Spoletonline
Edizione del 17 Febbraio 2018, ultimo aggiornamento alle 20:43:59
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
BEXB
Spoletonline
Agenzia Bonifazi Immobiliare Spoleto
cerca nel sito
Maison del Celiaco
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Pc Work
AROF Agenzia Funebre
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Mrs Sporty
Parafarmacia Serra
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
Libreria Aurora
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
Spoleto Cinema al Centro
Ristorante Albergo LE CASALINE
Stampa articolo

Agorà - Spazio Libero, 29 Settembre 2015 alle 08:15:06

'L'immigrazione non si gestisce con i muri materiali e mentali'

Il pensiero di un nostro lettore di Bergamo sui flussi migratori in aumento

Da anni assistiamo all'arrivo in Italia e in Europa d'immigrati, provenienti da vari Paesi africani, asiatici e altri, che fuggono da guerre, conflitti e dalla fame; sono tuttora in aumento. E' una situazione delicata, che pone dei problemi da risolvere per gli Stati europei di una giusta accoglienza,


che va gestita bene con unità, responsabilità e determinazione, possibilmente in collaborazione con l'Onu.


L'Onu dovrebbe portare tempestivamente aiuti a casa loro, pensando che a tutte le persone piacerebbe restare nel Paese in cui sono nate. L'Onu si dia una mossa, metta in campo strategie diplomatiche per prevenire, fermare le guerre, i conflitti e combattere la fame.


L'Europa si adoperi, naturalmente assieme all'Onu, per la formazione di governi di unità nazionale nei Paesi in conflitto, per superare le divisioni e le crisi civili e sociali. Poi mandare aiuti economici, attrezzature, materiale, per favorire lo sviluppo dell'economia e dell'agricoltura.


E' inoltre necessario saper accogliere al meglio gli immigrati e distribuirli più equamente in tutti i Paesi europei. L'Italia ha fatto tanto e sta facendo molto bene, con la nostra marina e tanti volontari, salvando tante vite umane, uomini, donne e bambini. Il governo sta facendo con grande impegno la propria parte assieme alle istituzioni locali, una capillare distribuzione degli immigrati su tutto il territorio nazionale.


Si potrebbe fare ancora di più e meglio e la situazione andrebbe vissuta come un'opportunità di grande umanità e di solidarietà. Abbiamo tante caserme vuote, conventi, case abbandonate al degrado, zone di tanti paesi d'Italia lasciati all'abbandono; questi edifici andrebbero utilizzarli per dare un tetto agli immigrati, potrebbe diventare un grande valore di accoglienza, ma anche un'occasione di ristrutturazione, di ricupero ambientale, di sviluppo economico e sociale. Poi dobbiamo insegnare loro l'italiano e, piano piano, favorire la possibilità di avere un lavoro.


Cari cittadini dobbiamo fare sentire la nostra voce, dire basta alle armi che sono strumento di morte, si a strumenti di vita e di pace. Basta muri materiali e mentali, basta paure, l'arrivo di persone bisognose, disperate, va gestito con intelligenza, con grande responsabilità e umanità, salvaguardando sempre la dignità di ogni persona, pensando anche che potremmo essere noi al loro posto. Li chiamiamo immigrati rifugiati, ma prima di tutto sono persone che hanno bisogno di cibo, di giustizia, di libertà e di pace.


Si nasce tutti uguali su questa nostra Terra, stessi diritti, doveri, non lo scegliamo noi dove nascere e siamo tutti cittadini di questo mondo. Allora facciamola diventare, quest'arrivo di persone, un'occasione di amicizia sociale, di crescita civile, culturale, umana, di globalizzazione della solidarietà: tutte le persone del mondo hanno il diritto al cibo, alla libertà, alla pace, ma soprattutto il diritto alla vita.



Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Principe
Necrologio
Lavanderia La Perfetta
Perugia Online
Spoleto Cinema al Centro
Sicaf Spoleto
Gabetti Immobiliare
Supermercati della convenienza offerte speciali
Bonifica Umbra
Stile Creazioni
Lavanderia La Perfetta
Guerrini Macron Store
Associazione Cristian Panetto
De.Car. Elettronica
Performat Salute Spoleto
Pizzeria Mr Cicci
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Ferramenta Bonfè