina Santi
Mrs Sporty
Spoleto Cinema al Centro
Libreria Aurora
Aldo Moretti S.r.l.
Lavanderia La Perfetta Self
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
Ristorante Albergo LE CASALINE
The Friends Pub
Stampa articolo

Spoleto - Storie & storie, 18 Luglio 2011 alle 10:43:11

IL CINQUANTENARIO DELLA MORTE DI SOR CLEMENTE

L'ultima apparizione in Piazza duomo di Alberto Talegalli [Commenti]


Sandro Morichelli

Alberto Talegalli, nel momento di maggior fulgore, venne stroncato da un banale incidente stradale. La sua popolarità in breve tempo divenne grandiosa. Non tutti ricordano il comico spoletino, che trasmetteva le sue variopinte scenette attraverso la radio.


L'autore del presente articolo frequentava l'università di Roma, stando a contatto con Enrico Argientieri, direttore generale del Totocalcio al Coni e con l'altro comico spoletino Franco Nicoletti, entrambi ammiratori di Talegalli. Sor Clemente descriveva fattarelli davvero divertenti, paradossali, umoristici. All'ora della trasmissione, grandissima parte degli spoletini si sedeva accanto alla radio per ascoltare Sor Clemente che faceva ridere un po' tutti con i suoi personaggi indovinatissimi e comici oltre ogni dire. In alcune occasioni le persone libere da impegni rientravano prima in famiglia per ascoltare Sor Clemente, che era entrato nell'animo di tutti, lasciando prevedere una gran bella carriera in campo cinematografico. Aveva infatti iniziato con alcuni Films di successo, conquistando la platea.
Il 7 luglio 1961 in piazza Duomo venne organizzato in onore di Giancarlo Menotti, che allora aveva 50 anni, una festa spettacolo, con la presenza di Alberto Talegalli, festeggiatissimo e pimpante. Da un po' di tempo Sor Clemente veniva invitato in parecchie città d'Italia per raccontare le storielle paesane da lui vissute a Pincano, piccola frazione del Comune di Spoleto, eletta a suo domicilio. Quella sera, Alberto Talegalli si trovò tra la gente di Spoleto e del festival per l'ultima volta, applaudito e complimentato da tutti. Tre giorni dopo, esattamente il 10 luglio, di ritorno da Rimini, ove aveva effettuato un riuscitissimo spettacolo, morì in un incidente stradale nelle immediate adiacenze di Gualdo Tadino, con altri due nostri concittadini. Lo sgomento e il dolore per la morte dei tre spoletini fu unanime. Il commosso addio della popolazione si produsse il 12 luglio in piazza San Gregorio, con una affollatissima manifestazione di affetto. Sor Clemente, conosciuto ed amato in tutta Italia, aveva raccontato l'ultima sua avventura sul palcoscenico del Grand'hotel di Rimini. Con frasi divertenti in dialetto spoletino e con parole in maccheronica lingua inglese rievocò la festa del 7 luglio in piazza Duomo, evidenziando il carisma di Gian Carlo Menotti, Duca di Spoleto. Aveva raccontato le fasi della festa spettacolo, che vide la partecipazione di rappresentanze dei Comuni umbri che fecero omaggio al maestro. Perugia offrì una maiolica artistica e prodotti della "Perugina"; Terni un enorme dolce che rappresentava la fontana di piazza Tacito; Campello sul Clitunno trote ed olio d'oliva; Cannara serti di cipolle di ogni colore; Castel Ritadi vino passito di produzione locale; Gubbio cioccolato, caramelle e liquori, in vasi artistici di maiolica; Gualdo Tadino ceramiche artistiche; Scheggino due cesti di tartufi neri inviati dalla emergente ditta Urbani; Todi una scultura in legno e un album di fotografie; Trevi una Madonna in rame e vini locali; Orvieto i suoi famosi vini bianchi e il prelibato "est-est-est", proveniente da Montefiascone, in provincia di Viterbo; Montefalco un porcellino arrosto, cacciagione e diciotto bottiglioni di sagrantino. Sor Clemente narrò così bene ciò che avvenne in quel lontano 7 luglio che entusiasmò il fortissimo pubblico in modo tale che dovette trattenersi in loco per altre due ore, unitamente agli stanchi suoi compagni di viaggio. E' probabile che la stanchezza produsse un serio guaio, facendo sì che l'automobile con i tre spoletini cozzasse contro un ponticello sistemato sul lato sinistro della statale Flaminia, nelle vicinanze della città delle ceramiche.
Ricordo di averlo accompagnato con la mia Volkswagen una volta a Fano e una volta a San Marino e nell'ultima occasione con lo spoletino Ponziano Verdiani a Pescara, ove Sor Clemente, nel principale cinema cittadino, ottenne uno strepitoso successo con il pubblico in piedi che volle ed ottenne il bis. Dopo lo spettacolo il proprietario del famoso ristorante "Guerrino" offrì a Sor Clemente, a Ponziano Verdiani e al sottoscritto una splendida cena con gustosíssimo "brodetto", alla presenza delle maggiori autorità della città abruzzese, Sindaco compreso.
Ci dispiace dire che Alberto Talegalli, nel cinquantesimo della sua scomparsa non è stato ricordato ne' dall'amministrazione comunale ne' dallo staff del festival, per il quale si era mobilitato in più occasioni con enorme pubblicità in favore della sagra menottiana.


