Spoletonline
Edizione del 23 Luglio 2018, ultimo aggiornamento alle 14:51:07
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Adcomm
Spoletonline
Costa D'Oro
cerca nel sito
AROF Agenzia Funebre
Arte Infusa
Agriturismo Colle del Capitano
Pc Work
Libreria Aurora
TrattOliva
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Azienda Agricola Bocale
Ristorante Albergo LE CASALINE
Ristorante Pizzeria San Giuliano
The Kon
Spoleto Cinema al Centro
Rafting Nomad
Parafarmacia Serra
Stampa articolo

Spoleto - Diari di Viaggio, 30 Maggio 2012 alle 19:49:27

Spoleto-Charleston, successo per gemellaggio e prodotti tipici

Ottimi spunti dalla spedizione americana. Poste le basi per interscambi commerciali e culturali. Benedetti su Vini nel Mondo: 'Paolo Belli non suonerà, ma raccoglieremo fondi per l'Emilia' [Commenti]


Dan. Ub.

Spoleto-Charleston, missione compiuta. Almeno a giudicare dai toni ottimistici con i quali, questa mattina, il sindaco Benedetti ha raccontato alla stampa l'esito del viaggio nell'importante centro del South Carolina, negli Stati Uniti, in occasione dell'edizione 2012 dello Spoleto Festival Usa.
Insieme a Benedetti, presidente


dell'Ambito territoriale integrato 3, e all'interprete Giasprini, della partita anche Fabrizio Gentili (Ati 3), il direttore dell'Ambito Fausto Galilei, il sindaco di Norcia Gian Paolo Stefanelli in rappresentanza dei Comuni della Valnerina e Filippo Tomassoni, presidente del Consorzio Umbria Culture.
Prima di parlare della spedizione, però, il sindaco di Spoleto ha detto due parole anche su Vini nel Mondo che, all'indomani della serie violenta di terremoti in Emilia Romagna, sarà un'occasione per raccogliere fondi da destinare alle popolazioni colpite dal sisma. "Eravamo in dubbio se annullare o meno la Notte Bianca - ha detto Benedetti - ma poi abbiamo deciso di farla ugualmente, anche se Paolo Belli, la star della serata, ha annullato la propria partecipazione a seguito anche del crollo parziale della sua abitazione. Ma alla fine abbiamo deciso di farla ugualmente, perché vogliamo dare un segnale - ha concluso sull'argomento -, vogliamo dire all'Emilia che non è sola".
Poi l'argomento del giorno, appunto la visita a Charleston. "Abbiamo ricevuto un'accoglienza entusiastica - ha raccontato Benedetti - Charleston è gemellata con noi ed ha molto a cuore Spoleto e Menotti". La delegazione italiana ha conosciuto il comitato pro gemellaggio di Charleston ("a breve ne nascerà anche uno qui a Spoleto"), ha incontrato il sindaco Riley (da 36 alla guida della città) e altre personalità in ambito culturale e commerciale. Per l'occasione Benedetti ha rinsaldato i rapporti con il gemellaggio, rimasti un po' blandi negli ultimi anni.
Di particolare importanza il rapporto con il console italiano Fedelini, dirigente di spicco di Msc, il quale si è oltremodo prodigato affinché la delegazione incontrasse il maggior numero possibile di autorità e personaggi locali. Il risultato di così tanti contatti si è tradotto nel reciproco impegno ad aprire canali preferenziali di commercio per i rispettivi prodotti dei due territori. Non solo. Sono in piedi importanti progetti con università e college americani, che entro l'anno dovrebbero dar vita ad un primo interscambio culturale, con stage e seminari e, più avanti, forse anche un corso specifico.
Tornando alla visita italiana, il sindaco ha aperto lo Spoleto Festival Usa con un breve discorso in inglese, lingua volutamente utilizzata per dare un segnale di quanto Spoleto tenga a questo gemellaggio. In ottobre, poi, il Festival dei Due Mondi farà visita ai cugini americani per stabilire nuovi possibili sinergie.
Ma a trionfare, soprattutto, sono stati i sublimi prodotti tipici della terra di Spoleto, Valnerina e Area Vasta, che hanno letteralmente spopolato in occasione dei numerosi eventi di degustazione appositamente organizzati nell'ambito del progetto di Umbria Culture. Lenticchia di Castelluccio, Zafferano di Cascia, Farro di Monteleone, ma anche tartufi di Urbani, vini di Montefalco, Spoleto e Giano dell'Umbria, per finire con alcuni fra i migliori frantoi locali, tra i quali Marfuga: insomma, a Charleston è giunta la crema delle produzioni tipiche locali. "Dobbiamo imparare a crearci delle occasioni - è stato il commento di Filippo Tomassoni - e poi ad essere bravi nel coglierle. Portare i nostri prodotti in America vuol dire portare la nostra cultura enogastronomica".
Particolare non da poco, specialmente di questi tempi: l'intera operazione - voli compresi - è costata non più di 14mila euro, a fronte di 40-50mila euro di spesa media per eventi simili.



Abbazia Albergo e Ristorante
Trattoliva Ristorante / Campello sul Clitunno
Multiservizi Spoleto
Umbria Dent


Commenti (1)

Commento scritto da un sangiacomese doc il 30 Maggio 2012 alle 23:50
cose è venuto a fare l'avv.gentili a charleston? cosa ne sa di lenticchia e fagioli........


Aggiungi un commento [+]
Guerrini Macron Store
Perugia Online
Necrologio
Pizzeria Mr Cicci
Associazione Cristian Panetto
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Bonifica Umbra
Così è una svolta Pub
Lavanderia La Perfetta
Principe
Bar Moriconi
Sicaf Spoleto
Performat Salute Spoleto
Spoleto Cinema al Centro
Lavanderia La Perfetta
Taverna del Pescatore