Spoletonline
Edizione del 18 Ottobre 2017, ultimo aggiornamento alle 19:18:42
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Aldo Moretti S.r.l.
Spoletonline
Agenzia Bonifazi Immobiliare Spoleto
cerca nel sito
Mrs Sporty
Agriturismo Colle del Capitano
TWX Evolution
Ristorante Albergo LE CASALINE
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Spoleto Cinema al Centro
Parafarmacia Serra
The Friends Pub
Fondazione Giulio Loreti
Libreria Aurora
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
Vus Com
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
Centro Dentistico Cristina Santi
Civico 53
Lavanderia La Perfetta Self
Aldo Moretti S.r.l.
Pc Work
Stampa articolo

Valnerina - Dillo a SOL, 05 Gennaio 2015 alle 10:16:46

Cascia, la lettera di un cittadino al sindaco sulla realizzazione della statua di Santa Rita

[Commenti]

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera di un cittadino di Cascia al suo sindaco.


Al Sindaco del Comune di Cascia Emili


Gentilissimo,
è stato con stupore e sconcerto


 che, durante le feste Natalizie, mi sono trovato a leggere i Suoi Auguri dispensati alla cittadinanza, a due passi da casa, appesi nella bacheca della chiesa di San Bartolomeo di Sciedi. Sono convinto che potrà capire anche la mia profonda indignazione.
In un certo senso, il mio sentimento è anche in parte di soddisfazione, e legittimo orgoglio, di veder realizzato un progetto così come io stesso lo avevo a Lei presentato - ma per il quale restai in attesa della pubblicazione di un bando di concorso, obbligatorio per il rispetto delle norme e delle prassi previste dal regolamento Comunale.
Comprenderà, quindi, che anche se sono lieto della realizzazione dell'oggetto stesso, per il modo in cui ciò avviene io, che tanto mi ero adoperato in merito, sono escluso da ciò che per me più contava, la speranza di vedere realizzata la mia promessa votiva, fatta a Santa Rita.
E allora mi domando, se può ignorare ciò, come può dichiarare di essere vicino alla sua gente? Quale gente? Quella degli individui che calpesta nei sentimenti più profondi, o quella delle urne, che Le potrà forse garantire la prossima elezione? Perché vede, qualunque fosse la Sua intenzione, ciò che risuona nel suo Augurio è l'enfasi, l'eco di un evento a scopo propagandistico, più che l'attenzione alla sua gente.
E' difficile, del resto, comprendere di cosa si senta orgoglioso. Di aver dato una possibilità di realizzare l'opera secondo modalità da Lei stesso ritenute non corrette? Di aver esercitato un potere, avendo scelto per farlo un rispettabilissimo Sacerdote Maronita Libanese, Padre Charbel ed un altrettanto rispettabile artista negando la medesima opportunità ad un devoto concittadino della Santa, o ad altri che potevano avere la medesima opportunità stando alle regole che lei dichiarava di dover applicare?
Forse, se Padre Charbel avesse conosciuto tutto il percorso di questa vicenda, sarebbe stato lui per primo rispettoso delle regole e dei sentimenti religiosi che sono basi fondamentali per essere sincero devoto di Santa Rita.
In una vicenda che potrebbe sembrare colorata di tristi tinte di competitività, voglio ribadire che la parola chiave è soltanto correttezza - certo una parola di difficile comprensione ormai in Italia soprattutto in politica.
Riferendomi sempre al suo augurio, ed alla sua volontà di essere vicino ai cittadini e contribuire al benessere del luogo, sicuramente Lei è consapevole più di chiunque altro che le sole opportunità da cogliere per la ns cittadina sono quelle che provengono dalla spiritualità del luogo, ed allora dovrebbe riflettere su come queste sono spesso proprio da voi osteggiate, con atteggiamenti punitivi e vessatori nei confronti dei fedeli, messi in atto da agenti a caccia di contravvenzioni, per irrisorie soste vietate, proprio nei pressi del Santuario, in una Cascia pressoché deserta.
