Spoletonline
Edizione del 16 Agosto 2018, ultimo aggiornamento alle 22:15:10
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Adcomm
Spoletonline
Adcomm
cerca nel sito
Ristorante Pizzeria San Giuliano
Casale La Palombara
Tuber experience - Campello
AROF Agenzia Funebre
The Kon
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Libreria Aurora
TrattOliva
Ristorante Pecchiarda
Agriturismo San Vito
Rafting Nomad
Azienda Agricola Bocale
Parafarmacia Serra
Ristorante Al Palazzaccio
Ristorante Albergo LE CASALINE
Spoleto Cinema al Centro
Agriturismo Colle del Capitano
Arte Infusa
Pc Work
Stampa articolo

Area Vasta - Opinioni, 16 Novembre 2011 alle 22:54:22

SEL interviene sulla Vus: 'L'acqua è un bene comune, ripubblicizziamolo'

La gestione del servizio non deve essere dei privati, rispettando il risultato del referendum [Commenti]

Il circolo territoriale di Sinistra Ecologia e Libertà "Enrico Berlinguer" di Spoleto-Campello-Castel Ritaldi-Montefalco è convinto che debba essere rispettata la volontà dei cittadini emersa dagli ultimi referendum in tema di pubblicizzazione degli enti che gestiscono il servizio idrico. Il percorso di ripubblicizzazione


 è stato effettuato pochi giorni fa dal comune di Napoli che sarà, così, la prima città ad intraprendere la trasformazione in azienda speciale, con un governo pubblico partecipato della società per azioni, che fino ad ora ha gestito il servizio idrico.


Chiediamo un governo pubblico partecipato dell'azienda, con un coinvolgimento attivo dei cittadini alla gestione dei beni comuni.
Non si può più nascondere che in tante parti del mondo, ormai, le più recenti trasformazioni del diritto hanno prodotto l'emersione, a livello costituzionale, giurisprudenziale e di politica del diritto, della categoria dei beni comuni, ossia delle cose che esprimono utilità funzionali all'esercizio dei diritti fondamentali, nonché al libero sviluppo della persona e che vanno preservate anche nell'interesse delle generazioni future.
I beni comuni, in primis l'acqua, sono direttamente legati a valori che trovano collocazione costituzionale. Essi devono essere messi fuori commercio perché appartengono a tutti e non possono in nessun caso essere privatizzati. L'acqua è, quindi, radicalmente incompatibile con l'interesse privato al profitto e alla vendita.
Al tempo stesso è ormai del tutto chiaro, nell'esperienza italiana, che le privatizzazioni hanno determinato, scarsa trasparenza nelle decisioni, forti incrementi delle tariffe e nessun beneficio per i cittadini in termini di qualità del servizio.
Il circolo di Sel "Enrico Berlinguer" ritiene che si debba strutturare la VUS attraverso un consiglio di amministrazione rappresentativo anche dei cittadini utenti del servizio, delle organizzazioni dei consumatori e delle associazioni ambientaliste e attraverso un comitato di sorveglianza rappresentativo anche dei dipendenti dell'azienda.
L'Umbria, e l'Italia tutta, a nostro avviso, dovrebbe seguire questo esempio per dare effettiva attuazione al voto referendario e alla volontà di 27 milioni di cittadini che si sono espressi a favore della gestione pubblica dell'acqua lo scorso 12-13 giugno.


Circolo Sinistra Ecologia e Liberà "Enrico Berlinguer"
Spoleto-Campello-Castel Ritaldi -Montefalco


 


 



Umbria Dent
Multiservizi Spoleto
Jazz Italiano Terre del Sisma
Abbazia Albergo e Ristorante
Trattoliva Ristorante / Campello sul Clitunno
Al Bano in concerto a Scheggino


Commenti (1)

Commento scritto da Marco il 17 Novembre 2011 alle 01:10
Come aveva detto il sindaco di Campello Pacifici e molte associazioni. Bene.


Aggiungi un commento [+]
Sicaf Spoleto
Pizzeria Mr Cicci
Lavanderia La Perfetta
Guerrini Macron Store
Taverna del Pescatore
Associazione Cristian Panetto
Performat Salute Spoleto
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Bar Moriconi
Principe
Così è una svolta Pub
Bonifica Umbra
Lavanderia La Perfetta
Spoleto Cinema al Centro