Spoletonline
Edizione del 19 Novembre 2017, ultimo aggiornamento alle 21:02:21
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Punto Salute Foligno
Spoletonline
Punto Salute Foligno
cerca nel sito
Vus Com
Ristorante Albergo LE CASALINE
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
The Friends Pub
Parafarmacia Serra
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
Pc Work
AROF Agenzia Funebre
Lavanderia La Perfetta Self
Agriturismo Colle del Capitano
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Mrs Sporty
Spoleto Cinema al Centro
Libreria Aurora
Centro Dentistico Cristina Santi
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
Aldo Moretti S.r.l.
TWX Evolution
Stampa articolo

Società, 26 Ottobre 2017 alle 15:32:33

Nuova vita per la chiesa dei Santi Giovanni e Paolo: affidato alla Coobec il restauro degli apparati pittorici

L'intervento rientra nel pacchetto ideato dal Comune per rilanciare la struttura [Commenti]


Filippo Partenzi

Sarà la Coobec ad occuparsi del restauro degli apparati pittorici della chiesa dei Santi Giovanni e Paolo. L’intervento, assegnato dal Comune attraverso una procedura di gara attivata nelle scorse settimane nell’ambito del bando regionale “Tac 2”, comporterà un costo totale di 3 mila euro più Iva


e rientra nel più ampio pacchetto di iniziative elaborato dall’amministrazione per rilanciare la struttura ritenuta “una pregevole costruzione di età romanica consacrata nel 1174 che conserva importanti affreschi della fine del XII e del principio del XIII secolo”. Una volta concluso il recupero dei dipinti situati all’interno dell’edifico sacro, nello specifico si procederà al rifacimento dell’impianto di illuminazione (finanziato da “Agenda Urbana”) e alla realizzazione di alcuni progetti in collaborazione con il servizio civile nazionale.


La chiesa apprezzata dagli inglesi “La chiesa segnalata in numerose guide turistiche nazionali e internazionali - spiega il Comune sul proprio portale dedicato al turismo e alla cultura - richiama l’attenzione di un rilevante numero di visitatori, in particolare dell’area anglosassone, in quanto tra gli affreschi vi è la rappresentazione del martirio di San Thomas Beckett, realizzata da un anonimo maestro al principio del XIII secolo, che costituisce una delle più antiche opere pittoriche dell’assassinio dell’arcivescovo di Canterbury avvenuto nel 1170”. Una vicenda che può essere collegata anche alla storia locale, visto che la lotta “tra quest’ultimo e il Cancelliere del regno d’Inghilterra Enrico II era per il possesso del Ducato di Spoleto”.


Programmare il futuro Le operazioni previste costituiranno poi la base da cui partire per programmare i prossimi lavori necessari per far tornare ad essere la chiesa uno dei principali luoghi di attrazione turistica in centro storico. “Dopo un sommario e inadeguato restauro compiuto tra il 1921 e il 1926 - afferma l’Ente - la struttura è stata oggetto di una bonifica ambientale alla fine degli anni 70. La lettura delle opere con l’ottica del restauratore può pertanto rappresentare anche il punto di partenza per un’utile analisi propedeutica alla progettazione dei futuri interventi di riqualificazione”. Alla Coobec verrà chiesto anche di effettuare una presentazione fotografica degli apparati, riposizionare nella chiesa alcune delle opere originariamente presenti e ora collocate in altre sedi, organizzare una visita guidata incentrata sugli aspetti conservativi e sulle tecniche esecutive degli affreschi e realizzare un laboratorio didattico rivolto agli alunni delle scuole primarie.



Commenti (3)

Commento scritto da Alberto Conti il 26 Ottobre 2017 alle 16:49
Malgrado io sia intervenuto, a suo tempo, presso l'Ufficio Cultura del Comune, si continua a mantenere nel pannello guida per i turisti ( e vedo anche nelle note del giornalista ) l'errata indicazione di un " Enrico II Cancelliere del regno ".

Storicamente il Becket fu lui Cancelliere del Regno dal 1154 al al 1162,

nominato dal RE Enrico II e da questi ulteriormente nominato Arcivescovo, rimanendo nei due incarichi fino alla morte nel 1170 ( martirizzato proprio per istigazione del RE ).

Fuggito in Francia, ma mai destituito, dal 1164 al 70 fu poi canonizzaro nel 1173.

Quindi è lui il Cancelliere e Enrico il RE.

Ci facciamo una magra figura storpiandone la storia.


Commento scritto da Alessandro Ciamarra il 28 Ottobre 2017 alle 17:32
Gentili di Sol,

leggendo l'interessante articolo dell'amico Filippo Partenzi sui lavori di restauro della Chiesa di San Giovanni e Paolo che è stato affidato alla Coobec, mi sembra di ricordare che la contesa tra il Re Enrico II ed il Cancelliere San Thomas Beckett era legata ad questione di giurisdizione tra la Chiesa d'Inhilterra ed il Re.

Mi piacerebbe conoscere un eventuale riferimento sulla tesi scritta relativa al Ducato di Spoleto.

Grazie e saluti

Alessandro


Commento scritto da Alessandro Ciamarra il 29 Ottobre 2017 alle 07:20
Gentili di Sol,

leggendo l'interessante articolo dell'amico Filippo Partenzi sui lavori di restauro della Chiesa di San Giovanni e Paolo che è stato affidato alla Coobec, mi sembra di ricordare che la contesa tra il Re Enrico II ed il Cancelliere San Thomas Beckett era legata ad questione di giurisdizione tra la Chiesa d'Inhilterra ed il Re.

Mi piacerebbe conoscere un eventuale riferimento sulla tesi scritta relativa al Ducato di Spoleto.

Grazie e saluti

Alessandro


Aggiungi un commento [+]
Perugia Online
Ristorante La Pecchiarda
Aldo Moretti S.r.l.
Lavanderia La Perfetta
De.Car. Elettronica
Stile Creazioni
Bonifica Umbra
Spoleto Cinema al Centro
Sicaf Spoleto
Ferramenta Bonfè
Gabetti Immobiliare
TWX Evolution
Necrologio
Lavanderia La Perfetta
Principe
Guerrini Macron Store
Bar Moriconi
Pizzeria Mr Cicci
Associazione Cristian Panetto
Performat Salute Spoleto
Bar Kiss
Supermercati della convenienza offerte speciali