In questi momenti mi ritorna in mente un pensiero, espresso un tempo da una persona a me cara che chiedeva alla Santa di non tornare dal Suo pellegrinaggio Giubilare, perché la Cascia da cui veniva, incapace di gratitudine, non la meritava... Ora mi domando se questa persona non avesse colto nel segno.
Ho avuto modo anche di leggere un articolo pubblicato su media locali, la presentazione dell'evento alla stampa e cittadini, avvenuta a fine Ottobre, che recitava "l'idea da anni circolava in città".
L'idea di realizzare l'opera non era mai circolata in Città se non successivamente ai nostri incontri nel suo ufficio, sin dagli ultimi mesi dell'anno 2009. Ricordo che mi fu perfino difficile convincerLa a condividere l'idea che la sede naturale dove posizionare la Statua di Santa Rita dovesse essere proprio in una rotatoria all'incrocio del bivio che porta a Roccaporena, nella cosiddetta variante, perché in quella posizione la statua della Santa si presentava in segno di accoglienza alla moltitudine dei suoi fedeli, sia per il tragitto verso il suo borgo natio di Roccaporena che verso il luogo di adozione presso il Santuario di Cascia.
L'idea della rotatoria a lei non piaceva ed oggi mi chiedo se il motivo non fosse semplicemente il fatto di vederla proposta da un suo semplice concittadino, pronto a sovvenzionarla - e quindi inevitabilmente coinvolto nella 'fama' del progetto, forse la sola cosa che sta a cuore a chi muove le leve del potere, mentre per la 'gente' che Lei nomina senza capirla, contano ben altre questioni.
Il suo desiderio fu cestinato dalla precedente amministrazione guidata dallo "Scienziato", così soprannominato, Dott. Maurizio Righetti - questo è ciò di cui lei si lamentava durante il mio primo colloquio. Bene, la bocciatura a mio avviso fu una saggia decisione ed un atto dovuto alla popolazione, in quanto nel suo progetto lei intendeva riempire il letto del fiume Corno, accanto al palazzetto dello sport, ricostruendoci quasi in scala reale lo Scoglio di Roccaporena sovrastato da una statua della Santa " alluvioni permettendo", al costo tutt'altro che trascurabile di ben £. 750.000,00 (Settecentocinquantamilioni) delle vecchie Lire, tutto ciò - naturalmente - a carico della Comunità.
La mia idea invece era quella di far realizzare l'opera a mie totali spese avvalendomi della collaborazione di un giovane artista Civitanovese, insegnante e scultore nel Carrarese. Sarebbe stata un'opera per la quale era già stato selezionato e scelto un blocco di marmo statuario, di dimensioni fuori misura standard di m 4,00 x 1.80 x 1.60 , a cui applicare successivamente inserti in bronzo, estratto nelle cave di Carrara, luogo da cui provenivano i blocchi marmorei scelti e selezionati dai più grandi artisti italiani che spesso in quelle venature trovavano l'ispirazione per la creazione delle geniali opere di cui oggi andiamo orgogliosi, tra i quali gli immortali maestri Michelangelo, Donatello, Leonardo, Bernini, Canova ... che nulla ha da invidiare e paragonare alle cave di pietra calcarea del Libano.
Successivamente al primo incontro, dopo aver avuto il disegno, il progetto cartaceo e le foto del bozzetto in gesso, Lei accolse la mia proposta con grande entusiasmo e concordammo di rendere consapevoli innanzi tutto anche le suore del Monastero. Cosa che lei mi confermò di aver fatto tramite la Badessa. Ma nei successivi incontri cominciai a capire che la mia proposta forse non Le era troppo conveniente politicamente ed infatti Lei iniziò a mettere i primi paletti, quali:
• Costituzione di un comitato operativo tecnico - consultivo atto a gestire l'evento (Comitato che pare sia stato creato, del quale non pretendevo far parte, ma della cui costituzione ritengo avrei dovuto avere notizia)
• obbligo della pubblicazione di un bando, dal quale poi scegliere l'opera, il progetto e l' artista più meritevole (bando pubblico di cui sto provvedendo a verificare l'esistenza; in ogni modo, anche di ciò considero che dato il rapporto con l'idea del progetto, avrei dovuto esserne avvertito);
