Spoletonline
Edizione del 15 Dicembre 2017, ultimo aggiornamento alle 13:11:16
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Natale a Scheggino
Spoletonline
Natale a Scheggino
cerca nel sito
Centro Dentistico Cristina Santi
The Friends Pub
Pc Work
Maison del Celiaco
Agriturismo Colle del Capitano
Lavanderia La Perfetta Self
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
Vus Com
AROF Agenzia Funebre
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
Libreria Aurora
Ristorante Albergo LE CASALINE
Mrs Sporty
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Parafarmacia Serra
TWX Evolution
Spoleto Cinema al Centro
Stampa articolo

Spoleto - Dillo a SOL, 09 Gennaio 2017 alle 14:55:26

Chiurgia e ospedale, 'I cittadini sono indignati'

[Commenti]

Siamo un gruppo di cittadini che da anni seguono le vicende della Sanità, anche attraverso i comunicati del T.D.M. Siamo fortemente indignati nel constatare con quanta determinazione la Regione stia portando avanti il suo progetto di distruzione della Chirurgia Generale dell'ospedale


 di Spoleto favorita, in questo, dall'acquiescenza del nostro Comune.


Prima ha "costretto" il dott. Ceccarelli a trasferirsi altrove, dopo che per più di due anni le Associazioni cittadine avevano fatto pressione perché venisse bandito il Concorso per il primariato di Chirurgia Generale rimasto vacante per il pensionamento del dott. Casciola.


Stanco di aspettare il dott. Ceccarelli ha partecipato vinto in ben due Regioni.


Poi si è svolto il concorso a Spoleto con tutte le polemiche che ne sono seguite, polemiche più che giustificate vista anche la sentenza del TAR che ha evidenziato varie irregolarità .E nessuno si è mosso se non Cittadinanza attiva.


L'equipe del dott. Casciola, in questi anni, ha continuato a lavorare a ritmi serrati, nonostante le difficoltà: mancanza di personale, attrezzature insufficienti, limitata disponibilità delle sale operatorie, scarsa organizzazione del Reparto ( a chi spetta?) e così via.


Al dott. Patriti è stata assegnata la Struttura semplice di Chirurgia robotica: una vuota etichetta perché non gli è stato messo niente a disposizione né il professionista è stato contattato, in tutti questi mesi, per elaborare un piano di lavoro ( segno di grande attenzione!). E così, dopo anni di sacrifici per rispondere alle tante richieste da tutta l'Umbria ed oltre, il dott. Patriti ha presentato il suo curriculum al concorso bandito a Pesaro dove è risultato vincitore. E pensare che a Spoleto ha dovuto accontentarsi del quinto posto ..........


La Chirurgia Generale di Spoleto può ancora contare su ottimi professionisti: i dottori Bartoli, Bellochi, Di Zitti, Spaziani, Valeri, tutti allievi e collaboratori del dott. Casciola .Sono stati assunti due nuovi chirurghi uno dei quali esperto in Chirurgia dell'apparato digestivo alto .Tuttavia non possiamo non pensare che la Toscana e le Marche si giovano di due "nostri" chirurghi che ci sono stati tolti da una politica regionale che ha privato i cittadini dell'Umbria di professionisti che rappresentavano una sicurezza soprattutto per patologie molto gravi.


Ed ora cosa intende fare la Direzione Generale? E' necessario sostituire al più presto il dott. Patriti, rinnovare il robot, sistemare il Reparto di Medicina che, ci dicono, sia carente di personale.


Insomma si dia ai cittadini di Spoleto la giusta considerazione perché la salute non può sottostare ai giochi politici.


 


 



Commenti (17)

Commento scritto da Diogene il 09 Gennaio 2017 alle 18:49
IO PENSO CHE SE LEGGIAMO QUESTO ARTICOLO E NON CI ATTIVIAMO

DIVENTIAMO , NOI STESSI , COMPLICI DI QUESTI GIOCHI POLITICI .

HO AVUTO MODO , PURTROPPO , DI VERIFICARE IN PRIMA PERSONA

LA REALE ED INSOSTENIBILE CARENZA DI PERSONALE NEL REPARTO DI MEDICINA E SOLO IL GRANDE SENSO DI RESPONSABILITA' DI TUTTI

CONSENTE DI GESTIRE IN MANIERA PROFESSIONALE L'EMERGENZA !!!


Commento scritto da Alessandro Bocci il 09 Gennaio 2017 alle 19:42
Il nostro Assessore Regionale, Luca Barberini dia una risposta nello spazio dei Commenti

sull'articolo "Chirurgia e Ospedale" presente nella pagina di Spoleto,in modo che i cittadini

se ancora ce ne fosse bisogno capiscano se è un problema dei vertici Politici nel ns/caso espressi dal Partito Democratico, o siamo noi cittadini con una preoccupante limitazione nel

capire il bene che questi amministratori stanno facendo per Spoleto.


