Spoletonline
Edizione del 22 Giugno 2018, ultimo aggiornamento alle 10:07:39
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Costa D'Oro
Spoletonline
Adcomm
cerca nel sito
Azienda Agricola Bocale
TrattOliva
Arte Infusa
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Ristorante Albergo LE CASALINE
Agriturismo Colle del Capitano
Pc Work
Spoleto Cinema al Centro
Parafarmacia Serra
Rafting Nomad
AROF Agenzia Funebre
Stampa articolo

Cronaca, 27 Dicembre 2017 alle 00:35:00

Scontro violento tra due auto lungo la Flaminia, due giovani deceduti. Aggiornamento

Ferite due persone [Commenti]

Aggiornamento delle 9.30: è deceduto anche il secondo giovane trasportato stanotte all’ospedale di Terni. Troppo gravi le ferite riportate in seguito all’incidente. A perdere quindi la vita sono stati un ragazzo di 21 anni originario della Provincia di Ancona e uno di 20, che abitava nella zona di Foggia. I due viaggiavano a bordo di una Minicooper che viaggiava in direzione Spoleto che all'improvviso si è intraversata. Nel nosocomio di Spoleto sono attualmente ricoverate due persone, che viaggiavano a bordo dell’altra auto coinvolta nello schianto.


Una persona deceduta ed un’altra in gravi condizioni trasportata con urgenza all’ospedale di Terni: è il bilancio del tragico incidente avvenuto nella tarda serata di ieri (26) lungo la Flaminia, poco prima dello svincolo per Eggi. Stando alle prime ricostruzioni, i due viaggiavano insieme a bordo di un’auto che per motivi ancora da appurare è andata a scontrarsi contro un altro mezzo. Sul posto sono intervenuti subito i carabinieri, i pompieri e gli operatori sanitari del 118 che hanno provveduto a chiudere al traffico l’area.


Seguiranno aggiornamenti nel corso della giornata


 



Camilla Laureti Sindaco


Commenti (10)

Commento scritto da Aurelio Fabiani il 27 Dicembre 2017 alle 17:20
QUANDO LA MORTE PASSA SOTTO CASA. E' stata una bella serata, ci siamo salutati, i figli sono tornati alle loro case o appena usciti per fare un giro in città. Sono da poco passate le 10, sto vedendo l'ultimo scampolo di partita di coppa Italia, un boato tremendo, il solito boato, l'ennesimo, sempre nello stesso punto. C'è solo la nostra casa lì, nessun altro.Prima scende mia moglie, poi io, con le torce e sulla Flaminia una macchina poggiata sulla portiera, un'altra di traverso.. Tante macchine si sono fermate a prestare aiuto.. Uno ci dicono sembra già morto. L'indomani veniamo a sapere che due ragazzi ventenni hanno lasciato la loro vita a 5 metri da casa, sotto la finestra del bagno, in fondo alla scarpata, sulla strada Flaminia. Non sono i primi a morire li, dovranno essere gli ultimi. Sono 15 anni che devono sistemare quel mostro a imbuto che si è mangiato più di una vita e ancora non si decidono.


Commento scritto da indignato il 27 Dicembre 2017 alle 18:15
quanti ne dovranno ancora morire in quel tratto per prendere provvedimenti?


Commento scritto da Sara il 27 Dicembre 2017 alle 21:34
Bisognerebbe anche andare più piano!! soprattutto quando piove diamo sempre le responsabilità agli altri!quello che ê successo è una cosa bruttissima,ma con queste macchine voliamo e io o saputo tramite chi a lavorato lì x tutta la notte a parte la strada c'è stata la velocità dell' auto che nn andava piano!!li c'è un limite da rispettare ma che nessuno di noi lo rispetta


Commento scritto da Cinico il 27 Dicembre 2017 alle 22:06
Se i limiti di velocità non fossero considerati come cartelli pubblicitari, forse tante vite potrebbero essere salvate.

