Spoletonline
Edizione del 23 Ottobre 2017, ultimo aggiornamento alle 13:33:20
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Adcomm
Spoletonline
Punto Salute Foligno
cerca nel sito
Aldo Moretti S.r.l.
Centro Dentistico Cristina Santi
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Agriturismo Colle del Capitano
Pc Work
Civico 53
Mrs Sporty
Fondazione Giulio Loreti
Vus Com
Lavanderia La Perfetta Self
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
Frantoi Aperti 2017
Spoleto Cinema al Centro
TWX Evolution
Parafarmacia Serra
The Friends Pub
Ristorante Albergo LE CASALINE
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
Libreria Aurora
Stampa articolo

Spoleto - Editoriale, 15 Giugno 2017 alle 20:17:12

Consiglio comunale, Cardarelli ha i numeri per andare a casa

L'opposizione va sull'Aventino e il numero legale crolla [Commenti]


Daniele Ubaldi

Se avessero un minimo di futuro politico davanti a loro, si sarebbero già dimessi tutti. E invece questa è l'ultima spiaggia, e loro lo sanno bene. Vecchi e giovani, "Rinnovatori", reazionari e fascistelli. L'eterogenea compagine umana che compone l'attuale maggioranza in consiglio comunale, incapace - in tre anni - di dare il via alla benché minima


inversione di rotta rispetto a chi li ha preceduti, oggi pomeriggio in consiglio comunale si è scontrata con l'Aventino delle opposizioni, anzi dell'Opposizione, questa volta unita nel prendere una decisione e portarla a compimento. I dodici consiglieri di minoranza non si sono presentati nel massimo consesso cittadino in segno di protesta per le restrizioni unilaterali subite nell'esercizio del proprio mandato, lasciando la maggioranza a sbrigarsela da sola con le proprie pratiche. Risultato: dei 13 consiglieri che guidano la città, soltanto 11 si sono presentati in consiglio, il che ha reso obbligatorio chiudere la seduta per mancanza di numero legale subito dopo aver espletato tutto quanto era possibile concludere in regime di seconda convocazione, vale a dire comunicazioni (tra le quali quella, da parte del sindaco, dell'avvenuto rinnovo triennale dell'incarico di direttore artistico del Festival per Giorgio Ferrara) e le mozioni ancora da discutere. Poi, il nulla. Tutti a casa. Sarebbe forse il caso che qualcuno ci pensasse davvero, di andare a casa. Ma poiché il giorno dopo ci sarebbe l'oblio, meglio galleggiare vivacchiando piuttosto che finire nel dimenticatoio della politica locale e delle sue vanità. Questione di punti di vista.



Commenti (11)

Commento scritto da Bofosprings il 16 Giugno 2017 alle 07:25
Appunto...questione di punti di vista. Cosa hanno fatto i predecessori dell'attuale sindaco?



Commento scritto da a casa il 16 Giugno 2017 alle 07:30
la città piange e questi ancora giocano con le nostre teste...ridicoli sia chi amministra sia chi fa opposizione.

Tutto da rifare, e presto


Commento scritto da monica il 16 Giugno 2017 alle 10:56
Da donna di sinistra dico: ma quelli del PD in anni che cosa hanno fatto? hanno lasciato una situazione disastrosa! Benedetti è stato il sindaco desaparesido.. e ancora hanno il coraggio di parlare e salire in cattedra? Chiunque sarebbe ed è meglio di loro. Consiglio: un bel tacer non fu mai scritto...! oppure: da che pulpito viene la predica...!


Commento scritto da Spoletium il 16 Giugno 2017 alle 14:25
Che la sinistra abbia fatto solo disastri è verissimo, ma è altrettanto vero che Cardarelli in tre anni non è stato capace di fare nulla: centro storico disabitato e i territori circostanti sono isolati dal resto del mondo. In tre anni Cardarelli poteva rivoluzionare Spoleto ed eliminarne i problemi ma è stato capace di fare solo i suoi interessi con dei metodi che ricordano le signorie trecentesche, creando una sorta di lobby. Spero nel 2019 non venga riconfermato come sindaco, né lui né la sinistra del PD. Ah dimenticavo, la scusa del "Piddì" poteva essere usata fino a due anni fa, ma Cardarelli è sindaco di Spoleto da un bel pezzo!


Commento scritto da claudio marini il 16 Giugno 2017 alle 16:18
Ubaldi è uno da ammirare, perché ci mette la faccia E LA FIRMA. Ed è corretto perché la sua comunicazione non è unilaterale: riporta anche quella ufficiale, del Comune, anche se - chiaramente- lui non fa parte del gregge che ad essa si è supinamente accodato. Bravo Daniele. A tutti i voltagabbana di sinistra che hanno votato gli attuali " uomini del Palazzo " consiglierei una sana riflessione sulla reale situazione della città dopo tre anni buoni di " nuovo corso" : occupazione, degrado urbano, clima cittadino, aldilà delle " ospitate" , dei " piccoli" eventi e dei goffi tentativi di cadere sempre in piedi . Senza dubbio Spoleto ha perso in passato molti treni per lo sviluppo e per la propria crescita economica e occupazionale . Ma un conto è disapprovare sindaci e amministratori non all'altezza dei problemi della città, un altro è non voler vedere il nulla - al di fuori dell'arroganza e del continuo trasformismo di oggi .

Dov'è il " rinnovamento" ? Dov'è la " rinascita" della nostra città?

