Spoletonline
Edizione del 19 Novembre 2017, ultimo aggiornamento alle 20:57:46
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Punto Salute Foligno
Spoletonline
Punto Salute Foligno
cerca nel sito
Spoleto Cinema al Centro
Pc Work
TWX Evolution
Bonifazi Immobiliare Spoleto
The Friends Pub
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
Parafarmacia Serra
Vus Com
Centro Dentistico Cristina Santi
Agriturismo Colle del Capitano
AROF Agenzia Funebre
Libreria Aurora
Aldo Moretti S.r.l.
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Ristorante Albergo LE CASALINE
Lavanderia La Perfetta Self
Mrs Sporty
Stampa articolo

Spoleto - Cronaca, 08 Novembre 2017 alle 16:35:07

Gli staccano il metano, per l'agitazione anziano ha un malore e viene ricoverato

Per due fatture che risultavano non pagate ma anche mai recapitate in casa... [Commenti]


D. U.

Quasi ucciso dalla burocrazia e dal disservizio postale. E' la disavventura occorsa al padre cardiopatico di una collega giornalista ed editrice, Maria Grazia Catanzani, rimasto vittima - o meglio, quasi vittima, per fortuna - della brutalità dei tempi moderni, quelli per intendersi in cui per una bolletta o due non


risultate pagate ti staccano la corrente o il gas. Il tutto senza neanche un sollecito postale, telefonico o via mail...


Come ha raccontato la stessa Catanzani sul proprio profilo Facebook, verso le 21 di martedì sera lei e suo padre si sono ritrovati senza gas metano in casa. Pensando logicamente ad un guasto, hanno chiamato il loro gestore energetico, in questo caso Vuscom ma la procedura non cambia con altre aziende. La risposta è stata che "risulterebbe essere stata data disdetta del contratto di fornitura del metano". Il che, ovviamente, non sta né in cielo né in terra, ma alle 21 gli uffici erano chiusi e quindi padre e figlia hanno dovuto per forza di cose rimandare gli approfondimenti all'indomani, vale a dire ieri, dopo aver trascorso la nottata senza termosifoni e per di più con la collega influenzata con febbre.


Ieri mattina, negli uffici del gestore, la sorpresa definitiva: Due fatture risultano non pagate e pertanto il gas è stato staccato. peccato che le due fatture in questione non siano mai state recapitate al nucleo familiare, come neanche sia mai pervenuta traccia di un qualche sollecito di pagamento né, tantomeno, preavviso distacco della fornitura.


Non è finita. "Mio papà va all'ufficio postale - racconta la Catanzani -, paga le due fatture, esce, gli cade un documento a terra, si china per raccoglierlo e... pochi minuti dopo si ritrova su un'ambulanza che lo porta in ospedale a Foligno d'urgenza". Un malore, ovviamente, che ha colto un uomo anziano ferito nella sua dignità di persona perbene. Come poi si apprenderà dalla prognosi, infatti, il padre della nostra collega è stato colto da mancamento dovuto a "Eccesso di stress emotivo". In altre parole, un anziano cardiopatico "ha rischiato la vita per l'inettitudine di qualcuno", come sottolinea giustamente Maria grazia Catanzani rassicurando tutti, per fortuna, circa le condizioni di salute del padre che è già tornato a casa.


Ora cominceranno i rimpalli, ovviamente, tra il gestore della fornitura di metano e le Poste. Ma la Catanzani andrà fino in fondo.
Al di là del caso specifico, comunque sia, ci si chiede come sia possibile staccare un'utenza di così vitale importanza, per di più in pieno autunno, con appena due fatture non saldate e oltretutto senza che alcun avviso o sollecito risulti recapitato nell'abitazione in questione. Tempi moderni, si dirà: ma anche tempi disumani.



