Spoletonline
Edizione del 17 Agosto 2018, ultimo aggiornamento alle 22:39:11
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Adcomm
Spoletonline
Il Jazz italiano + Al Bano in concerto a Scheggino
cerca nel sito
Agriturismo San Vito
Parafarmacia Serra
Agriturismo Colle del Capitano
TrattOliva
Arte Infusa
The Kon
Ristorante Pizzeria San Giuliano
Libreria Aurora
Spoleto Cinema al Centro
Rafting Nomad
Azienda Agricola Bocale
Casale La Palombara
Ristorante Pecchiarda
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Tuber experience - Campello
AROF Agenzia Funebre
Pc Work
Ristorante Albergo LE CASALINE
Ristorante Al Palazzaccio
Stampa articolo

Visti da Lontano, 02 Settembre 2017 alle 14:56:01

I colori dei reati


G.C.

L'ondata di stupri in Italia non si ferma più, il femminicidio si è preso una pausa estiva, riprenderà in autunno, i media tengono magnificamente il loro palcoscenico di marionette vomitando notizie, ad ogni filo direzionale mosso dai burattinai. Ora è tempo della caccia al migrante, un oggetto da spostare, se non lo


fa di sua spontanea volontà, lo si aiuta, magari un po' bruscamente. Dove vanno questi "spostati"? Letteralmente appena più in là. Affari loro comunque, nessuno li ha costretti a venire qui, è il pensiero guida. Qualche manifesto comincia a circolare: "Difendi la tua famiglia dalla invasione, può essere tua madre, tua moglie, tua figlia". Ho visto i caratteri delle lettere, possenti, corpose, dure, su una immagine di tentato stupro, è molto convincente, sintetizza il pericolo che si corre, ma è una chiara istigazione all'odio razziale. Preso atto di quel che sta accadendo, un ministro si è mosso, dopo anni di piagnistei e dibattiti estenuanti, ha fatto appena quello che doveva, il minimo, si è assunto le sue responsabilità. In questo strano paese, appena fai il tuo dovere, sei un eroe. La violenza compiuta sulla vittima indifesa, è associata al migrante, una campagna orchestrata, con la silenziosa complicità dei media. Noi ad assorbire e ad identificare l'aggressore con chiunque abbia la pelle nera, o almeno scura, una trappola psicologica dentro cui si cade, una rete che ci avvolge e ci imprigiona. La convinzione: che una volta liberati da questa povera gente i reati cessino di esistere. Tra le migliaia di persone arrivate in Italia, troviamo anche questi vigliacchi, senza scrupoli, certi di poter fare il comodo loro, soggetti da mettere in galera, senza falsi pietismi, e renderli inoffensivi, perché poi, a pagare per loro, sono tutti i migranti che sognano una vita lontano dalla miseria e dalle torture subite nel loro paese di origine. L'obbiettivo della campagna di odio è distogliere l'attenzione dagli apparentemente cervellotici avvitamenti della classe politica, ad un occhio esterno inspiegabili e misteriosi, ma chiarissimi per chi le indica le direzioni da prendere. Una frase presa in prestito da un signore, affaccendato fino a poco tempo fa, in affari delittuosi, "mondo di sopra e mondo di sotto", a mio parere potrebbe fotografare i surreali personaggi della politica, che si muovono ed agiscono come fossero in un acquario. Noi sotto, ad osservarli col naso all'insù; in mezzo gli allarmi sociali; mentre questi pesci ingrassano, col mangime gettato dalle multinazionali, nuotando beatamente, sulle nostra credulità.



Multiservizi Spoleto
Abbazia Albergo e Ristorante
Il Jazz italiano + Al Bano in concerto a Scheggino
Umbria Dent
Trattoliva Ristorante / Campello sul Clitunno


Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Lavanderia La Perfetta
Pizzeria Mr Cicci
Sicaf Spoleto
Performat Salute Spoleto
Lavanderia La Perfetta
Associazione Cristian Panetto
Spoleto Cinema al Centro
Guerrini Macron Store
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Così è una svolta Pub
Taverna del Pescatore
Bar Moriconi
Principe
Bonifica Umbra