Spoletonline
Edizione del 22 Novembre 2017, ultimo aggiornamento alle 21:51:34
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Punto Salute Foligno
Spoletonline
Adcomm
cerca nel sito
Agriturismo Colle del Capitano
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Parafarmacia Serra
Pc Work
Libreria Aurora
Mrs Sporty
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Spoleto Cinema al Centro
Centro Dentistico Cristina Santi
Lavanderia La Perfetta Self
AROF Agenzia Funebre
Ristorante Albergo LE CASALINE
Aldo Moretti S.r.l.
TWX Evolution
Vus Com
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
The Friends Pub
Stampa articolo

Spoleto - Eventi, 31 Ottobre 2017 alle 20:56:13

Nuova mostra al MAG: 'Persona. In the space and in the Time. By Fukushi Ito'

Persona. In the space e in the time è la mostra personale di Fukushi Ito, promossa dall'Associazione MetaMorfosi e ospitata dal MAG - MetaMorfosi Art Gallery dal 4 al 30 novembre 2017 nei prestigiosi spazi di Palazzo Bufalini nella splendida cornice di piazza Duomo a Spoleto. 


La mostra patrocinata dal Comune di Spoleto e curata dal critico e filosofo Roberto Mastroianni, è una personale dal carattere tematico che si snoda tra circa 30 opere di grandi e piccole dimensioni dell'artista giapponese, molte delle quali inedite. Al centro l'idea di persona/personaggio, di figura esemplare in cui si cristallizza una certa epoca e un certo ambiente sociale e culturale. L'artista attraverso installazioni ambientali, foto, trasparenze, computer drawing mette in scena una galleria di personaggi, che hanno influito sul contesto socio-storico o sulla sua biografia umana e artistica e trasforma il percorso espositivo allestito nelle sale dell'antico palazzo nobiliare di Spoleto, in una vera e propria esperienza sensoriale raffinata e particolarissima.
Fukushi Ito vive e lavora da più di 30 anni tra Italia e Giappone, tentando di raggiungere una sintesi poetica e sperimentale tra le tradizioni, i materiali e linguaggi delle sue "due patrie".
«La carta giapponese (washi) e i pigmenti naturali si uniscono all'immagine foto e video realistica, al computer drawing, al plexiglass e alla pellicola trasparente, alla luce del neon e dei led - spiega il curatore Roberto Mastroianni - Il lavoro di Fukushi Ito è un infinito esercizio di sintesi stilistica e materica, finalizzato alla rappresentazione della presenza dei fenomeni umani e fisici nello spazio e nel tempo. Fukushi Ito si interroga, vede le dinamiche con cui la realtà prende forma e decide di riproporle artisticamente. In questa mostra l'attenzione dell'artista è posta sulla restituzione installativo/scultorea (Assemblage) e pittorico/digitale (computer drawing) della fisionomia culturale e simbolica di alcune figure esemplari della storia collettiva e di quella individuale dell'artista: il grande samurai dell'epoca Edo, Miyamoto Musashi; Korin Ogata, pittore della scuola Rimpa; il pittore di Ukiyoe, Katsushika Hokusai; il romanziere Jun'ichirō Tanizaki; Yukio Mishima; Paolo Uccello; Piero della Francesca; Leonardo da Vinci, Niccolò Macchiavelli, Lucio Fontana; Bruno Munari; Oriana Fallaci; Gillo Dorfles».
Tutti personaggi che si presentano come "esemplari" ed "emblematici" e in qualche modo "eccezionali" nella propria storicità, biografia e produzione, ponendosi come punti di riferimento per una tradizione, che da loro prende il via o che in loro trova elevata espressione e compimento.
La mostra consta di una trentina di opere di forme, dimensioni differenti divise in 3 sezioni: computer drawing; assemblage e trasparenze.
Nelle opere realizzate con la tecnica di computer drawing il carattere iconico delle opere viene ottenuto sovrapponendo immagini, foto realistiche di paesaggi, dei personaggi stessi, riproduzioni dei loro scritti e delle loro opere dando vita ad un "rappresentazione virtuale" che produce una "realtà dilatata", anche grazie ad immagini digitali estratte dal mondo del web e della comunicazione televisiva, che sono successivamente stampate su pannelli di tela. La saturazione e la sovrapposizione delle immagini e la loro proiezione nell'ambiente espositivo, grazie all'uso della luce montata all'interno delle installazioni a forma di poliedro, restituisce la sensazione immersiva di una contemporaneità popolata di immagini e figure che circondano la nostra esistenza e formano il tessuto connettivo del mondo globalizzato.
A queste opere dal valore iconografico fanno da contraltare gli assemblage: installazioni scultoree composte da sfere, staffe d'acciaio e materiali plastici e figure geometriche finalizzate a restituire in maniera astratta l'essenza di questi personaggi.
Infine le opere in trasparenza, costituiscono un'installazione formata da 100 quadri trasparenti di piccole dimensioni, che partendo da immagini digitali interagiscono con la luce e le pellicole di rivestimento in un paziente lavoro di "ri-composizione" del reale.
La mostra presenta il filo rosso della poetica e della sperimentazione su materiali e linguaggi. Tutte le serie realizzate dall'artista negli ultimi 30 anni portano il titolo "In the space and in the time", visto l'interesse costante di Ito per la relazione tra la luce, l'ombra e la rappresentazione tecnologica. In questa specifica serie l'attenzione dell'artista e focalizzata sull'emergere del valore iconografico di figure esemplari di umanità capaci di divenire modelli per le generazioni future in una relazione costante tra innovazione e tradizione.
«Dopo Andy Warhol e Laurence Gartel, in dialogo tra Pop Art e la sua declinazione digitale, con cui MetaMorfosi ha inaugurato al MAG MetaMorfosi Art Gallery di Spoleto una riflessione dedicata al contemporaneo - commenta il presidente di MetaMorfosi Pietro Folena - per questo nuovo appuntamento è stato fondamentale l'incontro con un'artista potente e comunicativa come Fukushi Ito. Ci è sembrato che quest'artista giapponese, che ha scelto l'Italia come sua seconda patria, incarni al meglio il nostro ambizioso progetto di creare un ponte culturale fra diverse civiltà. Spoleto, con la sua vocazione all'avanguardia, alla sperimentazione e alla valorizzazione del nuovo, è senza dubbio il luogo perfetto per accoglierla».