Commenti (10)

Commento scritto da Sara S il 08 Novembre 2017 alle 20:39
Bisogna stare attenti,a me è successo con la vus acqua, praticamente hanno erogato una fattura di 1000 euro e a me nn è mai arrivata, poi 1000 euro? nemmeno un ristorante li paga,eppure dal momento che avevano staccato l'acqua mi hanno detto di pagarla,e a me nn è mai arrivata,ora ho messo un legale e vediamo xchè si vede alla posta se sto dicendo io vero xchè da un controllo infatti nn risulta mai arrivata la raccomandata di pagamento e di distacco,sono vergognosi e mangiasoldi


Commento scritto da il cospaiese il 09 Novembre 2017 alle 10:04
In compenso ieri pomeriggio verso le ore 16,00, su un camion Vus NU parcheggiato in una zona abbastanza isolata, i due operatori stavano messaggiando al telefono. Ancora non riusciamo a capire che nonostante l'elevato numero di dirigenti capi e capetti questa baracca elefantiaca non funziona. Ridiamo i servizi ai Comuni, avremo meno costi e maggior efficienza.



Perpetua et Firma Libertas


Commento scritto da Giorgio il 09 Novembre 2017 alle 12:44
Vorrei dire solo una cosa: normalmente le bollette del metano arrivano all'incirca ogni 4 mesi, ok? se come dice l'articolo le bollette sono due, si desume che sia passato quasi un anno giusto? E uno dopo quasi un anno che non ti arriva niente in proposito non si preoccupa di sapere e scoprire il motivo del perché non ti arriva niente?????...... A già è vero, è sempre colpa di qualcun'altro.......



N.B.Vorrei precisare che non sono un dipendente Vus, ne voglio difendere nessuno non mi interessa, sono un semplice cittadino, e penso che a volte bisognerebbe fare anche un mea culpa prima di incolpare gli altri per le nostre negligenze!!


Commento scritto da Blind il 09 Novembre 2017 alle 13:22
Sono settimane che a malfondo/maiano stanno aspettando la vus per portre via le foglie raccolte dai cittadini e messe nei sacchetti neri come detto da chi risponde al telefono presso i loro uffici. Da domani partono le prime denuncie


Commento scritto da Proviamo a dare una spiegazione il 09 Novembre 2017 alle 15:30
Sicuramente qualche signora o signore di Spoleto, impiegata/o in quell' Ente, ha interpretato male il riferimento della pubblicità, sulla TV, di qualche anno fa, che diceva: "Il metano ci da una mano". Per fare in modo che il significato gli sia più chiaro, e per evitare che incappi in altri errori del genere, è meglio spiegarglielo ancora una volta:.Per "il metano ci da una mano" si intendeva promuovere l'utilità di questa energia per potersi scaldare nei momenti di bisogno. E non di toglierla ingiustamente ai cittadini, in previsione della stagione che sta per arrivare, per aiutarli a morire di freddo o di infarto.


Commento scritto da cicci il 09 Novembre 2017 alle 17:34
Se un utente ha sempre pagato, non è il caso di pensare che i bollettini non siano stati recapitati? Prima di chiudere il gas ad un anziano, non si dovrebbe inviate una lettera di avviso? In che paese viviamo? E così che il metano ci da

una mano ???? E non dite che doveva accorgersi, ad una certa età, il nostro amico poteva anche essere convinto di aver pagato...ma con una letterina di avviso dopo la prima bolletta, si risolveva ogni cosa...o no?


Commento scritto da Compiuta Giacenza il 10 Novembre 2017 alle 09:30


Dal profilo pubblico di facebook



https://www.facebook.com/maria.catanzani/posts/10212942877040776



Diamo alcune spiegazioni.



https://www.laleggepertutti.it/105932_poste-italiane-giacenza-di-raccomandate-e-atti-giudiziari



Il postino si reca all’indirizzo dove consegnare la raccomandata e non trova nessuno. Che cosa succede?

