Spoletonline
Edizione del 19 Ottobre 2017, ultimo aggiornamento alle 12:00:42
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Aldo Moretti S.r.l.
Spoletonline
Aldo Moretti S.r.l.
cerca nel sito
Civico 53
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
Spoleto Cinema al Centro
Pc Work
Aldo Moretti S.r.l.
Mrs Sporty
Agriturismo Colle del Capitano
The Friends Pub
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
Centro Dentistico Cristina Santi
Vus Com
Ristorante Albergo LE CASALINE
Libreria Aurora
Parafarmacia Serra
Fondazione Giulio Loreti
TWX Evolution
Lavanderia La Perfetta Self
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Stampa articolo

Cibo e Nutrizione, 07 Giugno 2016 alle 09:20:55

Usi farmaci? fai attenzione alle spezie!

[Commenti]


Francesco Cagnazzo (*)

Forse non ci avevi mai pensato prima, ma le spezie possono influire sul metabolismo dei farmaci. Curcuma, pepe, chiodi di garofano, cannella, aglio, zenzero agiscono sul sistema dei citocromi (strutture cellulari che metabolizzano i farmaci), inibendo la loro attività. La conseguenza è che i


farmaci rimangono attivi più a lungo. Sebbene tale effetto sia vantaggioso in alcuni casi (ad esempio la curcumina riduce la resistenza delle cellule tumorali al trattamento chemioterapico e i chiodi di garofano aumentano l'efficacia degli antibiotici contro i batteri Gram negativi), in altri casi si rivela svantaggioso.


Consumare alte dosi di spezie potrebbe esaltare gli effetti dannosi di alcuni farmaci: è il caso dello zenzero che, se assunto in concomitanza con gli antinfiammatori , ne potenzia i loro effetti lesivi a livello della mucosa gastrica. Per alte dosi intendo che le spezie vengano assunte sotto forma di estratti in integratori o in medicinali, oppure che vengano aggiunte in eccesso ad ogni pasto. E' il caso anche dell'aglio che può aumentare l'attività di anticoagulanti, antinfiammatori, antiaggreganti, antipertensivi (ACE inibitori), così come del pepe nero che aumenta l'attività della fenitoina (farmaco antiepilettico) e la biodisponibilità di altri farmaci e di erbe medicinali.


Attenzione soprattutto se stai assumendo anticoagulanti orali poiché questi farmaci sono i più soggetti ad interazioni con alimenti, frutta, verdure e spezie. Infatti, la loro attività può ridursi, con rischio di trombosi, se mangi troppa verdura a foglia verde, mentre al contrario può aumentare, con rischio di emorragie, se abusi di spezie.


In conclusione, sfruttiamo i benefici della cucina etnica, ma evitiamo i rischi che deriverebbero da un uso improprio delle spezie, soprattutto in concomitanza di terapia farmacologica.


(*) Dottore Specialista in Scienze dell'Alimentazione e della Nutrizione Umana - Nutrizionista (cagnazzofrancesco@libero.it, - Sito ufficiale - Pagina Facebook).



Commenti (2)

Commento scritto da Roberto Quirino il 09 Giugno 2016 alle 22:38
...e se si usassero solo le spezie invece dei farmaci?


Commento scritto da Francesco Cagnazzo il 04 Luglio 2016 alle 09:58
Non si possono sostituire i farmaci con le spezie. L'alimentazione è un supporto fondamentale alla terapia farmacologica, ma non può sostituirsi ad essa.


Aggiungi un commento [+]
Bonifica Umbra
Lavanderia La Perfetta
Supermercati della convenienza offerte speciali
Bar Moriconi
TWX Evolution
Stile Creazioni
Ferramenta Bonfè
Lavanderia La Perfetta
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
De.Car. Elettronica
Perugia Online
Bar Kiss
Associazione Cristian Panetto
Ristorante La Pecchiarda
Spoleto Cinema al Centro
Principe
Sicaf Spoleto
Pizzeria Mr Cicci
Performat Salute Spoleto
Aldo Moretti S.r.l.