Spoletonline
Edizione del 12 Dicembre 2017, ultimo aggiornamento alle 15:12:20
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Punto Salute Foligno
Spoletonline
Punto Salute Foligno
cerca nel sito
Agriturismo Colle del Capitano
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Pc Work
Centro Dentistico Cristina Santi
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
Ristorante Albergo LE CASALINE
Lavanderia La Perfetta Self
Mrs Sporty
TWX Evolution
The Friends Pub
AROF Agenzia Funebre
Libreria Aurora
Spoleto Cinema al Centro
Vus Com
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
Parafarmacia Serra
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Stampa articolo

Le Recensioni di Leo, 29 Marzo 2017 alle 15:17:07

It Follows, horror allegorico in stile vecchia scuola

Sonorità elettroniche dall'acuto sapore carpenteriano, un'ambigua ed angosciante lentezza narrativa ed un trattamento inusitato delle migliori citazioni al cinema horror anni '80 presentano fin da subito It Follows come un film puntinato di peculiarità. David Robert Mitchell, giovanissimo autore statunitense


qui alla sua seconda pellicola, sbarca timidamente nelle sale americane nel 2015 solleticando una più che nutrita attenzione di critica e pubblico, così che una volta raggiunta l'Italia nel 2016 con oltre un anno di ritardo, il ragazzo si ritrova già in mano un instant cult fatto e finito. Pochi soldi a disposizione, un grande senso della composizione di immagini, un grande senso di cinema in generale, un'atmosfera permeata da una sottile membrana onirica e un Male che non si nasconde nell'ombra ma che si mostra lento eppure inesorabile alla luce del sole. Tutto ciò è It Follows, c'è chi l'ha amato e chi dopo la visione è rimasto un poco perplesso ma, nonostante i capolavori assoluti risiedano su altre vette, traspare palese quanto il film di Mitchell voglia instaurare un discorso molto più complesso di quel che ci si potrebbe attendere da quello che sulla carta è stato segnalato come un horror movie, sfidando lo spettatore a navigare a braccio in una sua libera interpretazione.


In una provincia del Michigan del medesimo stampo che ha fatto da sfondo a una satura frotta di classici letterari e cinematografici quali It, Halloween o Scream, tra casette a schiera con giardino, boschi autunnali e laghi, la bella neomaggiorenne Jay (Maika Monroe), forse orfana, di certo annoiata e con una sorella minore a carico, rompe una volta per tutte il legame con la propria innocenza giovanile concedendosi sessualmente all'affascinante Hugh. Ciò che la ragazza non sa è che quel rapporto sessuale altro non era che l'unico modo per il baldo giovane di liberarsi dei demoni che lo seguivano ovunque andasse, assumendo sembianze umane ogni volta diverse e del tutto imprevedibili, caricature antropomorfe flemmatiche ma determinate a fare del male, ad uccidere perfino, se possibile. La maledizione ricade ora su Jay che, radunati attorno a sé i vecchi amici del quartiere (come del resto tradizione vuole) dovrà tentare ogni escamotage per sfuggire al camaleontico ed ostinato Male che la insegue, di notte ma anche e sorprendentemente di giorno, palese ed inarrestabile, un germe di morte indefinito nell'essenza che si diverte ad assumere la declinazione più efficace delle sue paure.


Mitchell non si premura di spiegare più del dovuto, anzi, preferisce mantenere intatta fino alla fine e anche oltre l'atmosfera di mistero decadentista che avvolge un mondo dove gli adulti sembrano scomparsi, dove i giovani conducono un'esistenza grigia e priva di soddisfazioni, dove tutto quanto sembra sia sospeso in una bolla di nichilismo e di atemporalità, tra ricercate elusioni di punti di riferimento e assurdi anacronismi in grado (a onor del vero, come raramente accade) di modellare un'atmosfera dalla rara potenza suggestiva, in grado di violentare lo spettatore e di lasciarlo colmo di interrogativi. Perché It Follows in fondo del genere horror si permette di tralasciare ogni meccanica, bandendo i jumpscare e gli spiegoni alla lunga solitamente concessi per cercare di dare un senso a ciò che di paranormale alberga nel racconto chiarendone storia, natura e scopi. No, Mitchell preferisce piuttosto andarci giù pesante coi tempi dilatati, con scene all'apparenza fini a se stesse, con una trama mai traboccante in cui la tensione coincide con l'attesa.


Intriso di una immersività di kubrickiana memoria e di leggerissimi ammiccamenti al ricordo di Stand By Me, It Follows si fregia di una calma studiata e procede attraverso un montaggio autoriale dove prevalgono campi lunghi nei quali, per il puro divertissement di Mitchell, si è costretti ad osservare attentamente al fine di riuscire a stanare i protagonisti dell'azione, mentre le straordinarie tracce musicali del compositore yankee Disasterpeace - tra le migliori mai apparse su grande schermo negli ultimi anni - accompagnano gli incubi ad occhi aperti di Jay. Volete semplicemente un horror diverso dal solito e che sia ben girato? It Follows è perfetto. Volete un'opera cinematografica su cui speculare intellettualmente come vi pare e piace? Ancora una volta It Follows è la piccola perla che darà a tutti modo di scervellarsi come più non si potrebbe. Sulla natura della maledizione di Jay si è detto di tutto: c'è chi molto sbrigativamente vi ha letto un monito contro le malattie veneree e chi, forse avvicinandosi di qualche passo alla verità, ha voluto intravedere nel film la metafora di un traumatico rito di passaggio all'età adulta, avvolto nel dualismo di repulsione-attrazione verso la sfera sessuale, nella perdita delle certezze affettive, degli iter quotidiani e del rapporto stretto con gli amici di una vita.


Un film silenzioso che sa di solitudine e di adolescenza, che da adolescente ragiona, come un adolescente si complica la vita e la complica a chi guarda, solo e soltanto per far fronte alla venuta del Male e poter di nuovo - ma con una maturità duramente conquistata - dare spazio ai sentimenti, capirli, esternarli ed evitare di farsi male prima che sia troppo tardi.


VOTO: 8 1/2



Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Associazione Cristian Panetto
Necrologio
Lavanderia La Perfetta
Spoleto Cinema al Centro
Lavanderia La Perfetta
Ferramenta Bonfè
Principe
Stile Creazioni
Guerrini Macron Store
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Bonifica Umbra
Supermercati della convenienza offerte speciali
De.Car. Elettronica
Performat Salute Spoleto
Gabetti Immobiliare
Ristorante La Pecchiarda
Sicaf Spoleto
Pizzeria Mr Cicci
TWX Evolution
Perugia Online