Spoletonline
Edizione del 15 Dicembre 2017, ultimo aggiornamento alle 01:00:19
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Natale a Scheggino
Spoletonline
Natale a Scheggino
cerca nel sito
Spoleto Cinema al Centro
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Mrs Sporty
AROF Agenzia Funebre
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
TWX Evolution
Agriturismo Colle del Capitano
Libreria Aurora
Lavanderia La Perfetta Self
Maison del Celiaco
Parafarmacia Serra
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Centro Dentistico Cristina Santi
Vus Com
Ristorante Albergo LE CASALINE
The Friends Pub
Pc Work
Stampa articolo

Spoleto - Istituzioni, 23 Luglio 2017 alle 06:52:48

Bilancio comunale, 'i conti non tornano per 3 milioni e 300 mila euro'

Lo denunciano Emili e Cretoni (Due Mondi e Forza Italia). Documento diverso rispetto a quello approvato in consiglio comunale [Commenti]


Dan. Ub.

Tre milioni e 300 mila euro, quasi il 10% del bilancio comunale. A tanto ammontano le "incongruenze" nel conto di esercizio del Comune di Spoleto rilevate dai due consiglieri comunali di opposizione Giampaolo Emili (Lista Due Mondi) e Alessandro Cretoni (Froza Italia), che ieri mattina in conferenza


stampa hanno chiesto il riconteggio. Ma non è tutto: le incongruenze in questione si trovano nell'allegato 10 del bilancio che, a un'attenta analisi sull'albo pretorio, risulta essere un documento differente rispetto a quello approvato lo scorso maggio dal consiglio comunale.


"Noi votammo contro proprio per la mancanza di chiarezza sulle cifre", hanno ricordato Cretoni ed Emili, che hanno ribadito come all'epoca, più volte, avessero più volte chiesto all'amministrazione chiarimenti su più di una parte del bilancio, senza ricevere mai risposte attendibili. Dopo il voto favorevole del consiglio comunale, pertanto, i due esponenti di opposizione hanno proceduto a scavare nel conto, fino ad accorgersi delle pesanti incongruenze, nella forma quanto nella sostanza. 


"L'incongruenza - hanno detto - è emersa dalle somme delle singole voci riportate nell'allegato 10, relativo allo stato patrimoniale dell'ente. Malgrado a leggere i totali segnati all'attivo e al passivo i conti tornassero, sommando voce per voce emergono ben 3 milioni e 319 mila euro di minore eccedenza dell'attivo sul passivo. Questo perché alcune poste, pur iscritte, non erano state computate nei rispettivi totali generali".


Per la precisione le poste non computate ammontano a 127 mila euro per gli attivi e a ben 3 milioni e 446 mila euro per i passivi, il che porta alla conclusione che, come ha detto Cretoni, "il patrimonio netto comunale risulta inferiore per 3,3 milioni".


La conseguente richiesta di accesso agli atti, formulata dai due consiglieri per esaminare i conti di mastro, si era subito scontrata con le difficoltà tecniche palesate dal dirigente Gori, il quale aveva loro detto che il sistema informatico del Comune "non era in grado di estrapolare il dettaglio". Ma mentre i due pensavano a come sueprare questa difficoltà apparentemente insormontabile, ecco a fine giugno spuntare fuori sull'albo pretorio l'affissione della delibera di approvazione del bilancio del consiglio comunale, con un allegato 10 "differente da quello che abbiamo approvato, tanto che in quell'atto i conti tornano".


Ed ecco allora la richiesta al presidente del consiglio comunale Giampiero Panfili di "ricontrollare tutto il bilancio". Richiesta che domani, lunedì 24, sarà inviata a Palazzo Comunale. Emili e Cretoni chiedono un controllo approfondito e un nuovo passaggio in aula per una seconda approvazione ma, soprattutto, vogliono "chiarezza su questa vicenda perché in ballo c'è anche tutto il sistema di controllo sui conti del Comune di Spoleto, risultati incongrui soltanto ad approvazione avvenuta senza che nessuno, uffici o revisori, rilevassero qualcosa".
Una falla che potrebbe finire sotto la lente della Corte dei Conti.



