Spoletonline
Edizione del 17 Gennaio 2018, ultimo aggiornamento alle 23:33:06
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
BEXB
Spoletonline
Adcomm
cerca nel sito
Libreria Aurora
Spoleto Cinema al Centro
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
AROF Agenzia Funebre
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
Maison del Celiaco
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Mrs Sporty
Ristorante Albergo LE CASALINE
Pc Work
TWX Evolution
Stampa articolo

Valnerina - Ambiente e Territorio, 16 Novembre 2017 alle 22:57:59

POST SISMA 4, ANNO 1 Castelluccio è isolato

[Fotogallery]


Daniele Testa

NESSUNO TOCCHI CASTELLUCCIO è il riassunto degli ultimi 400 e passa giorni.
I Castellucciani, preso atto e consapevoli della situazione, tra strade chiuse e condizioni meteo avverse, restano "Scapati" (divisi, sparpagliati, esiliati).


Resta, forte, la voglia di unione e di stare insieme. Se castelluccio non va alla montagna, la montagna va da Castelluccio. E così, si porta in giro il "Castelluccio" che era, e quello che oggi è, sperando un giorno di poter portare in giro ciò che sarà, almeno.


Le Proloco nascono con l' obiettivo di Unire, Promuovere e Rappresentare una Comunità, le attività e gli abitanti.
La Proloco Castelluccio, ospite, Sabato e Domenica 11 e 12 novembre, della Proloco San Giorgio in Valpolicella*, ha partecipato alla "Sagra delle Fae" due giorni in Valpolicella , e li abbiamo accompagnati, perché restoinpiedi ha nella famiglia Manara e nella Associazione Onlus Essere clown Verona, amici da ringraziare. 


Grazie alla famiglia Bianconi che ha messo a disposizione il mezzo di trasporto, alla allegra compagnia, la cronaca di questa transumanza atipica è piuttosto semplice, niente traffico, buon meteo, tanti sorrisi ed abbracci, pacche sulle spalle ed una cittadinanza onoraria ricevuta che sa tanto di gemellaggio in amicizia, semplice ma con l' intento di creare un rapporto profondo che duri nel tempo.


Aver avuto a disposizione la Proloco per diverse ore, ci ha permesso di "convivere"con, ed  intervistare anche il Presidente, Diego Pignatelli. Un presidente particolarmente attivo per la comunità ma anche Giovane Agricoltore ed Allevatore Castellucciano, da sempre, e che ha scelto di non abbandonare la sua terra e le sue origini. Scelta di per se ambigua, per un ragazzo così giovane. Anche quando cedono i presupposti fondamentali per sopravvivere, l' amore per la sua terra resiste.


Quindi, questa l' intervista, estrapolata nei mille km fatti alternandoci alla guida.
"Die' che ne pensi se ti intervisto, però cerchiamo di evitare di parlare delle solite cose, ok?"
"Va bene, fai te, mi fido, ma non ti distrarre alla guida".