MA CHE VADANO SUL SERIO A CASA ! E CHE L'OPPOSIZIONE SI METTA AL LAVORO, SUPERI OTTUSE DIVISIONI, CRESCA POLITICAMENTE PER IL BENE SUPREMO DELLA CITTA' E DEGLI SPOLETINI. E FACCIA CRESCERE AMMINISTRATORI DEGNI DI UNA CITTA' BELLISSIMA . SPOLETO SE LO MERITA !!!!!!!!!!!!!


Commento scritto da alice il 16 Giugno 2017 alle 16:49
fra 2 anni ci farete vedere quello che sapete fare...


Commento scritto da Asterix il 16 Giugno 2017 alle 17:24
Indipendentemente dalla politica, o meglio dalla faziosità politica, dal mio punto di vista ciò che è accaduto è di grande gravità, non conosco con esattezza i meccanismi politico-amministrativi ma ci rendiamo conto che la città di Spoleto ha una classe politica che fa acqua da tutte le parti, e non ne faccio una questione di parte anzi sto accusando ogni consigliere che svolge il suo mandato di rappresentanza di noi cittadini.

Non posso giudicare bene i fatti in quanto non li conosco sino in fondo, ma da ciò che ho letto qui e su altri giornali c'è qualcuno che paventa querele, ma forse i cittadini dovrebbero querelare tutto il consiglio comunale per come svolge il suo compito.

Siamo alla follia, ricordo agli amministratori che loro sono semplici rappresentanti di una comunità della quale dovrebbero svolgere gli interessi (per questo si chiamano interessi pubblici) ma io non riesco a capire cosa esattamente stiano facendo sono basito


Commento scritto da Asterix il 16 Giugno 2017 alle 17:24
Indipendentemente dalla politica, o meglio dalla faziosità politica, dal mio punto di vista ciò che è accaduto è di grande gravità, non conosco con esattezza i meccanismi politico-amministrativi ma ci rendiamo conto che la città di Spoleto ha una classe politica che fa acqua da tutte le parti, e non ne faccio una questione di parte anzi sto accusando ogni consigliere che svolge il suo mandato di rappresentanza di noi cittadini.

Non posso giudicare bene i fatti in quanto non li conosco sino in fondo, ma da ciò che ho letto qui e su altri giornali c'è qualcuno che paventa querele, ma forse i cittadini dovrebbero querelare tutto il consiglio comunale per come svolge il suo compito.

Siamo alla follia, ricordo agli amministratori che loro sono semplici rappresentanti di una comunità della quale dovrebbero svolgere gli interessi (per questo si chiamano interessi pubblici) ma io non riesco a capire cosa esattamente stiano facendo sono basito


Commento scritto da claudio il 16 Giugno 2017 alle 19:25
A casa deve andare chi lo ha tradito ed adesso siede nei banchi dell'opposizione,,,,(pardon "gruppo misto" ),non ti nadava bene? Ok ti dimettevi ed al posto tuo entrava il primo dei non eletti....


Commento scritto da Gianni il 16 Giugno 2017 alle 20:48
Mi piace il concetto secondo il quale "se avessero un minimo di futuro politico davanti a loro, si sarebbero già dimessi tutti". Arguto.

Tuttavia una maggioranza cade quando se ne profila un'altra all'orizzontee il M5S, a cui toccherebbe x turno, non è abbastanza strutturato democraticamente per proporsi. Hanno un senatore, un consigliere comunale e si accontentano di riconfermare il primo e moltiplicare x tre il secondo, si marcano fra loro immobilizzandosi.

Sarà dunque di nuovo, hainoi, la volta del PD-PSI...non c'é futuro innanzi a noi, solo passato!



Commento scritto da Alessandro Ciamarra il 19 Giugno 2017 alle 14:30
Buongiorno Sol,

ero presente il giorno 15 u.s. nell'ultima seduta del Consiglio Comunale. È evidente che se la minoranza è arrivata a questa protesta, qualche motivo ci sarà. Anche a detta del Segretario ed alcuni della Maggioranza nelle Comunicazioni il Regolamento del Consiglio Comunale necessita di essere modificato. Mi auguro che quanto prima sarà fatto, affinché le Commissioni Consigliari i riuniscano gratuitamente e più frequentemente. C'e' bisogno di più politica. La protesta e' lecita, ma come cittadino quel pomeriggio però sono sentito preso in giro ed amareggiato, quasi in una situazione irreale. Pochi cittadini erano presenti erano presenti in aula, spero invece che la cittadinanza ed i giovani ritotneranno ad appassionaesi dell'attualita cittadina. Non m'interessa trovare colpe, ma credo che l'attuale situazione di contrapposizione totale nel Consiglio Comunale della Nostra Città non e' rispettosa dei cittadini e della crisi attuale, che richiede invece un maggiore impegno condiviso per affrontare i numerosi problemi. A mio modesto parere qui ci vuole una tregua ed una maggiore consapevolezza delle proprie responsabilita' di rappresentare i destini dei cittadini. In bocca al lupo Spoleto, merito sorti ben più felic!!!!i





Aggiungi un commento [+]
Ristorante La Pecchiarda
Supermercati della convenienza offerte speciali
Aldo Moretti S.r.l.
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Perugia Online
Stile Creazioni
Lavanderia La Perfetta
Pizzeria Mr Cicci
Bar Moriconi
TWX Evolution
Associazione Cristian Panetto
Principe
Bonifica Umbra
Sicaf Spoleto
Bar Kiss
Lavanderia La Perfetta
Performat Salute Spoleto
Ferramenta Bonfè
De.Car. Elettronica
Spoleto Cinema al Centro