Spoletonline
Edizione del 19 Ottobre 2017, ultimo aggiornamento alle 21:09:21
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Aldo Moretti S.r.l.
Spoletonline
Adcomm
cerca nel sito
Aldo Moretti S.r.l.
Spoleto Cinema al Centro
Agriturismo Colle del Capitano
Ristorante Albergo LE CASALINE
Lavanderia La Perfetta Self
Pc Work
The Friends Pub
Civico 53
Bonifazi Immobiliare Spoleto
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
Mrs Sporty
Parafarmacia Serra
Fondazione Giulio Loreti
Vus Com
Libreria Aurora
TWX Evolution
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
Centro Dentistico Cristina Santi
Stampa articolo

Spoleto - Politica, 16 Maggio 2017 alle 22:11:22

Bilancio: Amministrazione risponde a Pd, Lista Due Mondi e Forza Italia

La nota di Rinnovamento, Spoleto Popolare e Cretoni (Misto) [Commenti]

In merito alle dichiarazioni del Partito Democratico, di Forza Italia e Lista Due Mondi, pubblicate nei giorni scorsi nei media locali, si ritiene opportuno specificare che quanto affermato non solo non corrisponde a verità, ma non corrisponde neanche a quanto discusso nelle sedi consiliari negli ultimi 3 anni.


Si parla di un buco piccolo piccolo, ma ai cittadini occorre spiegare le cose come stanno veramente.


Innanzitutto occorre ricordare che il disavanzo, meglio noto come "buco di bilancio" rideterminato a seguito della perizia asseverata dal CTU nominato dal Tribunale di Spoleto è stato nel 2013 pari ad € 9,2 milioni.


L'amministrazione Cardarelli fin dai primissimi giorni del suo mandato ha agito operando per la salvaguardia degli equilibri di bilancio, evitando che l'Ente cadesse in una situazione di dissesto e riducendo, già a fine 2014, il disavanzo di amministrazione ad € 1,8 milioni.


 


Se si parla di buco piccolo piccolo, si scredita il lavoro fatto dai tecnici comunali, dalla Procura della Corte dei Conti dell'Umbria, dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Spoleto e dalla Guardia di Finanza, ovvero di tutti coloro i quali hanno concorso ad accertare la gravissima situazione finanziaria e contabile in cui versava il Comune di Spoleto ed a rideterminare il disavanzo nel 2013!


 


Al fine di capire la vera entità del buco di bilancio, è allora utile rileggere quanto scritto dalla Sezione Regionale di controllo per l'Umbria della Corte dei Conti, che con nota n° 82 del 5 agosto 2014 afferma: "i mancati introiti conseguenti alla scarsa o pressocchè nulla attività di riscossione delle entrate - specialmente per il recupero dell'evasione tributaria - contribuiscono in misura rilevante ad aggravare la già precaria situazione di liquidità in cui versa l'Amministrazione, chiamata ad attivare nell'immediato ogni iniziativa volta a rafforzare e velocizzare l'attività di accertamento e di riscossione delle entrate, in qualsiasi periodo dell'esercizio e non soltanto come promesso dall'ente, nell'ultimo periodo dell'anno" ed inoltre che "il ripetuto utilizzo dell'anticipazione di tesoreria costituisce uno degli indicatori di una situazione di squilibrio finanziario suscettibile di attivare, da parte del Mistero dell'Economia e Finanze - Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato- verifiche sulla regolarità della gestione amministrativo-contabile dell'ente locale".


 


Questo sta a significare che le precedenti amministrazioni facevano poco o nulla in merito alla riscossione dei tributi, aggravando nel 2013 la posizione debitoria dell'ente mediante il ricorso all'anticipazione di tesoreria, pari a 349 giorni l'anno per un importo superiore ai 10 milioni, rispetto ai 10 giorni ed ai 1,4 milioni di anticipazione di cassa del 2016.


Tale situazione di gravità assoluta è altresì testimoniata sia dalla Guardia di Finanza, sia dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Spoleto, che nei loro atti d'indagine evidenziano "la presenza di una situazione caratterizzata da profili di opacità, da anomalie e fuorvianti modalità di contabilizzazione, da carenza di prudenzialità e, in numerosi frangenti, da una vera e propria assenza di titolo giuridico per l'appostazione in bilancio di alcune voci e relativi importi."


 


La differenza è talmente evidente, o almeno dovrebbe esserlo, anche a chi siede sugli scranni dell'opposizione, ma del resto se lo stesso Consigliere Emili, afferma durante l'ultimo Consiglio Comunale di non aver capito le risposte date alle sue domande da parte del Collegio dei Revisori dei Conti, come è possibile sperare nella comprensione dell'evidenza?


 


 


Infine alcune precisazioni in merito al disavanzo tecnico generato nel 2015.