d'altra parte, visto che la statua era a mio totale e completo carico, ancora ritengo dubbia la necessità di indirlo.
In qualunque caso, una volta accettato che esso venisse fatto, Le ricordo che il sottoscritto suggerì che la pubblicazione doveva essere anche tramite la rete, perché l'evento avrebbe attirato sicuramente un innumerevole interesse e partecipazione anche di altri artisti ed anche per l'aspetto religioso.
A tale bando mi permisi di consigliare che ogni artista, compreso il mio, per partecipare dovesse obbligatoriamente inviare o consegnare una piccola opera in materiale vario; marmo, ceramica, legno, gesso, pitture, tarsie, bassorilievi etc. e che tutte le opere dopo la valutazione, sarebbero dovute rimanere di proprietà del Comune per arricchire la pinacoteca e/o museo creato per l'occasione della ns Citta di Cascia. Il comitato sarebbe stato composto anche da artisti ed esperti non solo di Cascia i quali avrebbero dovuto individuare tre delle più belle opere da premiare tra cui scegliere la migliore a cui affidare l'appalto.
Naturalmente se l'opera fosse venuta a costare più di quello che avevo già pattuito con il mio artista, si sarebbe potuta chiedere una sottoscrizione pubblica sempre tramite rete o/e attraverso organi istituzionali e religiosi, senza escludere la partecipazione di altri fedeli e/o finanziatori diretti.
Sono dispiaciuto e deluso, ma Le ricordo che il motivo per cui la venni a cercare nel suo ufficio non aveva nulla a che vedere con un qualunque tornaconto personale, e tantomeno a chiedere nulla, come in questi duri tempi di crisi forse avviene, come per chiedere un posto di lavoro, per cui le avrei dovuto riconoscenza; credo invece di aver dato un servizio alla collettività, e di aver costituito un'occasione positiva; ma più di tutto, considero che Lei non possa e non debba giocare con sentimenti profondi, miei come pure di tanti altri concittadini che non hanno il coraggio di esternarle la loro disapprovazione palesemente, mentre il sottoscritto affronta direttamente La sua risposta.
Ed a proposito di affrontare direttamente, colgo l'occasione per ricordare un piccolo ma significativo episodio, legato a quando ci incontrammo per caso lo scorso Natale 2013 durante la visita dei presepi a cui abbiamo partecipato come famiglia; Lei allora si voltò dall'altra parte sfuggendo il mio sguardo e l'incontro diretto; non è difficile comprenderne il motivo, ora, e forse anche il timore che le ponessi domande scomode.
Mi sorge il dubbio che lei non sia mai andato al colloquio con la Badessa del Monastero per esporre il mio progetto, che sicuramente avrebbe apprezzato ed approvato; e gradirei che la stessa la invitasse prima o poi a partecipare ad una serie di esercizi spirituali, in modo da farle capire che la fede è una cosa seria e non un mero esercizio commerciale e/o di potere; la mia convinzione è che la badessa non si sarebbe mai prestata a queste sue manovre.
Santa Rita dovrebbe compiere un altro bel miracolo per farmi recuperare la fiducia nel prossimo, ma nessuno riuscirà a farmi perdere la fede e dedizione nei suoi confronti.
Mi aspetto ora, in piena legittimità, che Lei riveda il suo programma e dia a chiunque la possibilità di partecipare al bando, se anche ce ne fosse mai stato uno pubblico, riaprendolo.
E credo che, prima ancora di fare ciò che la correttezza impone, Lei dovrebbe guardarsi intorno e vedere come agiscono altri capaci dirigenti di cittadine limitrofe, dove si ha rispetto autentico per i concittadini e i pellegrini diretti verso la Santa di Cascia, curandoli con dedizione e considerandoli un dono, non unicamente un'utile e imprescindibile fonte di profitto.
Auguri per un splendido Anno 2015 , che porti serenità, ma nella chiarezza e nella pienezza del rispetto.


