Spoletonline
Edizione del 15 Agosto 2018, ultimo aggiornamento alle 02:36:57
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Adcomm
Spoletonline
Adcomm
cerca nel sito
TrattOliva
Tuber experience - Campello
Ristorante Pecchiarda
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Azienda Agricola Bocale
Arte Infusa
Rafting Nomad
The Kon
Agriturismo Colle del Capitano
Ristorante Al Palazzaccio
Agriturismo San Vito
Casale La Palombara
Ristorante Albergo LE CASALINE
Ristorante Pizzeria San Giuliano
Pc Work
Libreria Aurora
Spoleto Cinema al Centro
Parafarmacia Serra
Stampa articolo

Ambiente e Territorio, 04 Dicembre 2017 alle 12:42:45

A Meggiano di Vallo di Nera una sfida tra le migliori tòrte, attorte e rocciate di Natale

L'iniziativa si è tenuta nell'ambito della manifestazione 'Il trionfo del bosco'

I tre giurati della Commissione, Rita Boini giornalista ed esperta di gastronomia, Marco Servili sommelier e Roberto Crisogianni nipote di ristoratore gallipolino, hanno avuto filo da torcere di fronte alle belle tòrte, attorte e rocciate


presentate alla gara per il miglior dolce tradizionale di Natale, che si è tenuta a Meggiano di Vallo di Nera durante la manifestazione "Il trionfo del bosco".  Decretare le migliori è stato molto difficile per le variegate e squisite sfumature di gusto e qualità.


Il classico serpente di pasta farcita con mele, frutta secca, zucchero, cioccolato e spezie, bagnato di alchermes e tipico del Natale umbro, ha diversi nomi a seconda dell'area dove viene preparato. Nella Valle Umbra è chiamato rocciata o 'ntorta, a Spoleto attòrta, in Valnerina tòrta. Ogni famiglia ha una ricetta, come accade per i piatti popolari, che custodisce gelosamente pur trattandosi dello stesso dolce. Il segreto è nella pasta sottile e croccante tirata a mano abilmente, nella farcitura ben equilibrata, nella giusta cottura in forno, nella scelta di ingredienti di pregio.


L'origine della tòrta sembra risalire all'antico popolo degli umbri o all'alto Medioevo e alla presenza dei Longobardi in Umbria, che ebbero in Spoleto la sede di un importante Ducato. A Meggiano di Vallo di Nera sul tavolo della gara sono comparse ben ventiquattro tòrte, tutte diverse tra loro. Tutte squisite, tanto che il primo posto è stato assegnato con un ex aequo a Patrizia Pettinari e Gabriela Rancani. Dietro di loro hanno ottenuto il miglior punteggio Maria Graziella Federici e Maria Morganti. In gara anche i dolci dei sindaci di Sant'Anatolia di Narco, di Scheggino, di Vallo di Nera e di Trevi, di Clelia, Sesta, Teresa, Michela, Lella, Velia, Tommasina, Teresina, Cinzia, Rebecca, Carlotta, Stefania, Carmela, Pasqualina e Giuseppina. Ottimi gli ingredienti, quasi tutti di produzione locale: dalle mele alle noci, dall'uva colta nel campo e fatta appassire in cantina, come ha fatto Silvana concorrente di Vallo di Nera, fino all'olio extravergine di oliva dei colli Assisi-Spoleto.



Multiservizi Spoleto
Abbazia Albergo e Ristorante
Trattoliva Ristorante / Campello sul Clitunno
Al Bano in concerto a Scheggino
Umbria Dent
Jazz Italiano Terre del Sisma


Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Spoleto Cinema al Centro
Bar Moriconi
Taverna del Pescatore
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Lavanderia La Perfetta
Principe
Pizzeria Mr Cicci
Associazione Cristian Panetto
Bonifica Umbra
Così è una svolta Pub
Guerrini Macron Store
Sicaf Spoleto
Lavanderia La Perfetta
Performat Salute Spoleto