Spoletonline
Edizione del 19 Ottobre 2017, ultimo aggiornamento alle 13:58:07
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Adcomm
Spoletonline
Punto Salute Foligno
cerca nel sito
Libreria Aurora
Spoleto Cinema al Centro
Agriturismo Colle del Capitano
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
Mrs Sporty
Aldo Moretti S.r.l.
Pc Work
Parafarmacia Serra
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Ristorante Albergo LE CASALINE
Centro Dentistico Cristina Santi
TWX Evolution
Civico 53
Vus Com
Fondazione Giulio Loreti
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
The Friends Pub
Lavanderia La Perfetta Self
Stampa articolo

Cibo e Nutrizione, 12 Gennaio 2016 alle 15:44:53

Latte e cancro: ci sono relazioni?

[Commenti]


Francesco Cagnazzo (*)

Si sa che una dieta squilibrata è alla base di circa un terzo dei tumori. Inevitabile, dunque, che la comunità scientifica si ponesse alcune domande circa le possibili relazioni tra i consumi di latte e i vari tipi di cancro. Il latte e i suoi derivati hanno rappresentato e tutt'oggi rappresentano un alimento importante della


dieta umana, specialmente nel mondo occidentale, in quanto forniscono numerosi nutrienti. Ma come avviene per altri alimenti anch'essi presentano dei pro e dei potenziali contro per la salute umana. Molti costituenti del latte, infatti, esercitano effetti sia preventivi che induttivi nei confronti di diversi tipi di cancro. 


Tra i nutrienti del latte che hanno effetti preventivi del tumore annoveriamo:
- vitamina D: riduce la proliferazione cellulare, potenzia la differenziazione cellulare, inibisce le metastasi, induce apoptosi (o morte cellulare programmata);
- CLA (acido linoleico coniugato): induce l'espressione dell'apoptosi;
- Acido butirrico: promuove la vitalità delle cellule della mucosa intestinale e inibisce la proliferazione delle cellule cancerose;
- Lattoferrina: ha proprietà antinfiammatorie e antiossidanti;
- Calcio: protegge dagli acidi biliari secondari che hanno effetto proliferativo, diminuisce la proliferazione cellulare, riduce gli effetti mitogenici ed antiapoptotici del paratormone;
- Proteine del latte: soprattutto quelle del siero aumentano i livelli dell'antiossidante glutatione e stimolano la risposta immunitaria.


Gli effetti induttivi del tumore da parte del latte e suoi derivati sembrano dovuti a:
-IGF-1 (fattore di crescita insulino- simile): stimola la crescita tumorale;
-Estrogeni: aumentano l'attività mitotica e l'errore durante la replicazione del DNA;
- Acidi grassi saturi: aumentano la divisione cellulare, attivano i protoncogeni, inattivano i geni soppressori del tumore;
- Contaminanti (pesticidi, farmaci, micotossine, inquinanti ambientali, additivi, ecc.): sono potenziali stimolatori della carcinogenesi.


Tuttavia non servono i divieti inutili. Ad oggi, infatti, non esistono evidenze scientifiche forti che colleghino il latte e derivati allo sviluppo di tumori. Lo studio più ampio mai effettuato sulla dieta e il cancro mostra nei confronti del latte azioni contrastanti. Ci sono diverse prove che segnalano un probabile effetto protettivo del latte e dei suoi derivati rispetto al tumore del colon-retto; simili, seppur parziali, i riscontri riguardanti il rapporto tra il consumo di latte e il rischio di insorgenza di un tumore alla vescica. Quanto al cancro alla prostata, una metanalisi pubblicata sull'American Journal of Clinical Nutrition ha evidenziato un rischio più alto di sviluppare la malattia tra i consumatori di dosi maggiori di prodotti lattiero-caseari (tra l'altro, lo studio mostra come una dieta molto ricca di calcio, indipendentemente dalla fonte di questo minerale, sia fortemente legata allo sviluppo di questo tipo di tumore). Appare molto improbabile che il consumo in dosi adeguate di latte e latticini possa condizionare la comparsa del tumore al seno. Prudenza è invece raccomandata con i derivati del latte ricchi in grassi alle donne già colpite da un tumore al seno. Uno studio pubblicato sul Journal of the National Cancer Institute ha infatti evidenziato un rischio più alto di incorrere in una recidiva, tra le consumatrici più assidue.


In conclusione, eliminare latte e latticini dalla dieta non è necessario, se il consumo è moderato e non si è intolleranti al lattosio. Evitiamo le semplificazioni, perché quello che conta non è il singolo alimento ma la qualità complessiva della dieta.


Fonti:
- Effects of Milk and Milk Products Consumption on Cancer: A Review. H. Davoodi, S. Esmaeili, and A.M. Mortazavian. Vol.12,2013
- Fondazione Veronesi.


(*) Dottore Specialista in Scienze dell'Alimentazione e della Nutrizione Umana - Nutrizionista (cagnazzofrancesco@libero.it, - Sito ufficiale - Pagina Facebook).



Commenti (3)

Commento scritto da massimo ragni il 14 Gennaio 2016 alle 21:31
Ciao Francesco, a proposito del latte, mi piacerebbe conoscere la tua opinione sui cibi o altre sostanze che provocano situazioni di acidità nel corpo umano che secondo alcuni studi sembrerebbero essere la causa dell'insorgere delle principali malattie degenerative.

C'è chi sostiene che il latte e i suoi derivati, la carne, lo zucchero l'aspirina ecc. ecc. danno acidità e potrebbero creare i presupposti per malattie come il cancro, il diabete ecc.

Tu cosa ne pensi?


Commento scritto da Semplice cittadino il 16 Gennaio 2016 alle 19:01
A chi dovesse interessare qualche altro parere sull'argomento, suggerisco di digitare su internet: Latte, un bicchiere di dubbi.


Commento scritto da Francesco Cagnazzo il 18 Gennaio 2016 alle 10:55
Ciao Massimo,

una review del 2010 ha fatto il punto sul latte e l'equilibrio acido-base. Le conclusioni di questo lavoro sono in sintesi le seguenti:

la misura del pH delle urine non riflette l’acidosi metabolica o una avversa condizione di salute. La dieta moderna e il consumo di prodotti caseari non rendono il corpo acido. La dieta alcalina altera il pH delle urine ma non cambia il pH sistemico. La rete di escrezione degli acidi non ha una influenza importante sul metabolismo del calcio. Il latte non produce acidi. Il fosfato derivato dai prodotti caseari non ha un impatto negativo sul metabolismo del calcio, che è il contrario dell’ipotesi dei residui acidi.



Riguardo il cancro è ben noto l'effetto Warburg, cioè lo switch metabolico con aumento della glicolisi anaerobia e formazione di acido lattico. Il problema vero è dunque l'ipossia che genera composti acidi.


Aggiungi un commento [+]
Associazione Cristian Panetto
Lavanderia La Perfetta
Stile Creazioni
Bar Moriconi
Aldo Moretti S.r.l.
Spoleto Cinema al Centro
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Ristorante La Pecchiarda
TWX Evolution
Perugia Online
Supermercati della convenienza offerte speciali
Ferramenta Bonfè
Bar Kiss
Sicaf Spoleto
Bonifica Umbra
Lavanderia La Perfetta
Pizzeria Mr Cicci
Principe
Performat Salute Spoleto
De.Car. Elettronica