Spoletonline
Edizione del 13 Dicembre 2018, ultimo aggiornamento alle 10:36:42
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Spoletonline
cerca nel sito
AROF Agenzia Funebre
Centro Ottico Emmedue
Agriturismo Colle del Capitano
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Spoleto Cinema al Centro
Parafarmacia Serra
La Piazzetta delle Erbe
Norcineria Severini Perla
Il Calzolaio
Tuber experience - Campello
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Pc Work
Libreria Aurora
Ristorante Al Palazzaccio
Arte Infusa
Ristorante Pecchiarda
Ristorante Albergo LE CASALINE
Electrocasa Spoleto
Stampa articolo

Area Vasta - Eventi, 10 Agosto 2017 alle 20:30:44

A Sellano torna la sagra della fojata e della attorta!

Il programma da questa sera fino a lunedì 14

C'è un angolo di Valnerina in cui le tradizioni antiche della gastronomia vengono custodite come gemme preziose. La storia della fojata e della "attorta", che dà il nome alla quindicesima, omonima, sagra si perdono con quelle della transumanza e dell'invasione Longobarda nel territorio del Ducato


Spoletano. "Le prime testimonianze scritte su queste pietanze risalgono al XVI.mo secolo - spiega l'antropologo e storico, Agostino Lucidi - ma sicuramente sono di origine ancora più remota.


n particolare, la fojata era uno dei piatti consumati quotidianamente dai pastori del Primo secolo avanti Cristo. Tra gli ingredienti, oltre alle erbe selvatiche, troviamo anche la ricotta che veniva già conosciuta a quell'epoca. Poi, in età moderna, dentro al rotolo salato di pasta e verdura si è aggiunto il formaggio pecorino che è arrivato sulle nostre tavole successivamente". La fojata, a buon diritto, può considerarsi una ricetta autenticamente sellanese. Storia non dissimile quella della Attorta. Il dolce, conosciuto in tutto lo Spoletino ma anche nel Folignate con il nome di rocciata, viene fatto risalire ai Longobardi ed è una rivisitazione in chiave locale dello strudel con l'aggiunta di noci, nocciole e mandorle sgusciate, tritate finemente insieme a cacao, bucce di limone o arancio, pinoli e cannella.


La Pro Loco di Sellano, che ha il suo motore propulsore in un gruppo di giovani guidati ottimamente da Marco Simoni, ha incentrato la sua tradizionale sagra su questi due piatti tipici. E l'avvio della manifestazione ha confermato il successo di una ricetta che sa rinnovarsi mantenendo intatti gli elementi della tradizione.


Ricco il programma dedicato all'intrattenimento con le migliori orchestre del Centro Italia. Questa sera, giovedì, sarà la volta di quella di Matteo Tassi. Domani 11 agosto "Maria Elisa"; sabato 12 "Vincenzi"; domenica 13 Roberto Carpineti e lunedì 14 "Renzo Biondi". Per chi ama la musica di tendenza, tutte le sere (ore 22,30) sarà in funzione lo "Spazio Giovani".



Lavanderia La Perfetta
Il Macigno
Multiservizi Spoleto
Scheggino - Il Borgo di Babbo Natale
Abbazia Albergo e Ristorante
Il Biologico Spoleto
Trattoliva Ristorante / Campello sul Clitunno
Estetica Creola


Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Stile Creazioni
Il Pianaccio
Principe
Spoleto Cinema al Centro
Grisanti Arreda
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Bonifica Umbra
Associazione Cristian Panetto
Bonucci
Panificio Montebibico
L'Altro Forno
Pizzeria Mr Cicci
Bar Moriconi