Spoletonline
Edizione del 13 Dicembre 2018, ultimo aggiornamento alle 12:15:11
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Spoletonline
cerca nel sito
Spoleto Cinema al Centro
Electrocasa Spoleto
Il Calzolaio
Tuber experience - Campello
Centro Ottico Emmedue
Ristorante Al Palazzaccio
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Agriturismo Colle del Capitano
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Ristorante Pecchiarda
Ristorante Albergo LE CASALINE
AROF Agenzia Funebre
Parafarmacia Serra
La Piazzetta delle Erbe
Pc Work
Norcineria Severini Perla
Libreria Aurora
Arte Infusa
Stampa articolo

Diari di Viaggio, 16 Novembre 2013 alle 22:31:33

Urbani Tartufi stupisce ancora: tartufaia a Central Park e Festival del Tartufo di New York!

Da un'idea della famiglia Urbani un progetto rivoluzionario, che potrebbe imporre il tartufo come nuova tradizione americana [Commenti]


Dan. Ub.

La più preziosa tradizione culinaria della Valnerina diverrà il fiore all'occhiello della Grande Mela, grazie all'ultima iniziativa della Urbani Tartufi. Dopo aver lavorato per generazioni per imporsi come marchio di riferimento sul mercato mondiale per il tartufo nell'alta cucina, l'azienda - da


decenni ormai di casa anche a New York - ha deciso di cambiare politica, puntando alla "democratizzazione" del prodotto, rendendolo cioè alla portata di tutti, sia sotto l'aspetto culturale che dal punto di vista prettamente culinario. Con questo spirito nasce l'idea, di Giammarco Urbani, di realizzare una tartufaia nel cuore di Manhattan, a Central Park, sfruttando uno spazio verde incolto. La piantagione, di piccole dimensioni, ospiterà piantine tartufigene e sarà un veicolo di promozione culturale del tartufo negli States. Esteticamente gradevole e allo stesso tempo funzionale, la tartufaia sarà terreno di studio per chiunque voglia avvicinarsi al tartufo per comprenderne l'origine, il modo in cui lo si cerca e lo si raccoglie (alcuni cani da tartufi saranno importati dall'Italia proprio a questo scopo) fino a raggiungere le tavole degli americani.


Il progetto, che non costerà un centesimo agli enti pubblici interessati, prevede l'utilizzo delle migliori piante tartufigene, seminari sul tartufo e la sua storia, dimostrazioni pratiche di ricerca e raccolta con i cani specialisti e, infine, l'istituzione di un Festival del tartufo a New York, che coinvolga i migliori chef mondiali, esperti del mondo della scienza e del settore del tartufo. Ogni eventuale guadagno realizzato tramite la tartufaia di Central Park sarà devoluto interamente all'ente che gestisce il parco o ad altra associazione caritatevole. Si attende ora la decisione del Comune di New York, chiamato a valutare ed eventualmente approvare il progetto presentato dalla Urbani Tartufi, che ancora una volta, con un progetto concreto e originale, si conferma azienda portabandiera dal made in Italy e della cultura italiana nel Mondo.



Abbazia Albergo e Ristorante
Trattoliva Ristorante / Campello sul Clitunno
Estetica Creola
Lavanderia La Perfetta
Multiservizi Spoleto
Il Biologico Spoleto
Scheggino - Il Borgo di Babbo Natale
Il Macigno


Commenti (3)

Commento scritto da Alessio il 16 Novembre 2013 alle 23:10
E scusate se è poco....Central Park

complimenti


Commento scritto da Un Amico il 17 Novembre 2013 alle 09:52
Complimenti a Olga che ancora una volta ha avuto una grande idea. Ciao Olga continua così sei mitica.


Commento scritto da Il Corvo della rocca il 19 Novembre 2013 alle 12:48
Ben vengano iniziative del genere per promuovere nel Mondo i prodotti locali, però mi sorgono spontanee alcune domande: È sicuro che il terreno del Central ParK ha le caratteristiche naturali e ambientali adatte per la coltivazione del tartufo? Inoltre, è sicuro che tale tubero, che noi riteniamo pregiato, nei terreni americani non esista già e che basterebbe solamente cercarlo? Ancora: È sicuro che tale odore, tale forma e tale sapore si adatti ai gusti degli americani? Va bè che per avere successo basterebbe che solamente l'1% della popolazione degli Stati Uniti si interessasse di questo prodotto. Auguri per la riuscita dell'iniziativa. Penso che se fosse pubblicizzato come un prodotto altamente afrodisiaco ( tipo Viagra naturale) il successo sarebbe più che garantito.


Aggiungi un commento [+]
L'Altro Forno
Bonucci
Bar Moriconi
Panificio Montebibico
Associazione Cristian Panetto
Grisanti Arreda
Principe
Il Pianaccio
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Stile Creazioni
Bonifica Umbra
Pizzeria Mr Cicci
Spoleto Cinema al Centro