Antonio Paoletti




 



Commenti (12)

Commento scritto da Mario Arcangeli il 05 Gennaio 2015 alle 12:58
Caro Sindaco Emili

Antonio Paoletti le ha scritto una lettera molto chiara, merita una risposta ed anche una soluzione seria.

Io personalmente mi permetto consigliare che prima di decidere esecuzioni ed interventi sia meglio valutare bene dove come di quale dimensione e quale impatto avrà sul resto che dovrà essere adeguato.

Mi auguro anche che non si commettano gli errori sui futuri interventi a Cascia con materiali non idonei all'ambiente ( esempio il piazzale di San Francesco - Piazza Garibaldi - ed il viale tra il colonnato del Santuario.

Con un cordiale saluto Mario Arcangeli


Commento scritto da Luisa Di Curzio il 05 Gennaio 2015 alle 15:33
Come cittadina e consigliere di minoranza mi sento di "intervenire" in questa vicenda di cui, ovviamente, solo oggi ne vengo a conoscenza.

Il mio giudizio sul posizionamento di una statua di S. Rita all'ingresso di Cascia è sicuramente favorevole, come ho avuto modo di dire anche all'incontro pubblico che si è svolto nella sala S. Pancrazio nello scorso autunno, voluto dal Sindaco e dall'amministrazione che invitò tutti i cittadini di Cascia a partecipare per esprimere un parere in merito. Devo dire che la partecipazione a quell'incontro fu pressochè insignificante....troppe poche persone rispetto all'importanza dell'argomento (ma diciamocelo...ai Casciani piace più criticare che fare!). Comunque la sparuta rappresentanza espresse il proprio pensiero...alcuni, come la sottoscritta, erano entusiasti, altri evidenziarono le proprie perplessità relative soprattutto alla posizione e alle dimensioni della statua. Ricordo che nel mio intervento feci una raccomandazione; mi preoccupai di dire che era necessario coinvolgere quante più persone possibile per rendere questo evento più "nostro" evitando che il tutto si rivelasse solo il gesto di un devoto, comunque estraneo a tutta la popolazione. Certo apprendere oggi che quel progetto era stato "proposto" da un nostro concittadino mi lascia stupita......!!! Tante volte si era parlato di posizionare una statua "alle porte" di Cascia ma che ci fosse una precisa volontà e disponibilità da parte un soggetto, io, non l'ho mai saputo. Anche perchè come dice lo stesso Antonio Paoletti, si poteva cercare di coordinare le intenzioni sia dell'uno che dell'altro ...senza alcuna esclusione (soprattutto per la intensa carica devozionale da cui sicuramente entrambe sono/erano dotate). Non so quale sia stata la ragione della scelta del Sindaco, e sinceramente, a questo punto, sono anche molto curiosa di conoscerla.Credo che lo stesso non farà mancare la sua risposta e quindi...non ci resta che attendere!


Commento scritto da Un cittadino il 07 Gennaio 2015 alle 09:09
Da quel che ne so la statua ci è stata donata, A TITOLO GRATUITO, come atto di devozione alla nostra Santa.


Commento scritto da CA il 09 Gennaio 2015 alle 10:35
Ma i concorsi non li fanno per molte cose.

Vogliamo vedere gli assunti al VUS che tessera di partito hanno e che titoli hanno. I dirigenti di umbria mobilità che titoli hanno?

Vogliamo parlare dei dirigenti comunali che titoli hanno e della modalità con cui sono assunti? Vogliamo parlare degli impiegati di banca se hanno o meno la tessera di qualche partito o sono assunti per merito? Vogliamo parlare delle coperative comunali e delle modalità con cui assumono?

Vogliamo parlare del bando di concorso( che non c'è mai stato) per la riparazione della frana a Roccaporena?

Poi ci scandaliziamo per il bando di concorso che manca per la statua. Questa è la modalità con cui opera la politica locale in primis, e poi va bhè quella nazionale non ne parliamo.

Alla provincia viene assunto personale da concorsi in cui i candidati prendono ai test d'inglese 10. Peccato che non sannno parlare nemmeno l'italiano.

Però secondo il me il problema è che questa situazione fa comodo a molti e quindi quando c'è da cambiare qualcosa non si cambia mai.

E quando c'è da votare chiudiamo naso e occhi e votiamo per chi ci da il pasto.


Commento scritto da CA il 09 Gennaio 2015 alle 10:37
Scusa Luisa ma questa:

" (ma diciamocelo...ai Casciani piace più criticare che fare!). "

non è una critica?


Commento scritto da Luisa Di Curzio il 09 Gennaio 2015 alle 13:21
Rispondo a CA....volevi dire che la mia è una critica??? probabilmente si...ma è anche il dato oggettivo....di fatto nessuno si vuole "impegnare" poi però tutti parlano! ...hai scritto benissimo tu......questa situazione fa comodo e quindi nessuno vuole cambiare!!!


Commento scritto da paolo de angelis il 09 Gennaio 2015 alle 14:35
il nostro concittadino Paoletti Antonio ha commesso un errore fatale a parlato di opera

''GRATIS'' ...... mai parola fu\' più sbagliata....... se un giorno ci incontriamo ti racconto un paio di episodi dove ho usato questa parola e come capirai non ci fù seguito alle proposte

un saluto e buon 2015


Commento scritto da riccardo ciani il 09 Gennaio 2015 alle 14:38
ANTONIO PAOLETTI SINDACO!


Commento scritto da Lamberto il 09 Gennaio 2015 alle 20:03
Ho letto attentamente la lettera di Antonio, non conoscendo i fatti, non mi permetto di entrare nel merito, però un appunto lo posso fare sulla preferenza della realizzazione dell'opera in arabilandia invece di preferire materiale italiano e un artista italiano.