Commenti (10)

Commento scritto da curioso il 23 Luglio 2017 alle 08:26
eeeeeeee.......ci risiamo ....!!!! ?????!



bravi consiglieri !!!!



ora che ci siete controllate anche i residui attivi ...





Commento scritto da Mah il 23 Luglio 2017 alle 12:36
Come mai non se ne sono accorti subiot in sede di commissione e consiglio...solo.dopo due mesi ????be se fosse cosi , e mi.sembra molto strano metteno in dubbio anche la professionalità dei revisori dei conti.


Commento scritto da Avanti Popolo il 23 Luglio 2017 alle 13:33
Meno male che sti due mò se so svegliati e combinano qualche cosa. Finora avevano dormito non il sonno dei giusti ma quello dei distratti e disattenti. Invece ora si sono attivati con una presa di posizione giusta e inoppugnabile


Commento scritto da Privato il 23 Luglio 2017 alle 19:54
Ma revisori cosa ci stanno a fare??


Commento scritto da curioso il 23 Luglio 2017 alle 21:03
i revisori non si accorgono mai di nulla .....sic...

vedi i precedenti ....


Commento scritto da Luca minestrini il 24 Luglio 2017 alle 07:42
Ma i consiglieri comunali del PD non se ne accorgono? Per quale motivo? Eppure Lisci era vice sindaco fino a tre anni fa, forse è troppo preso dalle beghe di partito prima con i socialisti e ora con voli pindalici nel PD da Paparelli alla Ascani a Cavicchioli. Capitani lo stratega che lui discute o si occupa solo di questioni politiche e/o amministrative, ma non si accorge di errori da 3 Milioni di euro.


Commento scritto da Martano martani il 24 Luglio 2017 alle 09:41
Vorrei dire a Emili e Cretini non vi sforzate che tanto all'opposizione ci sono pronti gli stampellari del voto : Capitani e Lisci che supporteranno l'amministrazione.


Commento scritto da Manuela il 24 Luglio 2017 alle 11:36
Ao, questa me piace "stampellari" e io aggiungo per salvare Cardarelli? O futuro trasvetsalismo?


Commento scritto da antonio cordani il 24 Luglio 2017 alle 12:23
Ritengo che una notizia di tale spessore meriti un chiarimento da parte del Comune di Spoleto, anche per capire se trattasi di polemica politica, disguido contabile di natura formale oppure errore sostanziale. Con riferimento al commentatore che ha invocato la verifica dei residui attivi, ricordo che ai primi del 2015 il Comune di Spoleto, dopo una verifica della insussistenza dei residui attivi, è ricorsa ad un finanziamento di € 15 milioni da rimborsare in 30 rate annuali di 500.000 euro circa che levano risorse ai servizi del Comune. Mi auguro che quelli superstiti siano tutti esigibili!!!!!


Commento scritto da ARBITRO FAZIOSO il 24 Luglio 2017 alle 20:31
forse... amici miei atto ter.... non hanno ancora capito la realtà e cosa c'è scritto nel documento e per queste ragioni, forse spinti del mentore locale che, ce l'aveva sin dalle urne con questa amministrazione, o forse a causa del caldo hanno scoperto il vuoto spinto......

Certo con il caldo che fa, probabilmente sarebbe meglio non sprecare il fiato e rilassarsi davanti ad una bevanda.....

riguardo al trasversalismo, forse vi dimenticate di quello fatto sotto banco dalla vecchia triade..... quello che è sfociato nel palatenda, nell'area ind. flaminia, nel buco (quello vero), della costante perdita dei centri decisionali e dei servizi in città.



Aggiungi un commento [+]
Gabetti Immobiliare
Bonifica Umbra
Spoleto Cinema al Centro
Necrologio
Supermercati della convenienza offerte speciali
Perugia Online
Guerrini Macron Store
Lavanderia La Perfetta
Associazione Cristian Panetto
De.Car. Elettronica
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Sicaf Spoleto
Lavanderia La Perfetta
Performat Salute Spoleto
Principe
TWX Evolution
Ferramenta Bonfè
Ristorante La Pecchiarda
Pizzeria Mr Cicci
Stile Creazioni