Spoletonline
Edizione del 23 Febbraio 2018, ultimo aggiornamento alle 23:06:32
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
BEXB
Spoletonline
BEXB
cerca nel sito
Maison del Celiaco
Mrs Sporty
Agriturismo Colle del Capitano
Parafarmacia Serra
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Libreria Aurora
Ristorante Albergo LE CASALINE
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
Spoleto Cinema al Centro
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Pc Work
AROF Agenzia Funebre
Stampa articolo

Valnerina - Politica, 28 Luglio 2016 alle 09:54:30

CASCIA: La minoranza si oppone alla vendita degli impianti di distribuzione del Gas naturale

E' di qualche giorno fa la decisione della maggioranza del Comune di Cascia di procedere alla vendita degli impianti di distribuzione del GAS naturale di proprietà comunale.
Il dibattito, iniziato invero in commissione, ove il consigliere Daniele Giovannoli aveva espresso


tutte le perplessità di fronte ad una operazione poco trasparente, in ordine ai ricavi e soprattutto poco conveniente per la vendita di un patrimonio che è bene comune di tutti, è proseguito in consiglio comunale, ove il Capogruppo, l'avv. Luisa Di Curzio, condividendo le perplessità del suo collega consigliere, ha argomentato le ragioni che hanno spinto la minoranza ad esprimere voto contrario. Ha dichiarato la Di Curzio: " di fronte all'incertezza sia dei costi che l'ente, nel futuro, potrebbe sopportare, sia dell'inesistenza di cifre precise che potrebbero essere ricavate optando per l'affitto delle reti, piuttosto che per la vendita, non comprendo da cosa possa essere spinta la maggioranza a prendere questa decisione".
I dubbi poi non sono stati dissipati neppure dall'intervento, durante il Consiglio Comunale, del Presidente della Valnerina Servizi, Moreno Filippi che ha sicuramente alimentato le perplessità della minoranza.
Lo stesso infatti, nel tentativo di difendere la scelta della vendita delle reti, anziché rispondere alle precise domande della minoranza su costi, ricavi, tempi di usura dell'impianto, insomma su dati oggettivi, sui quali dovrebbe ragionare il massimo consesso cittadino, ha illustrato come l'operazione della vendita sarebbe un atto necessario e dovuto affinchè il Comune di Cascia non incorra in sanzioni, di tipo economico, pesantissime, che non avrebbe le risorse per fronteggiare. A quel punto la Di Curzio ha così replicato: "se questo Consiglio non ha il potere di prendere le decisioni nel superiore interesse dei cittadini, ma deve prendere decisioni perché vengono imposte, non comprendo perché debba votare, senza avere la libertà di scelta. Come portavoce della minoranza esprimo con maggiore fermezza e convinzione il nostro voto contrario alla vendita".
Per il momento la maggioranza e il Sindaco Emili hanno preso la loro decisione; vedremo, purtroppo solo in seguito, quali saranno le conseguenze, quando, probabilmente, come è avvenuto per l'alienazione di altri beni di proprietà del comune, sarà oramai troppo tardi!


 



Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Principe
Supermercati della convenienza offerte speciali
Perugia Online
De.Car. Elettronica
Pizzeria Mr Cicci
Sicaf Spoleto
Ferramenta Bonfè
Bar Moriconi
Performat Salute Spoleto
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Necrologio
Lavanderia La Perfetta
Guerrini Macron Store
Lavanderia La Perfetta
Stile Creazioni
Bonifica Umbra
Associazione Cristian Panetto
Spoleto Cinema al Centro
Gabetti Immobiliare