Commento scritto da GIOBATTA il 10 Gennaio 2017 alle 10:04


SEMPRE IL SOLITO COPIONE UNICO COLPEVOLE DI TUTTI I GUAI DI SPOLETO LA MARINI.


Commento scritto da gianfrancesco il 10 Gennaio 2017 alle 14:07
Che Ceccarelli e Patriti non abbiano avuto la tessera del del PD?


Commento scritto da diciamo la verità il 10 Gennaio 2017 alle 16:10
L'assessore Barberini, in una intervista apparsa su SOL, sostiene, a proposito del caso Patriti, che non si può pensare di bloccare professionisti che hanno la giusta ambizione di crescere e vivere nuove esperienze professionali.

Eh no, caro assessore, questa è proprio una bugia!! Il dott,. Patriti aveva la sola ambizione di poter lavorare bene e voleva farlo a Spoleto. Certo chiedeva personale sufficiente e mezzi tecnici necessari per lavorare con serenità e si aspettava anche il giusto riconoscimento dei suoi meriti professionali ed umani. Nulla di tutto questo. Niente in cambio di un lavoro incessante ed estremamente impegnativo. E adesso che il dott. Patriti se ne è andato tra le proteste, nei vostri confronti, di tutta la città, vorreste indorare la pillola con la scusa della giusta ambizione. Ma abbiate il coraggio di dire la verità: chiudere i Reparti farebbe perdere voti ed allora, con altri mezzi, li si impoveriscono fino a renderli difficilmente funzionanti... ed il gioco è fatto. Bravissimi! I cittadini di Spoleto, che non sono sciocchi come voi credete, mi auguro sapranno dimostrare la loro indignazione per i danni che avete fatto e che vorreste continuare a fare attuando azioni concrete di protesta


Commento scritto da Si è fatto una domanda, si dia una risposta il 10 Gennaio 2017 alle 18:27
Alessandro Bocci sopra scrive, domandandosi, se la colpa del grave decadimento dell'ospedale di Spoleto è del PD o dell'intendimento dei cittadini. La risposta evidente è: del PD, chiaramente. Infatti è il PD che governa la sanità.

A. Bocci di cui sopra - se è lo stesso che dovrebbe essere eletto l'11 gennaio nel coordinamento cittadino del PD - non dovrebbe usare il "noi cittadini" perché il ceto politico non è mai il popolo: diversi sono le responsabilità, diverse sono le possibilità.

Il PD di Spoleto non conta e non pesa a livello regionale, quindi su questa città si possono fare azioni che la politica della Regione non oserebbe fare a Foligno.

Come spoletini dunque dobbiamo sceglierci un "defersor civitatis" contro gli abusi degli "honorati" e attualmente non possiamo che affidarci al M5S.

Naturalmente sarebbe cosa gradita avere una presa di posizione in merito da parte del sen. Stefano Lucidi.


Commento scritto da Roberto il 10 Gennaio 2017 alle 19:09
Tanto è la solita storia! Gli Spoletini giustamente si lamentano, continuano a prenderlo in quel posto, ben sapendolo, ma continuano, imperterriti, a essere l' inesauribile serbatoio di voti a favore di questi personaggi. Col paraocchi, come i somari! E allora, con chi se la prendono?


Commento scritto da RAS il 10 Gennaio 2017 alle 22:58
Ma l'assessore Barberini ricorda la brillantissima carriera del dott. Casciola? Sa che anche a lui a suo tempo hanno creato tante difficoltà? e che nonostante tutto egli, restando a Spoleto,ha raggiunto grandi successi? Sa che con il suo carisma riuscì a organizzare a Spoleto un congresso al quale parteciparono circa 2000 medici provenienti da ogni parte del mondo? Quando poi è andato in pensione ha lasciato un gruppo di chirurghi di alto profilo professionale del quale facevano parte sia il dott. Ceccarelli che il dott. Patriti i quali però sono stati costretti a fare altri concorsi, regolarmente vinti. Come mai la "qualificata" commissione di quello svoltosi a Spoleto non ha saputo, o voluto, valutare le qualità del dott. Patriti che oltretutto avrebbe voluto restare a Spoleto? Qui infatti con i suoi colleghi c'è sempre stata un'intesa perfetta e grande affiatamento e collaborazione anche con anestesisti, radiologi...insomma in chirurgia era stata creata una situazione ottimale difficilmente ripetibile in altri ospedali.

Caro Barberini le sue dichiarazioni sono davvero imperdonabili perché lei stesso sa bene di non aver detto la verità.


