Spoletonline
Edizione del 20 Gennaio 2018, ultimo aggiornamento alle 21:25:28
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Agenzia Bonifazi Immobiliare Spoleto
Spoletonline
Adcomm
cerca nel sito
Spoleto Cinema al Centro
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Ristorante Albergo LE CASALINE
Mrs Sporty
AROF Agenzia Funebre
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
Pc Work
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Maison del Celiaco
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
Libreria Aurora
TWX Evolution
Stampa articolo

Chi sale & chi scende, 02 Dicembre 2013 alle 21:25:56

'Chi Sale & Chi Scende': tra fondazioni senza fondazioni e politici infondati

Pioggia di maglie rosa per gli eroi del bilancio


In arrivo con 9 milioni e 100mila ragioni per starsene a casa il "Chi Sale & Chi Scende" striscia piano piano fra le terre del malaffare spoletino e vi consegna un'altra settimana dominata dai numeri, dove gli zeri umani la fanno da padrone, assieme a tanti piccoli ominidi decimali e


decimati che sfregano fino allo stridore la pazienza dei cittadini. Andiamo a vedere chi sono queste unghiette incarnite che fanno pulsare a tutto spiano i piedi di una Spoleto zoppa. Partiamo.


In settimana è finalmente arrivato il riaccertamento riaccertato del buco di bilancio. A questo proposito non si può non assegnare la maglia rosa al sindaco Daniele Benedetti, autore assieme al suo entourage di un autentico capolavoro politico che gli ha permesso di rimanere attaccato al suo posto in una situazione in cui neanche una cozza imbevuta di colla Cervione sarebbe riuscita ad avere successo. Dopo aver preso (e perso) tempo in ogni modo, organizzando i suoi tanto amati tavoli di concertazione con l'unico direttore d'orchestra al mondo che sconcerta e non concerta, fingendo dimissioni, dismissioni, piani di rientro senza ascensore e nominando assessori su commissione, il primo cittadino vede ormai la terraferma e naviga dritto verso la fine del mandato, nel senso che è consapevole che in molti alla fine ce lo avranno anche mandato...


Altra maglia rosa per il duo-deno della bile cittadina composto da Aliero "cavAliero Nero" Dominici e Maurizio "tHanke you" Hanke, veri e propri uomini-ponteggio che con una mozione il cui senso sarebbe stato giustificabile solo se fosse stata scritta durante un attacco batteriologico su larga scala hanno salvato Sindaco & co., anzi, sindaco & Bo.... Per loro la grande soddisfazione di aver visto premiato il proprio sforzo ideologico con la nomina ad assessore di Zualdi, arrivato giusto in tempo per vidimare le nuove cifre. Fallisce dunque in modo misero il tentativo del duo di riabilitare la linea Cerquiglini, a dire il vero più una spirale che una linea, quella del bucherello da cinque milioni per intenderci. E nonostante ciò esultano tutti, perché si dovranno pagare 400mila euro in meno, poco importa se restano comunque 4 milioni e 100mila in più rispetto all'obiettivo che ha stimolato i peti di patriottismo degli attori di questa pantomima. Alla fine di tutto si sentono vincitori, Benedetti per evitare il commissario non ha detto "bau" sul nuovo assessore, il dott. Hanke gli ha prestato soccorso "senza interessi personali": il sindaco amministra ma non sindaca, il medico medica ma non mendica.
Il famigerato piano di rientro nel frattempo è già cominciato: il Comune sta mandando la tassa sui "servizi indivisibili", da pagare con l'F24. In cambio in molti vorrebbero fargliela pagare con gli F35...


Altra maglia rosa per il Comitato Spoleto Sì, ancora un pochino confuso sui tempi politici della comunicazione e forse anche sul senso della comunicazione stessa. Dopo essere scesi in campo, risaliti in casa, aver fatto una marcia indietro, una marcia funebre, due passi di "Macarena" e una verticale senza mani, gli uomini di Giampaolo Emili si sono anch'essi detti soddisfatti nell'aver accertato che il debito sia minore di quanto inizialmente stimato. Tirando le somme dell'attività politica finora svolta dal comitato possiamo quindi tranquillamente sostenere che l'unica affermazione giusta fatta fino ad ora è il "sì" che sta nel suo nome. Ne siamo certi, anzi, riaccerti.

Sale amaramente con maglia rosa honoris causa Fabrizio Reali Roscini, riconosciuto innocente nella vicenda Brushwood, ma solo dopo la sua morte. La legge è uguale per tutti,


Il PD ha eletto il nuovo segretario, ovvero quello uscente, nel senso che lo hanno nominato mentre stava cercando di uscire e fuggire senza che nessuno se ne accorgesse, ovvero Andrea Bartocci. No Bartocci... No... Non pianga... Pensavamo che gliel'avessero detto. E su, non faccia come l'altra volta.. E dai Barto'... Ci fai ripiangere anche a noi così.
Drammi personali a parte, la scelta del vecchio-nuovo in realtà non è stata digerita proprio da tutto il mondo del Pd spoletino, afflitto dalle solite coliche fra Margherita e Ds, a riprova dei suoi cronici problemi all'apparato dirigente.


Tornano i successi sportivi e torna a salire Fabio Di Russo, oro nazionale nel fioretto a Nocera Umbra.


Scendono invece attapiratissimi i consiglieri Angelo Loretoni e Gianmarco Profili, sconfitti dalla sentenza del Tar che ha loro negato l'accesso agli atti della Fondazione Festival. Ferrara ha subito dichiarato: "E' la vittoria degli interessi e delle ragioni del Festival". E se lo dice lui che è la vittoria degli interessi... Non a caso per costruire vantaggiosi e saldi interessi bisogna sempre partire dalle fondazioni... A parte questo, i più abili apritori di cassetti della città dovranno prima o poi accettare l'idea di non poter "ravanare" fra i conti dell'ente. Magari non c'era comunque niente da vedere, magari avrebbero scoperto che in questi famosi cassetti Ferrara tiene solo il santino di Menotti.



Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Supermercati della convenienza offerte speciali
Pizzeria Mr Cicci
Ferramenta Bonfè
TWX Evolution
Necrologio
Associazione Cristian Panetto
Spoleto Cinema al Centro
Sicaf Spoleto
Perugia Online
Guerrini Macron Store
Principe
Performat Salute Spoleto
Gabetti Immobiliare
De.Car. Elettronica
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Bonifica Umbra