"Continua il connubio tra Spoleto e MAG - ha detto il Sindaco di Spoleto Fabrizio Cardarelli. In uno scenario di grande suggestione, affacciandosi su Piazza Duomo, questo prezioso spazio espositivo conferma la nostra città come luogo di eccellenza nel campo della cultura. Oltre alle mostre su De Chirico e Canova, MAG si configura anche come laboratorio per presentare al pubblico autori contemporanei aperti alla sperimentazione e alla costante ricerca di linguaggi visuali inediti. Lo dimostrano la recente mostra su Andy Warhol e Laurence Gartel e lo conferma splendidamente questo evento su Fukushi Ito. MAG è una finestra sul mondo dell'arte che allarga gli orizzonti espositivi che Spoleto sa offrire e che dimostra come una virtuosa sinergia tra pubblico e privato possa dar vita ed esperienze e iniziative di assoluta qualità".


 



Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Bar Moriconi
Pizzeria Mr Cicci
Ristorante La Pecchiarda
TWX Evolution
Stile Creazioni
Ferramenta Bonfè
Gabetti Immobiliare
Performat Salute Spoleto
Principe
Lavanderia La Perfetta
Supermercati della convenienza offerte speciali
Associazione Cristian Panetto
Aldo Moretti S.r.l.
Perugia Online
De.Car. Elettronica
Spoleto Cinema al Centro
Sicaf Spoleto
Necrologio
Bonifica Umbra
Guerrini Macron Store
Lavanderia La Perfetta