Spoletonline
Edizione del 17 Ottobre 2017, ultimo aggiornamento alle 01:53:33
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Agenzia Bonifazi Immobiliare Spoleto
Spoletonline
BEXB
cerca nel sito
Centro Dentistico Cristina Santi
Lavanderia La Perfetta Self
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Mrs Sporty
Spoleto Cinema al Centro
TWX Evolution
Civico 53
Vus Com
The Friends Pub
Agriturismo Colle del Capitano
Pc Work
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
Aldo Moretti S.r.l.
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
Parafarmacia Serra
Fondazione Giulio Loreti
Ristorante Albergo LE CASALINE
Libreria Aurora
Stampa articolo

Diari di Viaggio, 03 Aprile 2016 alle 12:39:35

Novant'anni fa la legge fascistissima contro il diritto di scopero.

[Commenti]

Ricorrono oggi 90 anni esatti da quel 3 aprile 1926, quando la legge n. 563 proibì, di fatto, lo sciopero ai lavoratori, stabilendo che soltanto i sindacati cosiddetti "legalmente riconosciuti", vale a dire i sindacati fascisti - già accordatisi con


Confindustria nell'ottobre dell'anno precedente - potessero stipulare contratti collettivi di lavoro.


La mossa del regime faceva seguito ad un'altra legge fascistissima, approvata il 31 dicembre del 1925 ed entrata in vigore il 20 gennaio del ‘26: quella sulla stampa. Il provvedimento decretava che i giornali potevano essere diretti, scritti e stampati solo se avevano un direttore responsabile riconosciuto dal procuratore generale presso la Corte di appello della giurisdizione dove era stampato il periodico. A ciò si aggiunga il successivo regolamento attuativo dell'11 marzo 1926, nel quale si precisava che il procuratore era tenuto a sentire il prefetto; in altre parole, il direttore di qualunque giornale doveva essere persona non sgradita al governo, pena l'impossibilità a pubblicare.


L'annata legislativa del 1926, una delle più squallide e infime della storia d'Italia, si chiudeva il 6 novembre con il regio decreto n. 1848, nel quale si riconosceva il Partito nazionale fascista come unica formazione politica ammessa e, al contempo, si scioglievano tutti i partiti, associazioni e organizzazioni contrari al regime. Per non dimenticare.



Commenti (6)

Commento scritto da umbro il 03 Aprile 2016 alle 16:23
La storia che si ripropone uguale, con i padroni che se la comandano insieme al nuovo partito della nazione, il pd.

La Cgil e via dicendo con le sue logiche di gestione delle briciole è solo un pompiere-guardia al soldo del governo.

Bene che rinasca il partito comunista, che si prenda coscienza della situazione attuale e ci si organizzi per un futuro realmente diverso, il vecchio e nuovo fascismo non deve passare.


Commento scritto da Gianni Rodari il 03 Aprile 2016 alle 17:11
Grazie, al mondo di oggi mancano queste belle notizie!

Ma forse voi, come Loro, attuarete la tanto deprecata censura.

Buona domenica


Commento scritto da Carla il 03 Aprile 2016 alle 20:32
e c'è ancora qualche str... che ancora difende il fascismo di allora! Voglio vedere se quando ledono i loro diritti di operai sciopereranno o si ricordano di quanto "ha fatto del bene il fascismo"! In questo momento ho "un rigurgito antifascista"...


Commento scritto da claudio il 03 Aprile 2016 alle 21:08
Legge "Fascistissima"? anche nei paesi Comunisti vieen chiamata legge "fascistissima2? c'era proprio bisogno di farne un'articolo?,,studiamo prima e poi scriviamo...aveva ragione il grande Funari molti giornalisti sono giornalai(con il rispetto per quest'ultimi...


Commento scritto da claudio il 04 Aprile 2016 alle 19:52
Per la gentilissima Sig:Ra Carla Lei ha un rigurgito antifascista? Ed io Anticomunista...anche nei paesi Comunisti lo scipero era vietato ma i compagnucci non se lo ricordano o fingono di non ricordrselo...


Commento scritto da comunista vera il 05 Aprile 2016 alle 09:50
I paesi comunisti, caro claudio, non sono mai esistiti. Quelli dell'est erano regimi a capitalismo di stato e a capitalismo misto (stato, cooperative, piccole proprietà concesse,proprietà del partito, ecc). Da un punto di vista marxista c'era la stessa estrazione di plusvalore, solo che la ricchezza se la prendeva il padrone pubblico e al posto degli azionisti delle multinazionali c'erano i burocrati del partito che si dividevano il bottino e vivevano nell'oro. Per questo erano vietati gli scioperi.

In questo senso Hitler, Stalin, Mussolini, Franco, persino Roosvelt rappresentano sfaccettature di una stessa fase storica, quella in cui c'è la grande crisi del '29 e i governi rispondono con un forte interventismo pubblico e con una forte repressione interna. Fino alla guerra mondiale.

Capisco però che il tuo anticomunismo (anche se sarebbe più corretto parlare di antistalinismo) avrà sempre occasione di spararle grosse finché ci saranno stalinisti che puzzano di naftalina che dopo 27 anni ancora rimpiangono il muro


Aggiungi un commento [+]
Bonifica Umbra
Performat Salute Spoleto
Stile Creazioni
Supermercati della convenienza offerte speciali
Principe
Spoleto Cinema al Centro
Aldo Moretti S.r.l.
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Sicaf Spoleto
Ristorante La Pecchiarda
Bar Moriconi
De.Car. Elettronica
Lavanderia La Perfetta
Pizzeria Mr Cicci
TWX Evolution
Bar Kiss
Ferramenta Bonfè
Lavanderia La Perfetta
Perugia Online
Associazione Cristian Panetto