Il tal caso il postino riporta con sé la busta raccomandata e la deposita presso l’ufficio postale e lascia nella cassetta postale del destinatario una comunicazione in cui lo avvisa del tentativo di consegna e del fatto che egli può ritirarlo da una certa data all’ufficio ivi indicato. Il destinatario è pertanto INFORMATO che c’è una comunicazione che lo riguarda, giacente presso l’ufficio postale. Inoltre, visto che trattasi di raccomandata, sarà pure qualcosa di importante. È questa la cosiddetta “giacenza”: la giacenza, cioè, è il tempo in cui la raccomandata (non consegnata al destinatario) rimane presso l’ufficio postale (a disposizione del destinatario) a sua disposizione per il ritiro.

La raccomandata, tuttavia, rimane in giacenza entro un certo termine, scaduto il quale essa viene restituita al mittente con la dicitura “compiuta giacenza”. La compiuta giacenza dunque è l’attestazione, da parte dell’ufficio postale, che la raccomandata non è stata ritirata dal destinatario (o da suo delegato) entro il termine massimo.

Anche in questo caso, però, gli effetti legali della comunicazione si producono ugualmente e la lettera si considera comunque consegnata e conosciuta. L’attestazione di “compiuta giacenza”, in sintesi, è anche un’attestazione di conoscenza legale della raccomandata, a prescindere dalla conoscenza effettiva.

Per quanto tempo la raccomandata resta in giacenza all’ufficio postale? La raccomandata ordinaria (normalmente utilizzata in questi casi) resta in giacenza per 30 giorni. Dopo tale termine, il plico viene restituito al mittente e si realizza la compiuta giacenza, ossia la lettera si presume conosciuta dal destinatario e produce i suoi effetti giuridici.



Riepiloghiamo l’accaduto ((anche in risposta a “Proviamo a dare una spiegazione” e da cicci).



1. Il cliente della società gas non ha pagato le ultime due bollette (asserendo di non averle ricevute, problema questo per il quale si dovrebbe chiamare in causa Poste Italiane).

2. La società del gas effettua un sollecito delle stesse tramite raccomandata

3. Il postino si reca sul posto (residenza del destinatario), non trova nessuno e lascia l’avviso.

4. Il destinatario (o suo delegato) non si reca a prelevare la comunicazione tramite la quale sarebbe venuto a conoscenza del mancato pagamento delle due bollette

5. La società del gas riceve di ritorno per compiuta giacenza la raccomandata inviata e inizia la fase successiva che porta al distacco della fornitura.



Mi sembra che la società del gas abbia fatto tutto quanto avrebbe potuto e dovuto fare.



Detto tutto ciò oltre alle poste che non consegnano le bollette, oltre al fatto che il postino non trova in casa il destinatario e lascia l avviso e' andato perso pure l avviso lasciato dal postino?









Commento scritto da Compiuta Giacenza il 10 Novembre 2017 alle 10:47


Dal profilo pubblico di facebook



https://www.facebook.com/maria.catanzani/posts/10212942877040776



Diamo alcune spiegazioni.



https://www.laleggepertutti.it/105932_poste-italiane-giacenza-di-raccomandate-e-atti-giudiziari



Il postino si reca all’indirizzo dove consegnare la raccomandata e non trova nessuno. Che cosa succede?

Il tal caso il postino riporta con sé la busta raccomandata e la deposita presso l’ufficio postale e lascia nella cassetta postale del destinatario una comunicazione in cui lo avvisa del tentativo di consegna e del fatto che egli può ritirarlo da una certa data all’ufficio ivi indicato. Il destinatario è pertanto INFORMATO che c’è una comunicazione che lo riguarda, giacente presso l’ufficio postale. Inoltre, visto che trattasi di raccomandata, sarà pure qualcosa di importante. È questa la cosiddetta “giacenza”: la giacenza, cioè, è il tempo in cui la raccomandata (non consegnata al destinatario) rimane presso l’ufficio postale (a disposizione del destinatario) a sua disposizione per il ritiro.

