Spoletonline
Edizione del 16 Luglio 2018, ultimo aggiornamento alle 22:14:25
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Costa D'Oro
Spoletonline
Adcomm
cerca nel sito
Parafarmacia Serra
Ristorante Pizzeria San Giuliano
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
The Kon
Pc Work
Agriturismo Colle del Capitano
Libreria Aurora
Rafting Nomad
Arte Infusa
TrattOliva
Azienda Agricola Bocale
AROF Agenzia Funebre
Ristorante Albergo LE CASALINE
Spoleto Cinema al Centro
Stampa articolo

Valnerina - Cronaca, 05 Novembre 2016 alle 13:42:03

Terremoto, rubato dipinto a Nottoria

Sciacalli trafugano 'Il Perdono di Assisi' di Jean Lhomme [Commenti]


D. U.

Purtroppo per gli sciacalli e ladri su commissione il terremoto è un'opportunità. E' di queste ore la notizia, rimbalzata su di un social network, dell'avvenuto furto, la notte scorsa, del dipinto di Jean Lhomme "Il Perdono di Assisi" dalla chiesa di Nottoria, frazione di Norcia particolarmente colpita dal terremoto del 30


ottobre. Al momento il paese è praticamente deserto: ci vivono appena una famiglia ed un pastore, quest'ultimo nella propria roulotte. E' stato dunque fin troppo facile, per i ladri, trafugare l'opera agendo indisturbati.


Nonostante la presenza massiccia sul territorio delle forze dell'ordine, che pattugliano costantemente le aree terremotate, l'immenso patrimonio artistico custodito dai numerosi luoghi di culto è stato già fatto oggetto delle mire immorali di chi non si fa scrupoli neanche di fronte alla tragedia, e che anzi la sfrutta per arricchirsi in maniera illegale.



Multiservizi Spoleto
Trattoliva Ristorante / Campello sul Clitunno
Scheggino Donna
Abbazia Albergo e Ristorante


Commenti (2)

Commento scritto da Il Corvo della rocca il 05 Novembre 2016 alle 16:46
Il dramma del terremoto è già di per se difficile da comprendere e da superare. Se poi ad esso si aggiunge lo sciacallaggio, perpetrato da persone senza scrupoli che dimostrano di non avere né anima, né cuore, allora tutto diventa più difficile da capire e da accettare. Il terremoto dovrebbe si rappresentare un'opportunità, ma un opportunità per ritrovare alcuni valori del proprio animo, come la comprensione e solidarietà, che, spesso, tra le persone, vengono dimenticati. Mi chiedo se davanti a una situazione del genere, (dove numerose persone hanno perso i loro cari, la loro casa, il lavoro, i loro averi, e rischiano di perdere anche le loro radici e il loro futuro), si possa avere tanto coraggio di approfittarne materialmente. Cercando di sottrargli anche quel po' che gli rimane del loro passato, delle loro fatiche, dei loro sacrifici, dei loro ricordi e dei loro simboli religiosi. In questo contesto, se io mi trovassi ad occuparmi di soccorso e di salvataggio, e dovessi fare delle scelte, sono proprio gli sciacalli gli unici *animali" che non soccorrerei e non salverei. Sì, perché essendo essi dei nostri simili, per lo spirito e per l'animo della gente del luogo, le loro azioni sono da considerare più nocive del terremoto. Paragonabili a dei veri mostri!


Commento scritto da illi il 06 Novembre 2016 alle 07:25
BRAVO,CORVO, LEGGO SEMPRE VOLENTIERI I TUOI COMMENTI, FINALMENTE UNA PERSONA CHE, OLTRE CHE A SCRIVERE CON INTELLIGENZA, CONOSCE ANCHE L'ITALIANO...


Aggiungi un commento [+]
Performat Salute Spoleto
Perugia Online
Guerrini Macron Store
Necrologio
Bonifica Umbra
Lavanderia La Perfetta
Spoleto Cinema al Centro
Lavanderia La Perfetta
Principe
Bar Moriconi
Pizzeria Mr Cicci
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Sicaf Spoleto
Associazione Cristian Panetto
Così è una svolta Pub