Spoletonline
Edizione del 20 Gennaio 2018, ultimo aggiornamento alle 21:25:28
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Agenzia Bonifazi Immobiliare Spoleto
Spoletonline
BEXB
cerca nel sito
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
Spoleto Cinema al Centro
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Libreria Aurora
Pc Work
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Mrs Sporty
TWX Evolution
Maison del Celiaco
AROF Agenzia Funebre
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
Ristorante Albergo LE CASALINE
Stampa articolo

Spoleto - Economia, 18 Dicembre 2017 alle 17:08:41

Economia, i dati generali dell'Umbria sono preoccupanti

Anche l'Umbria, come il resto del Paese, non presenta dati troppo confortanti riguardo la ripresa economica e l'occupazione. Giusto qualche giorno fa è stato detto in tutte le TV che l'occupazione sta aumentando, il che è vero, ma quello che non si è ancora ben compreso è che ad aumentare sono i


lavori con un contratto a tempo determinato, il che significa uno stuolo di persone sempre più precarie. Sempre nei giorni scorsi si è fatto il punto sulla situazione delle cooperative e di conseguenza dell'occupazione e il quadro, sebbene non disastroso, non è dei più rosei.


Legacoop, tavola rotonda a Spoleto. La tavola rotonda ha messo in evidenza come le cooperative umbre che si sono associate a Legacoop nel decennio della crisi, quindi dal 2008 fino al 2015, sono passate da 93 a 107, segnando quindi un incremento del 15%. A essere cresciute tanto di numero sono soprattutto le cooperative sociali che attualmente sono aumentate di 13 unità, passando quindi da 40 a 53 imprese. Ovviamente sono cresciuti anche gli occupati di conseguenza, che passano così da 9.556 unità a 10.788 unità nel 2015, segnando un positivo +12,9%, positivo dato che in questo caso, e in totale controtendenza rispetto all'Italia in generale, i contratti sono per lo più a tempo indeterminato.


Da questi dati sembrerebbe tutto molto positivo, e in gran parte infatti lo è, tuttavia la situazione generale dell'economia della regione e della città stessa non esortano a festeggiare, almeno, non eccessivamente.


Aumenta la povertà e diminuisce la popolazione. Dal 2008 l'Umbria ha iniziato a conoscere una forte crisi sociale. Questa chiaramente è strettamente legata alle vicende economiche della regione dove sono presenti sul territorio diverse imprese multinazionali e dove, tuttavia, l'economia ha subito un vero e proprio arresto. Chiaramente si parla di una tendenza comune su tutto il territorio nazionale, ma nello specifico i dati sono assolutamente poco incoraggianti. Il PIL pro capite desta preoccupazione. Sono tante le famiglie che versano in condizioni drammatiche.


A tutto quesito si deve aggiungere il fatto che la popolazione sta sensibilmente diminuendo, la regione, soprattutto in determinate aree, si sta spopolando e questo non fa che peggiorare le condizioni economiche generali.


E le imprese? Le imprese non se la passano benissimo, e lo si evince appunto anche solo dando uno sguardo generale al quadro della situazione. Aumentano i debiti, soprattutto per la pesante tassazione, si ricorre molto spesso a finanziamenti per arrivare a non chiudere, ma va detto anche che piccoli imprenditori, che non riescono ad accedere a finanziamenti pubblici, riescono a risollevare le sorti della propria attività ricorrendo a finanziamenti privati, piccoli prestiti come per esempio il prestito compass o piccoli incentivi che di quando in quando vengono erogati a livello regionale o comunale, anche se non a fondo perduto.


Male ma non malissimo, si aspetta quindi qualche novità dall'anno nuovo.



Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Pizzeria Mr Cicci
Supermercati della convenienza offerte speciali
De.Car. Elettronica
Spoleto Cinema al Centro
Necrologio
Bonifica Umbra
Gabetti Immobiliare
Performat Salute Spoleto
Principe
Sicaf Spoleto
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Guerrini Macron Store
Perugia Online
Associazione Cristian Panetto
TWX Evolution
Ferramenta Bonfè