La raccomandata, tuttavia, rimane in giacenza entro un certo termine, scaduto il quale essa viene restituita al mittente con la dicitura “compiuta giacenza”. La compiuta giacenza dunque è l’attestazione, da parte dell’ufficio postale, che la raccomandata non è stata ritirata dal destinatario (o da suo delegato) entro il termine massimo.

Anche in questo caso, però, gli effetti legali della comunicazione si producono ugualmente e la lettera si considera comunque consegnata e conosciuta. L’attestazione di “compiuta giacenza”, in sintesi, è anche un’attestazione di conoscenza legale della raccomandata, a prescindere dalla conoscenza effettiva.

Per quanto tempo la raccomandata resta in giacenza all’ufficio postale? La raccomandata ordinaria (normalmente utilizzata in questi casi) resta in giacenza per 30 giorni. Dopo tale termine, il plico viene restituito al mittente e si realizza la compiuta giacenza, ossia la lettera si presume conosciuta dal destinatario e produce i suoi effetti giuridici.



Riepiloghiamo l’accaduto ((anche in risposta a “Proviamo a dare una spiegazione” e da cicci).



1. Il cliente della società gas non ha pagato le ultime due bollette (asserendo di non averle ricevute, problema questo per il quale si dovrebbe chiamare in causa Poste Italiane).

2. La società del gas effettua un sollecito delle stesse tramite raccomandata

3. Il postino si reca sul posto (residenza del destinatario), non trova nessuno e lascia l’avviso.

4. Il destinatario (o suo delegato) non si reca a prelevare la comunicazione tramite la quale sarebbe venuto a conoscenza del mancato pagamento delle due bollette

5. La società del gas riceve di ritorno per compiuta giacenza la raccomandata inviata e inizia la fase successiva che porta al distacco della fornitura.



Mi sembra che la società del gas abbia fatto tutto quanto avrebbe potuto e dovuto fare.



Detto tutto ciò oltre alle poste che non consegnano le bollette, oltre al fatto che il postino non trova in casa il destinatario e lascia l avviso e' andato perso pure l avviso lasciato dal postino?









Commento scritto da nipote il 10 Novembre 2017 alle 19:43
io ho una nonna molto anziana. anni fa le dissi se potevo occuparmi io della regolarità circa i pagamenti delle sue bollette, lei è stata contenta, mi ha detto "grazie mi togli un gran peso. di queste cose non ne capisco più nulla". a volte ci sono stati disguidi, tutti risolti e a lei neanche ho detto mai nulla. risultato? niente brutte sorprese,niente paure, niente malori. gli anziani devono essere seguiti, un po' come i bambini. noi più giovani dobbiamo essere responsabili per loro. a me non sembra che la vus abbia colpe. io punterei il dito da un'altra parte.


Commento scritto da Maria Grazia Catanzani il 13 Novembre 2017 alle 19:29
Rispondo a tutti, in particolare a "nipote":

Voglio che sia chiaro per l'ultima volta: LA NOTIFICA NON È MAI ARRIVATA!

Oggi con Internet si arriva ovunque: sarebbe bastato digitare il nome di mio padre su Google e si sarebbe trovato il suo numero di cellulare!


Aggiungi un commento [+]
Spoleto Cinema al Centro
Principe
De.Car. Elettronica
Lavanderia La Perfetta
Ristorante La Pecchiarda
Pizzeria Mr Cicci
Perugia Online
TWX Evolution
Guerrini Macron Store
Lavanderia La Perfetta
Necrologio
Sicaf Spoleto
Bar Kiss
Performat Salute Spoleto
Bonifica Umbra
Supermercati della convenienza offerte speciali
Aldo Moretti S.r.l.
Bar Moriconi
Stile Creazioni
Ferramenta Bonfè
Gabetti Immobiliare
Associazione Cristian Panetto