Io posso come semplice cittadino, non sapere di tale progetto ignorato, ma chi aveva velleità di governare, indubbiamente dovrebbe essere più informata. Per capirci faccio riferimento a Luisa, e sempre a Lei, che ha criticato la scarsa affluenza all'assemblea, bisognerebbe capirne anche la causa, quando mai la popolazione è stata resa partecipe e ha potuto contribuire con proprie idee su qualsiasi iniziativa che in pochi avevano già deciso? Gli altri commenti, quelli firmati, li trovo interessanti e rispetto sempre chi ci mette la faccia, i restanti non li considero proprio, chi si nasconde con pseudonimi sono gli stessi che scrivono una cosa e poi sono i primi ad andare a prostrasi per ottenere favori.

Infine ho letto la risposta del sindaco, ho impiegato pochissimo, tanto è stata breve, senza dire niente, indubbiamente anche infastidito.

La casta non si tocca.

Lamberto De Angelis.


Commento scritto da Luisa di Curzio il 11 Gennaio 2015 alle 20:25
Caro Lamberto, io vorrei sapere da te come faccio ad essere più informata ? Se il sindaco non vuole informarmi dei suoi incontri...che faccio...gli faccio le intercettazioni ambientali???


Commento scritto da Lamberto il 12 Gennaio 2015 alle 14:38
Cara Luisa, della proposta di Antonio, da notizie raccolte in giro era nota, solo chiacchiere ?? Tanto per dire io lo sapevo ?? Forse, a non saperlo eravamo in pochi.

Per chi si mette in politica, deve ascoltare e informarsi.

Questa è una tua frase nel commento alla lettera di Antonio : .... Non so quale sia stata la ragione della scelta del Sindaco, e sinceramente, a questo punto, sono anche molto curiosa di conoscerla.Credo che lo stesso non farà mancare la sua risposta e quindi...non ci resta che attendere! .... bhee veramente ti sei accontentata della breve risposta del sindaco ... ... ma non ho intuito che il Sig. Paoletti volesse farsi carico del finanziamento dell'opera ... " non ha intuito " .Vedi Luisa a me fai presentante che potevi non essere informata, e ironizzi sull'intercettazioni, ma al tuo sindaco, che praticamente non ha risposto nulla, ne a Antonio, ne tanto meno a te, non gli contesti nulla, ti ritieni soddisfatta della sua non risposta ...... ah...ah.... " non aveva intuito" .....


Commento scritto da Incazzato nero il 18 Gennaio 2015 alle 09:38
Più che polemizzare su una statua io mi concentrerai su fatti molto più importanti che riguardano la nostra città come ad esempio un piano pluriennale per far ripartire l'economia creando nuovi posti di lavoro, aiutare le attività produttive ad investire sul nostro territorio...certo capisco che quest'iniziativa debba partire dal privato ma come mai i comuni intorno a noi hanno la così detta "zona industriale" perfettamente funzionante e la nostra solo piena di case? davvero il comune di cascia non può far nulla? Secondo me preferisce mettere i bastoni tra le ruote agli imprenditori più che aiutarli....



Vogliamo poi parlare del centro storico? pressoché fatiscente, con una piazza orribile che mi vergogno di chiamarla tale, fili della vecchia illuminazione, tagliati e forse anche periocolosi che pendono ovunque nei nostri vicoli più belli!!!

Il decoro che manca in tutte le sue forme ad iniziare dai negozi di souvenir o prodotti tipici che espongono di tutto con banchetti rimediati, ombrelloni dell'algida, cartelloni con scritte orribili ed espongono i loro prodotti in maniera schifosa ai limiti dell'igiene....a Spoleto si paga una tassa per ogni cartello che esponi e se lo fai in questo modo chiudi il giorno dopo!!!!



Bisogna ripartire dal centro storico concittadini, una piazza vuota dà l'idea di un paese che sta morendo...e forse è quello che sta accadendo purtroppo...sempre più attività commerciali chiudono e l'amministrazione non fa niente per cercare di rimediare....eppure credo che qualche modo esista per aiutarli!!!



Un caro saluto concittadini


Aggiungi un commento [+]
Lavanderia La Perfetta
Supermercati della convenienza offerte speciali
Ferramenta Bonfè
Aldo Moretti S.r.l.
Principe
Spoleto Cinema al Centro
Ristorante La Pecchiarda
TWX Evolution
De.Car. Elettronica
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Associazione Cristian Panetto
Stile Creazioni
Bar Moriconi
Bonifica Umbra
Perugia Online
Bar Kiss
Sicaf Spoleto
Lavanderia La Perfetta
Performat Salute Spoleto
Pizzeria Mr Cicci