Ciò non toglie nulla al dolore di due ventenni che non ci sono più .

Le auto bisogna saperle guidare, e non credere di essere soli in una strada pericolosa.


Commento scritto da Aurelio Fabiani il 28 Dicembre 2017 alle 16:35
Tutto giusto, figuriamoci se non sono d'accordo che bisogna andare più piano. Ma la domanda è perchè si muore soprattutto nei "soliti" posti ? Educare è necessario ma non sarà mai sufficiente. Chi invece è preposto a costruire strade sicure le deve fare sicure, è un suo dovere. L'Ente nazionale per le strade ha espropriato il terreno ( la collinetta ) sul lato est della strada il 1° settembre 1999, ho il certificato ancora a casa, visto che una porzione del terreno (quello che sovrasta l'area dell'incidente) è di mia proprietà. Poi hanno cambiato idea ( forse perché gli costava troppo ?) e hanno deciso di allargare verso la ferrovia. Ma fallimento dopo fallimento ( si prende l'appalto - l'affare - e poi "non ci si rientra" la ferrovia è ancora di là da essere terminata, e così l'imbuto mortale è sempre lì a mietere vittime. Solo negli ultimi due tre anni è la 4 o 5 volta che ci precipitiamo a cercare di aiutare le vittime di qualche incidente e Francesco e Davide non sono i primi morti. 18 anni vi sembrano pochi per risolvere una situazione a rischio conclamata ?


Commento scritto da Giorgio il 28 Dicembre 2017 alle 17:49
Sempre colpa di qualcun'altro vero Fabiani? Come solito. Considerare invece di rispettare un po di più il codice della strada no eh? o andare un po più piano in particolare in certe condizioni





P.S. Sentite condoglianze comunque alle famiglie dei due ragazzi troppo giovani per lasciaci così.


Commento scritto da Sara il 28 Dicembre 2017 alle 21:49
Io ripeto ciò che è successo è orribile troppo giovani poi, però mi capita spesso di percorrere quel tratto e a volte o paura di come camminano e sorpassano anche... bisogna bisogna rispettare di più i limiti soprattutto se nn si conosce bene la strada


Commento scritto da Aurelio Fabiani il 28 Dicembre 2017 alle 23:28
Giorgio chi ? del loro Francesco e Davide c\'hanno messo i 20 anni e la loro voglia di vivere. Il resto, le strade con soluzioni oscene che regolarmente mietono vittime , le auto che possono correre come non dovrebbero ma così luccicanti e desiderabili che spuntano da tutti gli schermi, grandi o piccoli che siano, i falsi miti della velocità e altri simili, ce l\'hanno messi gli altri, chi li vende, chi li costruisce. Chi è che alleva i giovani a tutto ciò ! chi gli vende oggetti e desideri ! Ma avete mai parlato con i giovani ? io lo faccio tutte le mattine ed è una lotta continua e quasi sempre perdente quella di cercare almeno un po\' di scalfire i falsi miti della \"civiltà\" come la velocità. Sì Francesco e Davide sono le vittime, i colpevoli sono gli altri più grandi che questa società giudica più importanti di loro.


Commento scritto da VIAGGIATORE il 28 Dicembre 2017 alle 23:34
Il signor Fabiani ha ragione. Quel tratto di strada è concepito male, basta un attimo di distrazione e ci si trova contromano, è contro ogni regola del codice stradale!


Commento scritto da x schumacher giogio il 29 Dicembre 2017 alle 10:43
Quando muoiono due ragazzi non dovresti tirare in ballo appartenenze politiche o vecchi dissapori.







Aggiungi un commento [+]
Lavanderia La Perfetta
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Bar Moriconi
Guerrini Macron Store
Sicaf Spoleto
Bonifica Umbra
Perugia Online
Performat Salute Spoleto
Pizzeria Mr Cicci
Lavanderia La Perfetta
Principe
Spoleto Cinema al Centro
Necrologio