Esso è si il frutto dei nuovi criteri contabili del D.Lgs 118/2011, ma non è affatto scontato che tali nuovi criteri portino automaticamente ad un disavanzo di 15,5 milioni di euro!


Se il Comune ha dovuto registrare un ulteriore disavanzo nel 2015 è soprattutto dovuto al fatto che, come sopra riportato dalla Corte dei Conti, nulla si faceva fino al 2014 per riscuotere le entrate dell'ente.


Per tale motivo l'Amministrazione Cardarelli ha dovuto calcolare un apposito fondo per la svalutazione dei propri crediti, pari a 14 milioni, che ha portato appunto nel 2015 ad un ulteriore disavanzo di € 15,5 milioni, ripianabile in quote annuali di € 516.000 euro per i successivi 30 anni.


Non è poco per una nuova Amministrazione trovarsi di fronte ad un disavanzo di 1,8 milioni e ad altri € 516.000, soprattutto se rispetto a prima si applicano i criteri di trasparenza, di veridicità, di correttezza del bilancio o anche semplicemente i più stringenti vincoli dettati dai nuovi princìpi contabili.


 


Non è affatto vero inoltre che, a fine 2015, l'Amministrazione Cardarelli ha generato un disavanzo di € 1,4 milioni, ma è vero il contrario!


Il disavanzo del 2014, come sopra ricordato era pari ad € 1,8 milioni, ed essendosi generato da risorse di parte capitale, doveva essere ripianato attraverso la vendita di immobili, quali quelli del complesso immobiliare dell'Azienda di Giano dell'Umbria, il cui valore stimato con perizia asseverata ammonta ad € 3,3 milioni. A causa della forte crisi del mercato immobiliare che ha fatto andare deserte tutte le procedura d'incanto d'asta, nel 2015 l'amministrazione Cardarelli ha dovuto risanare il suddetto disavanzo con proprie risorse di parte corrente, facendo in modo che quest'ultimo si riducesse di circa € 400.000, scendendo appunto ad € 1,4 milioni.


 


L'abbattimento integrale del disavanzo, è un risultato raggiunto dall'Amministrazione Cardarelli, ed è il frutto di una politica volta soprattutto a far pagare tutti, in modo tale che tutti possano pagare meno.


 


È infine opportuno ricordare che la riduzione della spesa corrente deriva da un'altra importante azione politica posta in atto dall'Amministrazione Cardarelli, ovvero la lotta alla riduzione agli sprechi, quali i minori interessi passivi pagati per l'anticipazione di cassa, oppure i minori fitti passivi pagati a fronte di immobili di proprietà comunale liberi e quindi non utilizzati.


Se teniamo conto che gli Enti Locali hanno dovuto subire negli ultimi anni una costante ed estenuante riduzione dei trasferimenti statali e regionali, è facile comprendere che un ente che era prossimo al dissesto nel 2014 come il Comune di Spoleto è stato costretto in questi ultimi 3 anni ad un lavoro diabolico, ovvero:


1) ripianare il disavanzo;


2) mantenere lo stesso livello quali-quantitativo dei servizi pubblici;


3) non aumentare il livello delle tasse, ma anzi ridurle (come fatto per la TARI nel 2015) o sospenderle (come fatto per TARI e TOSAP nel 2017).


 


 



Commenti (7)

Commento scritto da ridicoli il 17 Maggio 2017 alle 07:19
Quando la politica non ha giustificazioni da dare per coprire le proprie incapacità, scrive logorroici comunicati pieni di numeri ad effetto che nulla dicono e nulla hanno da dire sul disastro generale di questa città ormai morta da tutti i punti di vista. Rinnovamento, Spoleto popolare, PD, Emili, Cretoni, Cinque Stelle, tutti sono intervenuti con comunicati fiume incomprensibili, ridondanti, inutili e senza fine evidenziando una inconsistenza generale del loro essere politici. Caratteristica, questa, comune alla peggiore gestione della città sia di chi governa sia di chi fa opposizione a Spoleto. Bastava sintetizzare il tutto con una semplice comunicazione di servizio: andate a casa prima che sia troppo tardi.


Commento scritto da Spoletino il 17 Maggio 2017 alle 08:26
L'unica cosa interessante in questo comunicato è il recupero anche formale di cretoni alla maggioranza


Commento scritto da satira il 17 Maggio 2017 alle 11:57
si può dire tutto... siamo in democrazia, si può essere scontenti perché si sperava in qualcosa di più...ma basta ricordare da dove siamo partiti, con quali condizioni e con quali personaggi e soprattutto ricordare che dopo una crescita esponenziale del turismo grazie alle ricette dell'amministrazione abbinate alla capacità degli operatori turistici nello scorso anno siamo stati martoriati dal terremoto.

per ricordare alcune eccellenze di chi oggi critica (ovvero le precedenti amministrazioni....)

