Spoletonline
Edizione del 17 Luglio 2018, ultimo aggiornamento alle 23:38:37
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Adcomm
Spoletonline
Adcomm
cerca nel sito
Rafting Nomad
Spoleto Cinema al Centro
Agriturismo Colle del Capitano
Libreria Aurora
TrattOliva
Azienda Agricola Bocale
Arte Infusa
Pc Work
Parafarmacia Serra
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
The Kon
Ristorante Albergo LE CASALINE
AROF Agenzia Funebre
Ristorante Pizzeria San Giuliano
Stampa articolo

L'angolo del commercialista, 06 Febbraio 2017 alle 09:51:01

Dalla competenza alla cassa: cosa cambia e per chi


Alessandro D'Ingecco

Una importante novità è stata introdotta dalla Legge di Bilancio per il 2017; in particolare, soprattutto, per i contribuenti in contabilità semplificata. Infatti, tale categoria di contribuenti verrà tassata dal primo gennaio 2017 secondo il cosiddetto criterio di cassa e non più secondo il cosiddetto criterio di competenza.
Quali sono le differenze tra i due principi? Cercando di usare


termini molto semplici e diretti, in queste poche righe si proverà ad illustrare le differenze fra i due criteri e, allo stesso tempo, fornire quale indicazione per rendere più lineare tale passaggio.


A chi è rivolto
• Persone fisiche che esercitano attività imprenditoriale (i professionisti sono già naturalmente assoggettati al regime di cassa e pertanto esclusi da tale modifica normativa);
• Società di persone;
• Enti non commerciali che, oltre all'attività istituzionale principale, esercitano un'attività commerciale non prevalente;
• Trust, se esercitano un'attività commerciale non prevalente


che adotteranno dal primo gennaio 2017 il cosiddetto criterio di cassa per la rilevazione delle componenti positive e negative di reddito, in luogo del cosiddetto principio di competenza. Va ribadito che tutti i contribuenti in contabilità semplificata saranno costretti ad adottare detto regime di tassazione. Si tratta quindi di un obbligo se si opta per la contabilità semplificata e non di una scelta, naturalmente avendone i requisiti.


Quali requisiti saranno richiesti
Le categorie sopra descritte, nell'anno precedente dovranno aver conseguito ricavi/fatturato (al netto dell'IVA) pari a:
• € 400.000 per attività di prestazione di servizi;
• € 700.000 per l'esercizio di altre attività.


Quali regole ai fini fiscali
Come accennato in precedenza cambieranno drasticamente le regole per il pagamento delle imposte passando dal principio di competenza - in cui il reddito viene calcolato indipendentemente dall'incasso o pagamento ma basandosi sull'insorgere dell'operazione - al principio di cassa, per il quale il fattore determinante sarà il momento dell'incasso o del pagamento, al fine della formazione del reddito imponibile.


Particolare attenzione, infine, andrà prestata nei confronti delle rimanenze finali; infatti, dal reddito del periodo d'imposta in cui si applicano le nuove disposizioni, quindi 2017 (Unico 2018), verrà sottratto l'importo delle rimanenze finali imputate al reddito dell'esercizio precedente. Pertanto, nell'anno 2017 il reddito verrà determinato mediante una riduzione automatica di un importo pari alle rimanenze finali che hanno concorso a formare il reddito dell'esercizio 2016, anno di ultima applicazione del criterio di competenza.



Abbazia Albergo e Ristorante
Trattoliva Ristorante / Campello sul Clitunno
Scheggino Donna
Multiservizi Spoleto


Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Perugia Online
Lavanderia La Perfetta
Lavanderia La Perfetta
Bar Moriconi
Spoleto Cinema al Centro
Pizzeria Mr Cicci
Principe
Guerrini Macron Store
Sicaf Spoleto
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Necrologio
Così è una svolta Pub
Associazione Cristian Panetto
Taverna del Pescatore
Bonifica Umbra
Performat Salute Spoleto