Spoletonline
Edizione del 12 Dicembre 2017, ultimo aggiornamento alle 14:10:07
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Agenzia Bonifazi Immobiliare Spoleto
Spoletonline
BEXB
cerca nel sito
The Friends Pub
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Agriturismo Colle del Capitano
Parafarmacia Serra
Mrs Sporty
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
AROF Agenzia Funebre
Libreria Aurora
Vus Com
Lavanderia La Perfetta Self
Spoleto Cinema al Centro
Pc Work
Centro Dentistico Cristina Santi
Ristorante Albergo LE CASALINE
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
TWX Evolution
Stampa articolo

Spoleto - Personaggi, 02 Gennaio 2017 alle 11:21:31

10 ANNI FA (2 gennaio 2007) MORIVA FRANCESCO SPITELLA

'Il tempo delle promesse è scaduto oggi, aspettiamo che la città mantenga i suoi impegni' [Commenti]


Casa Rossa (*)

Francesco Spitella, Partigiano, Croce di guerra al valor militare, ci lasciava la sera del 2 gennaio di 10 anni fa. Scrivemmo allora: "oggi ci hai lasciato ma portiamo con noi ciò che ci hai insegnato, con i tuoi ideali vissuti con coraggio e rettitudine, con coerenza e severità, con sdegno verso i politicanti, gli


arrivisti, gli opportunisti di sempre che stanno consumando la libertà che tu e i tuoi compagni ci avete dato".


Non molto tempo dopo la sua morte la città di Spoleto attraverso il Sindaco Brunini prendeva l'impegno di dedicare una via della città, a questo suo figlio coraggioso. La nostra proposta, come gruppo consiliare, fu di scegliere l'attuale via delle Mura, dove dal dopoguerra Spitella aveva sempre vissuto, fino alla morte.


La burocrazia impose allora di attendere 10 anni, così come la legge dettava. Ora i 10 anni sono trascorsi e siamo quindi a chiedere come Associazione culturale cittadina, la realizzazione dell'impegno che la città prese allora.


Per i giovani che non l'hanno conosciuto, vogliamo ricordare chi era Francesco Spitella.


Nato nel 1923, appena ventenne nel settembre del 1943 è fra i primi a salire sulle montagne dello Spoletino e della Valnerina per dare vita alla Resistenza. Partecipa allo scontro a fuoco di Patrico e successivamente a quello di Sant'Anatolia di Narco contro i tedeschi. Arrestato il 19 novembre, la notte del 26 organizza una rocambolesca fuga dal carcere della Rocca, calandosi con le lenzuola dalla torre più alta. Porta con se 13 compagni e si dirige sulle montagne intorno a Cascia per unirsi col battaglione "Tito", comandato da Tozo Svetozar. Partecipa alla battaglia di Mucciafora , dove caddero 16 uomini, tra partigiani e civili fucilati dai nazi-fascisti. Di nuovo arrestato insieme al soldato americano MC Enney a Pompagnano il 19 gennaio del '44, su ordine del Prefetto Rocchi viene portato a Perugia per essere fucilato. Lo salvano un giudice coraggioso, Mattioli, che nasconde le carte processuali e Otello Loreti che impone uno scambio, "vita per vita", ai fascisti spoletini già allo sbando. Il 13 giugno del '44 si riprende la libertà con una nuova evasione dal carcere di Perugia. Il giorno dopo, alla fine di un lungo camino, giunge a Spoleto e partecipa alle ultime fasi della liberazione.


Oggi, 2 gennaio, inoltreremo al sindaco Cardarelli, alla sua Giunta, a tutti i gruppi consiliari, la lettera che segue, per ricordare loro questo impegno della città che viene a scadere oggi. Attendiamo (Spoleto attende) la conferma dell'impegno di allora che il governo della città, siamo certi, non vorrà tradire.


 


Al Sindaco del Comune di Spoleto


All'Assessore alla Cultura


All'Assessore alla Pubblica Istruzione


Alla Giunta


Ai Gruppi consiliari


 


L'Associazione Culturale Casa Rossa, nel giorno del 10° anniversario della morte di Francesco Spitella, si rivolge al Sindaco della città di Spoleto, agli Assessori alla Cultura e alla Pubblica Istruzione, ai membri della Giunta, ai Gruppi consiliari, perché sia dato adempimento all'impegno preso dalla precedente Giunta Brunini, in sede di Consiglio, per voce dello stesso Sindaco, di dedicare una via della città al Partigiano Francesco Spitella, Croce di Guerra al Valor Militare, e segnatamente la strada che oggi porta il nome di via delle Mura, sulla quale si affaccia l'abitazione in cui Spitella abitò dal dopoguerra fino alla morte.


