Spoletonline
Edizione del 22 Luglio 2018, ultimo aggiornamento alle 22:26:35
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Costa D'Oro
Spoletonline
Costa D'Oro
cerca nel sito
Azienda Agricola Bocale
Ristorante Albergo LE CASALINE
Ristorante Pizzeria San Giuliano
Parafarmacia Serra
Libreria Aurora
Rafting Nomad
Arte Infusa
Spoleto Cinema al Centro
Agriturismo Colle del Capitano
AROF Agenzia Funebre
TrattOliva
Pc Work
The Kon
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Stampa articolo

Pensieri e parole, 07 Dicembre 2016 alle 22:10:37

NATALE, FUTURO SEMPLICE


Federica Mancinelli

"Andiamo avanti, sempre c'è un futuro. Guardare sempre avanti. Avanti, coraggio, e aiutarsi gli uni e gli altri. Si cammina meglio insieme, da soli non si va. Avanti!". (Papa Francesco - Amatrice, 4 ottobre 2016). "Non ci sono parole..." "No, Federica, ci sono rimaste solo quelle". Questa pagina


dovrebbe forse rimanere bianca. E lasciare che sia il silenzio a parlare. Perché esso può portare frutto. E perché la lingua certe cose non sa spiegarle. Ma le distanze, in grandi tempi e spazi, possono essere colmate solo da una cosa: le parole, appunto.


Da un sogno interrotto di una notte di fine estate le parole sono state il mezzo per trasmettere vicinanza da lontano. Sono state consolazione quando gli sguardi non erano possibili. Le parole ogni giorno fanno viaggiare informazioni, sono esse a popolare di senso l'etere che unisce persone altrimenti abbandonate, dentro. Le parole sono i passi che non possiamo fare e le mani che non possiamo dare.


Natale è una festa silenziosa, il rumore che lo circonda è effimero. Lo sappiamo bene, ora ne cogliamo più l'essenza: l'Incarnazione povera di Dio. Forse quando Dio ha immaginato di farsi piccolo, di farsi fragile, senza casa, senza riparo, senza vestiti, non pensava al presente. Dio pensava al futuro.
Pensava che un giorno migliaia di persone avrebbero sentito ridursi le distanze con popoli interi da anni senza casa, senza cibo, senza presente e forse senza futuro. E non per forza naturale, ma per violenta debolezza umana. E avrebbero capito che, a pochi metri da se stessi, centinaia di persone sono ogni giorno senza casa, senza cibo, senza presente e forse senza futuro. E non per misteriosa congiuntura della storia, ma per comune indifferenza.


La ricchezza delle nazioni non consiste solo in risorse, denaro e transazioni. Essa esiste in emozioni, in relazioni, nella cura. Cose semplici, come il futuro. Veri beni di scambio, non materiali, per ciò essenziali.


Il regalo allora è quello di esserci, scambiando le parole dell'essenza, che passano per la condivisione, attraversano le occasioni, anticipano la rinascita, trasformano le comunità, traducono il futuro.
A Natale, soprattutto. Quando Dio, in silenzio, ci dona parole profonde.
Se sono essenziali, per chi le dice, per chi le ascolta, le parole rimangono.



Scheggino Donna
Multiservizi Spoleto
Umbria Dent
Trattoliva Ristorante / Campello sul Clitunno
Abbazia Albergo e Ristorante


Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Così è una svolta Pub
Associazione Cristian Panetto
Lavanderia La Perfetta
Necrologio
Performat Salute Spoleto
Spoleto Cinema al Centro
Lavanderia La Perfetta
Sicaf Spoleto
Bar Moriconi
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Pizzeria Mr Cicci
Bonifica Umbra
Principe
Perugia Online
Guerrini Macron Store
Taverna del Pescatore