 


 



Commenti (5)

Commento scritto da b.r. il 18 Luglio 2011 alle 14:09
Ci associamo al bel ricordo fatto dal ns concittadino Morichelli all'altro ns concittadino "Alberto Talegalli" Tragicamente scomparso nel banale incidente stradale, ma ancora presente nel cuore di Spoleto.

Mi auguro che tutti quelli che ci rappresentano, in qualche modo possano recuperare questa grave mancanza.

Di Alberto ricordiamo tutti gli scritti che ci ha lasciato, i brevi ricordi delle varie apparizioni fatte, nella radio, nella televisione ed in qualche film, ma ricordiamo anche le varie manifestazioni a cui aveva partacipato, ed i Suoi trascorsi come impiegato della miniera prima e della Soc. Terni di Terni poi.

Di nuovo grazie a Sandro che ci ricorda questa ricorrenza.


Commento scritto da Gerza il 18 Luglio 2011 alle 15:18
Io ero piccola quando ci fu l'incidente e non ricordo niente, ricordo però che nella mia famiglia se ne parlò a lungo, per anni, in un modo che mescolava ogni volta l'ilarità alla tristezza. E fu così che Talegalli divenne un mito.

Davvero preziosa la memoria di Sandro Morichelli!


Commento scritto da AZ il 18 Luglio 2011 alle 16:54
ringrazio di cuore Sandro Morichelli per aver ricordato un grande amico di mio padre. Io ero piccola e non ricordo l\'incidente ma la grande tristezza di mio padre quando raccontava del suo caro amico - AZ


Commento scritto da ettore il 19 Luglio 2011 alle 12:05
un grazie a Morichelli, che è stato l'unico della nostra città a ricordare Alberto Talegalli. Sabato mattina Enrico Vaime lo ricordava alla sua trasmissione radiofonoca, tracciandone un lungo e interessante profilo e trasmettendo un pezzo di Talegalli. Davvero emozionante!!


Commento scritto da Luca Lenterna il 27 Ottobre 2012 alle 19:05
Grande Alberto...


Aggiungi un commento [+]
Ferramenta Bonfè
Bar Moriconi
Bar Kiss
Pizzeria Mr Cicci
Stile Creazioni
Lavanderia La Perfetta
Perugia Online
Bonifica Umbra
Supermercati della convenienza offerte speciali
Spoleto Cinema al Centro
Ristorante La Pecchiarda
TWX Evolution
Principe
De.Car. Elettronica
Sicaf Spoleto
Associazione Cristian Panetto
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Lavanderia La Perfetta
Aldo Moretti S.r.l.
Performat Salute Spoleto