AREA INDUSTRIALE FLAMINIA

PALATENDA,

ISOLAMENTO CITTADINO NEI CONFRONTI DELLE ALTRE ISTITUZIONI

RISCHIO CHIUSURA IMPORTANTI ISTITUZIONI LOCALI

PERDITA CAPARRA PIAZZA D'ARMI


Commento scritto da Massimo il 17 Maggio 2017 alle 12:56
Vorrei chiedere al sig/sig.ra "Satira", se può circostanziare meglio l'affermazione "una crescita esponenziale del turismo grazie alle ricette dell'amministrazione". Perché, vede, questa frase significa che l'amministrazione attuale avrebbe portato a una crescita esponenziale del turismo a Spoleto grazie a delle "ricette".



Di quali ricette sta parlando?



Grazie di farmi sapere.


Commento scritto da Spoletino il 17 Maggio 2017 alle 13:36
Il signor Satira deve essere parente di quelli che fanno la lista dei "successi" della Raggi.


Commento scritto da Opratore il 17 Maggio 2017 alle 14:13
Per quanto rigurda l incremento dei flussi turistici fino al terremoto,questa amministrazione non ha fatto nulla .l operazione don matteo e partita grazie alla lungimiranza degli opratori.!!!!anzi alcuni esponenti di spicco di questa maggioranza non volevano che nean he continussse!!!!


Commento scritto da basilio rapucci il 17 Maggio 2017 alle 14:37
Siamo alle comiche finali.

Da giorni assistiamo a questo continuo palleggio su argomenti chiari che andrebbero raccontati in modo cronologico utilizzando le cifre corrette.

Finalmente in questo articolo l'inizio è buono, infatti si parte con i dati del 2013, per i quali si segnala che per questo esercizio si aveva un disavanzo di € 9,2 ml di euro.

Si passa poi al successivo esercizio, quello relativo al 2014, e per questo si dichiara in questo articolo che il disavanzo si riduce a 1,8 ml di euro.

L'autore dell'articolo non chiarisce che questo esercizio è stato in parte gestito dalla Amministrazione uscente ( quella di Benedetti), dal 01.01.2014 al 21.6.2014, mentre la seconda parte dell'esercizio è stata gestita dalla Amministrazione di Cardarelli.

Dai dati espressi non è chiaro capire cosa sia successo, e quanto è successo, per cui per questo esercizio si dovrebbero conoscere i dati delle consegne tra la Amministrazione uscente e quella entrante.

Perchè questi dati non vengono resi noti?

Mi sembra altrettanto logico pensare che se i dati espressi per questo esercizio sono veri ( visto che in questo articolo viene contestata alla vecchia maggioranza ( quella di Benedetti), l'incapacità ad incassare, le possibilità del miracolo ottenuto ( riduzione del deficit da 9,2 ml di euro a 1,8 ml di Euro dovrebbe essere avvenuta grazie alla attività svolta dalla nuova Amministrazione, oppure per merito di una sottoscrizione di un nuovo finanziamento ( che ha trasformato il debito verso altri in debito verso la Banca.

Fino a qualche ora fà, io credevo che in questo esercizio ( quello del 2014), si era ricorsi ad un prestito trentennale per ridurre il deficit di bilancio.

Oggi dopo aver letto questo articolo, sembrerebbe che il prestito è stato acceso nel 2015, ed addirittura per finanziare un deicit di 14 ml di euro, mentre nei giorni scorsi addirittura ci era stato segnalato che questa nuova Amministrazione aveva ridotto il deficit dal 2014 al 2016, di diversi milioni, ed accumulato un tesoretto da spendere di altrettanti milioni.

In poche parole visto il titolo dell'attuale Sindaco, almeno sui numeri mi aspettavo un maggior rigore e soprattutto una migliore esposizione dei dati.

Mi auguro di poter leggere nelle repliche ( a questo punto dovute), la riscrittura dei dati a partire da quelli del 2013 ( dati che dovevano essere rappresentati in accordo D lgs 118 del 2011), per arrivare a quelli degli anni successivi separati per ogni gestione, sino ad arrivare ai giorni nostri.

Mi preme chiarire che i dati non vanno forniti solo a chi li chiede, ma questi andrebbero forniti soprattutto ai cittadini, quelli che alla fine hanno l'obbligo di sostenerli.


Aggiungi un commento [+]
Bar Kiss
De.Car. Elettronica
Ferramenta Bonfè
Associazione Cristian Panetto
Performat Salute Spoleto
Perugia Online
Principe
Lavanderia La Perfetta
Lavanderia La Perfetta
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Sicaf Spoleto
Bar Moriconi
Ristorante La Pecchiarda
Pizzeria Mr Cicci
TWX Evolution
Aldo Moretti S.r.l.
Bonifica Umbra
Supermercati della convenienza offerte speciali
Stile Creazioni
Spoleto Cinema al Centro