L'impegno venne preso dalla Giunta poco tempo dopo la morte di Spitella, contestualmente ad altri simili, come quello di dedicare una via ai militari italiani morti nella guerra irachena a Nassyria ( preso lo stesso giorno), con la promessa di assolverli quanto prima, a partire dal momento in cui sarebbero riprese le intitolazioni. In seguito con l'assessore Cerasini venne individuato l'iter previsto dalla legge, che portava fino ad oggi.


Siamo quindi a ricordare quell'impegno e a chiedere quanto prima ( non sono certo materie complesse, ne scelte economicamente costose ) che si proceda all'atto conseguente a quella manifestazione di volontà.


Rimaniamo in attesa di una Vostra risposta, certi che quella volontà allora espressa dalla Giunta Brunini, di dare il giusto rilievo, nel ricordo della città, ad una delle figure che più si impegnarono per la libertà, pagando con la galera e il rischio della fucilazione il proprio atto di coraggio, oggi non è venuta meno.


 


(*) Associazione Culturale Casa Rossa



Commenti (6)

Commento scritto da Roberto Quirino il 02 Gennaio 2017 alle 22:50
E' doveroso ricordare Franco Spitella: sono d'accordo col dedicargli via delle Mura, ma vorrei anche che la vecchia denominazione rimanesse, specialmente se si tratta di una denominazione storica: Via Franco Spitella... già via delle Mura


Commento scritto da fedeli mariko il 03 Gennaio 2017 alle 20:45
sempre saggio grande quirino





Commento scritto da virgilio vincenzoni il 04 Gennaio 2017 alle 07:16
spero che questo avvenga...dobbiamo sempre ricordare chi ha dato la vita per Spoleto





Commento scritto da Simone Pittella il 15 Gennaio 2017 alle 12:47
Sara una storia importante per ricordare un grande uomo. Per poter raccontare a tutti i figli di famiglia per generazioni. Un ricordo da vero necessario.


Commento scritto da Ottavia il 17 Gennaio 2017 alle 10:15
Grazie zio,

Per essere stato per noi tutti un esempio di grande coraggio ed integrita\' e fedelta\' ai principi che hanno informato la nostra famiglia, ed i valori umanitari che ci ricordi di trasmettere alle presenti e future generazioni, un patrimonio troppo prezioso per essere dimenticato.


Commento scritto da V.E. il 18 Gennaio 2017 alle 22:14
Giù le mani da via delle Mura!!

A nome mio, anche se questo pensiero che espongo è condiviso da tutti i residenti di via delle Mura, esprimo la mia (nostra) più totale contrarietà all'operazione oggetto di questo articolo.

Via delle Mura prende il suo nome dall'antica cinta muraria che segnava il limite della vecchia città, le cui mura storiche sono tuttora ben conservate e visibili. Io lì ci sono nato, sono cresciuto lì e ci ho abitato per oltre trent'anni, ma i miei ricordi di bambino di Franco Spitella non sono affatto belli e piacevoli. Urlava sempre contro tutti in maniera sgradevole e maleducata, in particolare nei confronti di noi bambini che (beninteso: negli orari ammessi dal civile buonsenso) giocavamo in strada riempiendola di vita e di rumori gioiosi che lui non tollerava, comportandosi come se fosse stato il padrone della strada...



Se proprio si deve intitolare una via a questo personaggio che la si vada a cercare nelle zone di più recente costruzione di Spoleto: via delle Mura NON SI TOCCA!



Aggiungi un commento [+]
Associazione Cristian Panetto
Lavanderia La Perfetta
Perugia Online
Performat Salute Spoleto
Ferramenta Bonfè
TWX Evolution
Bonifica Umbra
Guerrini Macron Store
Gabetti Immobiliare
Lavanderia La Perfetta
Spoleto Cinema al Centro
Ristorante La Pecchiarda
Necrologio
Supermercati della convenienza offerte speciali
Sicaf Spoleto
Pizzeria Mr Cicci
De.Car. Elettronica
Stile Creazioni
Principe