Spoletonline
Edizione del 15 Dicembre 2017, ultimo aggiornamento alle 15:00:45
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Natale a Scheggino
Spoletonline
Natale a Scheggino
cerca nel sito
The Friends Pub
Vus Com
Lavanderia La Perfetta Self
Libreria Aurora
Ristorante Albergo LE CASALINE
Maison del Celiaco
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
Spoleto Cinema al Centro
AROF Agenzia Funebre
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Mrs Sporty
Bonifazi Immobiliare Spoleto
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
TWX Evolution
Agriturismo Colle del Capitano
Pc Work
Parafarmacia Serra
Centro Dentistico Cristina Santi
Stampa articolo

Diari di Viaggio, 27 Novembre 2016 alle 11:03:07

FIDEL: QUANDO A GIUDICARE SONO I SERVI DELLA DITTATURA DEI MERCATI E DELLE BANCHE

Il pensiero di Casa Rossa in memoria del Leader Maximo [Commenti]

Riceviamo e pubblichiamo da Casa Rossa:


Quello che più colpisce dei commenti sulla morte di Fidel è l'ipocrisia dei giornalisti ( quasi tutti) e dei commentatori politici nostrani che mettono l'accento sulla parola dittatore.
Abituati alla dittatura dei mercati e della politica serva dei banchieri, delle grandi corporation mondiali,


abituati a scrivere articoli che corrispondono perfettamente agli interessi dei loro Editori che sono sempre i "padroni del vapore" di cui sopra, i giornalisti occidentali rappresentando esperienze politiche come quella cubana come dittatura, creano non casualmente e artificialmente il negativo che gli consente di presentare se stessi e la società che difendono come il positivo del mondo. Prezzolati e disonesti intellettualmente ci vorrebbero far credere che i pesci volano e che gli uccelli nuotano. I politici poi sono pagati per questo.


Della "dittatura" cubana possiamo giudicare solo noi comunisti, perché solo noi possiamo parlare scevri da pregiudizi classisti, quanto essa sia stata necessaria, quanto essa può aver funzionato, ovvero quanto abbia aiutato a far avanzare la Revolucion o almeno a non farla arretrare in un contesto internazionale difficilissimo, e quanto essa sia stata proletaria, cioè quanto abbia non solo cambiato i rapporti giuridici di proprietà, da privati a statali, ma anche i rapporti di produzione (rovesciamento dei rapporti gerarchici di lavoro e controllo proletario sulla produzione).


Le parole sono segni e come tali hanno due facce, la parola appunto e la cosa concreta che essa rappresenta. Gli ideologi dell'economia di mercato e i giornalisti che ne diffondono il pensiero stravolgono continuamente il significato delle parole per adattarle agli interessi del capitalismo.
Sottrarsi alla cultura capitalista è perciò il primo vero passo verso la libertà di pensiero e questo lo si fa rompendo il gioco delle categorie borghesi: democrazia (liberismo) dittatura (socialismo). Reimpostiamolo questo gioco e giochiamo ad armi pari ( le armi delle realtà), potremo allora discutere di DITTATURA CAPITALISTA e di DITTATURA PER IL SOCIALISMO, o anche se si vuole, guardando da un'altra angolazione, di DEMOCRAZIA LIBERALE E DI DEMOCRAZIA PROLETARIA.


E' un discorso lungo, serio e complesso che non vogliamo ne possiamo fare ora. Quello che vogliamo dire è che siamo, senza se e senza ma,dalla parte della Rivoluzione Cubana e di Fidel nella lotta dell'isola caraibica contro l'Imperialismo USA. Da Marxisti Rivoluzionari, giudichiamo dai fatti e non dalle parole e nella realtà concreta non c'è la Rivoluzione perfetta ( secondo canoni e percorsi preconfezionati) ma quella necessaria e possibile, che procede tra errori e difficoltà, avanzamenti e arretramenti, ma tiene fermo l'orizzonte del suo cammino, il comunismo.
Fidel sei stato un grande Rivoluzionario, il proletariato di Cuba, dell'America Latina, del Mondo ti onorano.


Associazione Culturale CASA ROSSA



Commenti (2)

Commento scritto da Poveri noi il 27 Novembre 2016 alle 22:58
...mah... detenere il potere x decenni è sempre sinonimo di dittatura; Fidel ha preso il potere da barbudos contro Batista e poi è divenuto comunista ed esso stesso il potere ecco xké il mondo capitalista lo ricorda con ammirazione: per la sua capacità di tenere il potere ininterrottamente x 50 anni.

No alla violenza, no alle dittature.


Commento scritto da Aurelio Fabiani il 28 Novembre 2016 alle 08:10
Se non si capiscono le cose più elementari perché parlare ? L'alternativa al cammino verso il socialismo con una organizzazione che consentisse di resistere a invasioni militari, tentativi di assassinio, strangolamento economico, non era un bel mondo senza violenza e dittature, ma un mondo che tornava a togliere al popolo cubano, scuola, salute, lavoro dignitoso, per riportare mortalità infantile, analfabetismo, sfruttamento selvaggio . Sull'ammirazione poi, basta accendere il televisore o aprire i giornali dei capitalisti ( tutti i grandi giornali). Sognare fa bene, ma quando ci si sveglia è bene mettere i piedi a terra, altrimenti dopo un bella nottata passata a sognare un mondo senza violenza e dittature ci si trova nel bel mezzo di un incubo reale fatto dai Batista, Pinochet, Videla con l'immancabile regia della CIA.


Aggiungi un commento [+]
Ferramenta Bonfè
Gabetti Immobiliare
De.Car. Elettronica
Spoleto Cinema al Centro
TWX Evolution
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Bonifica Umbra
Pizzeria Mr Cicci
Performat Salute Spoleto
Perugia Online
Stile Creazioni
Guerrini Macron Store
Lavanderia La Perfetta
Ristorante La Pecchiarda
Necrologio
Principe
Supermercati della convenienza offerte speciali
Associazione Cristian Panetto
Sicaf Spoleto
Lavanderia La Perfetta