Spoletonline
Edizione del 22 Settembre 2018, ultimo aggiornamento alle 19:42:38
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Adcomm
Spoletonline
Costa D'Oro
cerca nel sito
Casale La Palombara
Spoleto Cinema al Centro
Tuber experience - Campello
Rafting Nomad
The Kon
Pc Work
Arte Infusa
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Parafarmacia Serra
Ristorante Pecchiarda
AROF Agenzia Funebre
Libreria Aurora
Agriturismo San Vito
Ristorante Albergo LE CASALINE
Ristorante Al Palazzaccio
TrattOliva
Ristorante Pizzeria San Giuliano
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Agriturismo Colle del Capitano
Stampa articolo

Il Sestante, 05 Luglio 2017 alle 18:40:47

L’estro di Giulia Brilla alla ADD-art


Alfonso Marchese

Ne hanno fatto un contrassegno. Un marchio. Che contraddistingue la loro galleria ADD-art in via dei Duchi. D'altra parte, l'arte plastica non è solo contemplazione. Ma è anche provocazione e costruzione concettuale. Ci sta tutta l'ospitalità data a Giulia Manfredi, figlia del noto padre scrittore Valerio Massimo


 autore di best-sellers venduti in tutto il mondo. Titolo della mostra: Katabasi, che significa ritorno dall'interno verso la costa, il litorale. Al contrario di Anabasi. Ma ritorno da che? Dal caos, dove il massimo di ordine coincide col massimo disordine. Siamo di fronte al principio di entropia. Un paradosso della fisica. Comunque, non è casuale che questo movimento dal centro verso la periferia sia inserito nell'itinerario della decima edizione di Viaggiatori sulla Flaminia, che ha per padre nobile il noto pittore Franco Troiani. Ebbene, Giulia Manfredi mette a frutto la sua esperienza berlinese per imprigionare nel marmo ali di farfalla, che s'intravedono attraverso il reticolo marmoreo, o cristallizzare il sale in ramoscelli che spuntano da un piccolo ciocco. Ci sono anche i video dell'artista, coadiuvati da audio di Marta Coletti. In questo connubio giocano l'immutabilità del campione di roccia, che rappresenta la natura, e l'effimera immagine del digitale.
Ma facciamo parlare la critica più raffinata: "Insieme alla ricerca di nuovi materiali si sviluppa anche la poetica dell'artista la quale si accresce e arricchisce di nuovi significati. I suoi lavori si evolvono di materiale in materiale assorbendo le peculiaritàdei luoghi in cui è vissuta: se le nebbie delle pianure emiliane ispirano la luce filtrata delle sue resine, il video richiama i suoi studi a Berlino e, infine, a Roma si confronta con il marmo. Le opere di Giulia Manfredi superano la contrapposizione natura-cultura, nascondendo sotto un'aura di mistero le interazioni tra questi due mondi. I suoi esperimenti estetici, sapientemente controllati come in un laboratorio, sembrano voler creare un equilibrio tra ordine e caos attraverso la manipolazione della materia. L'immersione nella resina dell'elemento naturale è un vero e proprio atto di musealizzazione con l'intento di prolungare l'esistenza del soggetto conferendogli un nuovo significato. Katabasi, è un viaggio escatologico verso il basso, verso il centro della terra, da cui l'artista ritorna con nuovi reperti e talismani, come nella mitologia antica medievale e moderna la discesa nel mondo sotterraneo non è mai un viaggio senza ritorno ma una traiettoria che ci riporterà in superfice, alla luce perduta"

L'ARTISTA HA ESPOSTO

Nel 2016 Digital frame, Uncommon,, di Milano; nel 2015 Ouroboros, personale, MIC Museo Internazionale di Ceramica, Faenza; Safari Moon, Milano; As above so below, personale, Palazzo Bevilacqua, Bologna. Nel 2014 Frammenti, Palazzo Chigi di Formello, Roma; With eyes wide blinking,
Alte Kindl Brauerei am Sudhaus, Berlino; It's about time, Alte Kindl Brauerei Neckarstr, Berlino; Playtime, Cell63, Berlino; Orizzonte d'abbandono, personale, Spazio 9,
Bologna. Nel 2013 Errors allowed, Biennale del Mediterraneo, Mole Vanvitelliana, Ancona; Domus Artium, Salamanca, Spagna;
Ha realizzato un'opera per il castello, la memoria dello spazio, lo spazio della memoria, Castel Sant'Elmo, Napoli; New Future, a cura di Manuela Valentini, Palazzo Poggi, Bologna 2012 AMT, mostra con l'artista Martin Vongrej, AMT project, Bratislava; WEYA, Nottingham, Inghilterra; Malanotte, personale, Museo e Biblioteca della Musica, Bol


 



Umbria Dent
La Traviata - Teatro Lirico Sperimentale
Estetica Creola
Trattoliva Ristorante / Campello sul Clitunno
Multiservizi Spoleto
Abbazia Albergo e Ristorante
Il Biologico Spoleto


Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Mobili Regoli
Bar Moriconi
Guerrini Macron Store
Sicaf Spoleto
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Il Pianaccio
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Così è una svolta Pub
Centro Fisioterapico Clitunno
Lavanderia La Perfetta
Associazione Cristian Panetto
Performat Salute Spoleto
Lavanderia La Perfetta
Principe
Lunch Cafè
Spoleto Cinema al Centro
Pizzeria Mr Cicci
Bonifica Umbra
Taverna del Pescatore
Grisanti Arreda