Commento scritto da Miao il 11 Gennaio 2017 alle 00:33
Avevamo un gioiello: la struttura di chirurgia robotica creata dal dr. Casciola. Ora restano brandelli della sua fantastica equipe. È\' evidente la professionalità\' acquisita nel tempo dal dr. Ceccarelli e Patriti tant\'e\' che altrove e\' stata confermata. Oramai nulla possiamo fare, pian piano il nostro ospedale si spegnerà\' perché\' così\' fu deciso ed allora perché\' non abbiamo regalato il nostro gioiello a Foligno? Almeno sarebbe restato e non buttato.


Commento scritto da RAS il 11 Gennaio 2017 alle 11:42
I nostri migliori professionisti sono stati regalati ad altre regioni perché gli estensori del Piano Sanitario sono troppo miopi e con il paraocchi dimostrando sempre di più incompetenza e incapacità nel gestire il Servizio Sanitario Regionale. Basta fare una riflessione di carattere economico che con tali comportamenti si stimola l'export privandosi dell'import. L'assessore Barberini con la sua aria giovanilista e cordiale, anche, un po' goliardica, sempre sorridente, sembrava molto convincente (come quando dice che non si può ostacolare un percorso professionale), ma ora si capisce bene che c'è chi tira i fili dietro di lui, un altro venditore di fumo!


Commento scritto da giobatta il 11 Gennaio 2017 alle 14:07
Sono sempre stato del centro-sinistra ma,sino a quando ci sarà la MARINI alla regione non voterò più pd.


Commento scritto da basilio rapucci il 11 Gennaio 2017 alle 14:37
L'articolo si può definire originale e quindi per evitare di fare polemica viene archiviato come tale.

Tra i commenti, merita menzione quanto scritto da Alessandro Bocci per i seguenti motivi:

- Per prima cosa ha il coraggio di presentarsi con il proprio nome e cognome, cosa che non tutti fanno..

- Come seconda cosa invita l'Assessore competente ad esprimere un proprio punto di vista sull'argomento.

- Per concludere lo stesso ritiene che ognuno si debba assumere le proprie responsabilità.

Dopo questa necessaria premessa occorre riepilogare lo stato dell'arte sull'argomento.

Il nostro ospedale si è prestato come merce di scambio sullo scenario politico regionale, infatti sin dagli anni '80/90, questo è rientrato nel solito scambio politico dell'allora PCI, scambio che è arrivato ormai a capolinea nell'attuale scenario del partito di maggioranza regionale.

Da quel periodo ad oggi la situazione è profondamente cambiata sia sul fronte delle persone che su quello della situazione economica generale.

Chi ha la mia età capisce le differenze che esistano tra questi 2 periodi, mentre è un pò più difficile ( per chi non ha vissuto quel periodo storico), apprezzare le differenze.

Nei giorni scorsi, abbiamo assistito all'intervista dell'assessore Barberini, personaggio di spicco della cugina Foligno, delfino dell'inossidabile di Bocci, entrambi sostenitori del nuovo corso del PD.

In poche parole il ns ospedale è come il ns paese.

L'unico partito che è sopravvissuto alle vecchie storie nazionali ( con le inevitabili trasformazioni fatte) è il PD, ma questo ogni giorno dimostra le proprie incapacità a ritrovare le proprie radici.

L'esempio più classico è quello relativo all'ultima riunione fatta da questo partito a Spoleto, dove incuranti degli organismi di base ( i circoli), questi provano a riaggregare se stessi, nella speranza di poter affrontare le prossime sfide, quelle della propria sopravvivenza, quelle della salvaguardia dei propri interessi economici costruiti nel tempo infischiandosene completamente dai problemi della gente comune.

Purtroppo per noi ormai la lotta è quella di trovare il meno peggio, mentre la gente vorrebbe spostare la gara per trovare il migliore.

Mentre questa guerra è in atto eccoci pronti a prendercela con chi giustamente richiede l'intervento dei titolari dell'assessorato a fornire risposte chiare alla gente.

I cittadini seri dovrebbero incoraggiare questi gesti, ma dai commenti espressi purtroppo questo aspetto non si coglie, anzi questa sensibilità viene trasformata in una sorta di complicità e questo non mi sembra giusto.


Commento scritto da velavevodetto il 11 Gennaio 2017 alle 15:13
è giusto indignarsi ma l'indignazione deve servire a cambiare le cose. All'orizzonte ci sono dei concorsi per primariati spoletini che, a quanto si sente dire, daranno all'Ospedale di Spoleto il colpo di grazia. Qualcuno si informi bene di quello che sta succedendo dietro le quinte, per evitare di piangere di nuovo fra qualche mese....