Dan - "perché ad una famiglia presente il 24 agosto, il 30 ottobre, e praticamente undici mesi l' anno a Castelluccio, con diverse attività (il papà Adorno tra gli amministratori della comunanza agraria è allevatore con centinaia di pecore, la Mamma Sandra ha una azienda agricola ed un Caseificio) non ha diritto alla SAE o ad una dimora sostitutiva di quella che era la loro casa, te lo sei chiesto?"
D- "ciò che più mi lascia pensare è il perché si sia fatta questa selezione e secondo quale criterio, perché ad alcuni si ed altri no, non lo ho capito bene e in realtà non so nemmeno a chi chiedere spiegazioni, visto che le istituzioni spiegazioni non ne danno. 8 sae sono poche, perché a castelluccio non vivevano costantemente come dicono solo queste 8 famiglie.
Dan - "sappiamo che nonostante accertamenti lunghi un anno, in qualche caso sembra ci sia stato un errore. credi valga lo stesso per te, voi?"
D - "Noi. Se il diritto per avere una Sae è determinato dal lavoro,oltre una abitazione distrutta dove vivevamo, noi abbiamo si casa a norcia agibile, ma casa inagibile a castelluccio e lavoriamo a castelluccio 11 mesi l' anno tra caseificio campi e gregge. il 30 ottobre alle 7.4o ero a farmi la doccia, in tutta castelluccio eravamo quindici persone, quasi nessuno di quelli che ha preso la Sae. Ci tengo però a far capire una cosa, io non ho nulla contro gli 8 assegnatari ed anzi sono il primo a dire che loro abbiano pienamente diritto nell' avere una sae, ma a castelluccio questo diritto va esteso ed allargato perché non eravamo 8 famiglie, ma alcune in più. fanno i controlli sui consumi delle utenze? noi abbiamo tutte le bollette salate pagate su, a castelluccio non a norcia."
Dan -"dovremmo parlare di politica ed istituzioni, ma non saprei chiedere a chi legge sui quotidiani Iniziati i Lavori per i Caseifici di Castelluccio e si ritrova solo con 4 punti fatti con lo spray a delinearne i confini, se sente l' aiuto delle autorità"
D - io in qualità di presidente della proloco, vengo invitato ad ogni riunione, chiamato, contattato. non posso negare ci sia un rapporto o un dialogo con il comune di norcia, la regione,la provincia ed il parco. ci vado perché amo castelluccio ed amo la proloco ma di queste riunioni ne farei a meno. la proloco però deve darsi da fare per castelluccio e quindi io faccio tutto ciò che posso. come nel caso della tensostruttura per i ristoratori( il tendone che quest estate ha ospitato la dislocazione di alcune attività) è stata la proloco a farsi garante della situazione, ed io in qualità di presidente sono tra quelli che hanno realmente permesso che alcuni di noi potessero lavorare e stare insieme. ci hanno elogiato, ci hanno ringraziato o anche nelle iniziative e la promozione vado con lo spirito di difendere e far conoscere castelluccio ma con le parole non ci facciamo più nulla, ne sentiamo e ne' sentiremo di belle, perché chi sceglie non conosce castelluccio, e poi nei campi, con le bestie la mattina e tutte le mattine ci andiamo noi. se prima era difficile lavorare e vivere a castelluccio oggi sicuramente è impensabile.
Dan - "io vivo in una famiglia allargata, con i miei zii e la famiglia di mio cugino, in un quotidiano nuovo per me, quindi sicuramente diverso dal solito. a te come è cambiata la vita dopo il 30 ottobre?"
D- Continuo a lavorare per la cooperativa come prima, continuo a fare il Presidente della proloco più di prima. la semina della lenticchia è stata una vittoria, il raccolto purtroppo un po' meno. Il lavoro mio bene o male è andato avanti, con qualche difficoltà in più ma avanti. Vivo anche con Sara, lei l hanno spostata con il lavoro e va a foligno, da vicino arquata non avrebbe potuto lavorare visto che le strade sono chiuse, così è venuta a vivere a norcia con me. il caseificio ed il gregge della mia famiglia sono fermi al 30 ottobre invece.
Dan - "le priorità di questo futuro strano, quale sono? che ti aspetti?"
D- Vorrei il quotidiano che abbiamo costruito nel tempo, un alloggio a castelluccio dove vivevamo, lavorare i campi e lavorare con gli animali come sempre. una vita semplice, dignitosa e ricca di sacrifici. come ho scelto anni fa. e voglio distogliere i pensieri negativi grazie alla proloco e alle attività della proloco,riuscire a fare il centro di aggregazione per tutti, riuscire a ringraziare chi ci ha aiutato tanto, chi ci chiama per queste manifestazioni e fiere, invitandoli un giorno nel nostro centro. ecco, fare il presidente e dare tanto al mio paese è al tempo stesso una priorità. mi fa stare bene.
Dan - "Sai che te lo auguro,e che mi troverai al tuo fianco come tutti gli altri. Però con la proloco dicono che si pensi solo a mangiare, a fare festa"
D- "infatti domenica (19 novembre ) andiamo a mangiare la pizza della confraternita, di roma, mi ha contattato un avvocato per offrirci questa pizza, dicendo semplicemente da alcuni amici di castelluccio, ed io ho invitato tutti i paesani che conosco. invito alle feste, invito alle iniziative, invito alle attività e offro di portarle in giro gratis. il mio numero lo hanno tutti, l hai messo anche nel sito"
non ho avuto bisogno di chiedere il perché, Diego abbia deciso di rimanere, lo ho capito nelle mezz'ore di svago parlando di mezzi agricoli e bestiame, giocando con i trattori anche sul telefono e lo ho capito dal suo infinito amore per questo stile di vita anni fa lontano, e lo ho capito dall' amore per Castelluccio che lo spinge a fare anche cose che non ama. come la pubblicità.
domenica 19 novembre ore 12 prolococastellucciodinorcia.com


*San Giorgio in Valpolicella, frazione di Sant'Ambrogio (VR) è una piccolo borgo di Cavatori nato a 452 mtslm, nota per la Pieve e l' Amarone, e dal suggestivo panorama tra nebbia e lago di garda all' orizzonte.


 


 



Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Perugia Online
Spoleto Cinema al Centro
TWX Evolution
Principe
Supermercati della convenienza offerte speciali
Pizzeria Mr Cicci
Gabetti Immobiliare
Performat Salute Spoleto
Bonifica Umbra
Associazione Cristian Panetto
Ferramenta Bonfè
Guerrini Macron Store
Sicaf Spoleto
De.Car. Elettronica
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Necrologio