Commento scritto da velleitario il 11 Gennaio 2017 alle 23:48
Piccolo preambolo.....Dove c'è uniformità di pensiero non esiste crescita dell'essere come entità umana,è la diversità di pensiero l'elemento di crescita Interessante;il PD non riesce a ritrovare le proprie radici.L'esempio è quello relativo all'ultima riunione dei circoli.....bla,bla.Ho presenziato sempre alle riunioni dei circoli,ma non ho mai notato alcuno ha interloquire con chicchessia per indicare la meta giusta per non infischiarsi dei problemi della gente comune.La meta giusta per spostare la gara a trovare il migliore anzichè il meno peggio........(chi vieta alla gente di trovare il migliore?Abbiamo votato per il governo 63 volte in 70 anni di repubblica)La meta giusta a trovare cittadini seri......Basta andare sul sito Parlamento per verificare ciò che il governo Renzi ha ottenuto in meno di 3 anni......quello che non è stato fatto,perchè non è stato fatto,chi ha votato contro a provvedimenti per il bene comune.E' ineludibile che la faida interna al partito e la sua irriducibile legittimazione della segreteria,conquistata democraticamente con tutti i passaggi previsti dallo statuto,ha disperso un patrimonio politico a favore della pseudodestra,lega,M5S.Peraltro non è prassi nuova la divisione della sinistra!!Si è incominciato nel 1921 a Livorno,e purtroppo continua............


Commento scritto da Miao il 12 Gennaio 2017 alle 00:35
Non c'e piu da piangere o indignarsi, ormai è deciso : il nostro ospedale sparira'. Cosa possiamo fare? Non farci ingannare ulteriormente dai politicanti e dai loro turpi affari diretti sempre a un proprio tornaconto e non di certo al bene della collettività'.

Tutti questi commenti dimostrano solo un accanimento terapeutico verso un soggetto morente. Ormai il nostro ospedale e' storia e non futuro. Cari commentatori ci stiamo solo sfogando fino alla fine inevitabile. I nostri commenti , se non a farci sbollire la rabbia, non servono ad altro.


Commento scritto da basilio rapucci il 12 Gennaio 2017 alle 14:06
Apprendo con piacere che il velleitario ha sempre presenziato le riunione dei circoli e quindi mi domando se i circoli sono frequentati dai solti strati sociali che io incontravo quando io li frequentavo, o se è cambiato qualcosa.

Probabilmente qualcosa è cambiato, infatti il personaggio in questione, che come abbiamo avuto modo di precisare è un ex Craxiano, Craxiano convinto che con il partito socialista ha condiviso molte cose.

Oggi questo soggetto si manifesta con la sua solita prepotenza verbale, nella speranza di ricavare uno spazio nel partito in modo di poter soddisfare il proprio desiderio di potere,

Tutto ciò non si sarebbe mai potuto realizzare negli anni '70/80/90, ma oggi tutto è possibile e quindi nel partito convivono persone con idee, storie e sentimenti diversi.

In altri tempi tutto questo sarebbe stato non immaginabile, ma oggi in questa realtà succede anche questo.

Nel Partito Democratico convivono le realtà più disparate, e tutto ciò stimola questi soggetti a gareggiare al meno peggio.

Alessandro Bocci ( persona seria e corretta), anche se coinvolta nel partito stesso ha manifestato il desiderio di richiedere chiarimenti al titolare dell'assessorato per chiedere chiarimenti sulle sorti del nostro ospedale, ed il velleitario scende in campo per intorbidire le acque nella speranza di fare un servizio al potente di turno in modo da poterne ricevere in futuro il giusto ringraziamento.

Che possiamo dire a questo illuminato personaggio oltre a quanto già detto in passato.

Che un soggetto di questo stampo lo potrà comprare solo uno che non lo conosce, anche se mi sembra doveroso aggiungere a meno che non gli faccia comodo.

Io il soggetto lo conosco e non lo compro.

Lascio liberi gli altri di fare quello che più li aggrada.





Commento scritto da velleitario il 12 Gennaio 2017 alle 17:06
Non è mia intenzione esercitare la HYBRIS a chi possiede la sfera di cristallo!!La Rochefoucauld definiva:le menti mediocri condannano abitualmente tutto ciò che oltrepassa la loro capacità......


Aggiungi un commento [+]
TWX Evolution
Principe
Perugia Online
Guerrini Macron Store
De.Car. Elettronica
Lavanderia La Perfetta
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Ristorante La Pecchiarda
Spoleto Cinema al Centro
Ferramenta Bonfè
Associazione Cristian Panetto
Gabetti Immobiliare
Bonifica Umbra
Supermercati della convenienza offerte speciali
Sicaf Spoleto
Lavanderia La Perfetta
Necrologio
Stile Creazioni
Performat Salute Spoleto
Pizzeria Mr Cicci