Spoletonline
Edizione del 16 Dicembre 2018, ultimo aggiornamento alle 19:59:12
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Spoletonline
cerca nel sito
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Ristorante Albergo LE CASALINE
Ristorante Pecchiarda
Ristorante Al Palazzaccio
Arte Infusa
Norcineria Severini Perla
Pc Work
La Piazzetta delle Erbe
Electrocasa Spoleto
Parafarmacia Serra
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Agriturismo Colle del Capitano
Libreria Aurora
Spoleto Cinema al Centro
AROF Agenzia Funebre
Centro Ottico Emmedue
Tuber experience - Campello
Il Calzolaio
Stampa articolo

Spoleto - Politica, 29 Dicembre 2017 alle 10:38:31

Congresso Pd, bocciani denunciano 'gravi irregolarità ed anomalie'

Tolto il diritto di voto ad oltre 150 iscritti. Diffida al provinciale a proclamare neosegretario e nuovi delegati. Legale al lavoro. C'era una volta il centrosinistra a Spoleto [Commenti]


Daniele Ubaldi

 


E' più che mai spaccato a metà il Partito democratico di Spoleto, dilaniato da lotte intestine ormai da anni, spesso combattute sul terreno dei personalismi più che su quello della programmazione politica. Senza esclusione di colpi. A peggiorare ulteriormente la situazione ci si è messo il recente congresso


comunale, che ha visto imporsi per un pugno di voti il neosegretario Matteo Cardini, referente della mozione "Cambiare il Pd per cambiare Spoleto". Cardini, in teoria, dovrebbe essere nominato segretario dall'unione comunale il prossimo 13 gennaio. In teoria, appunto, perché la lista uscita sconfitta, che fa capo al capogruppo consiliare Dante Andrea Rossi e, per esteso, all'area bocciana, ha diffidato la commissione provinciale per i congressi "a sospendere le operazioni congressuali e a soprassedere alla proclamazione dei delegati per l'assemblea comunale e provinciale del Partito Democratico di Spoleto", in quanto sarebbero stati "illegittimamente nominati".


In una nota, infatti, i firmatari della mozione "Prima Spoleto" per il congresso comunale del Partito Democratico cittadino parlano di "gravi irregolarità ed anomalie che si sono verificate durante le operazioni di voto per il rinnovo degli organi statutari e, in precedenza, nella fase di convocazione dei congressi". I firmatari parlano di "più di centocinquanta iscritti, di cui tesserati da anni e componenti della segreteria comunale uscente, in regola con il tesseramento alla data del 25 settembre 2017, cosi come previsto da Regolamento regionale per i congressi formulato in base alle disposizioni nazionali, sono stati impediti nella loro legittima espressione di voto e di partecipazione ai congressi dei propri circoli, alterando in modo determinante i risultati dei congressi svoltisi".


Di più. "52 aventi diritto non hanno potuto votare, con la motivazione di non essersi presentati ad una verifica interna del tesseramento alla quale nessuno li ha mai convocati. Sono stati, altresì, esclusi iscritti storici, mentre si sono ammesse persone sconosciute all'anagrafe informatica del Pd, in congressi che hanno visto prevalere un candidato per soli sei voti, con delegati comunali scattati soltanto per un voto". E ancora: "A tali fatti si deve aggiungere che gli iscritti non sono stati convocati neppure alle assemblee congressuali, venendo così privati illegittimamente del diritto di voto. Quindi, non hanno potuto neppure partecipare al dibattito congressuale, trasformando i circoli soltanto in un 'votificio' fine a se stesso".


Insomma, pur non parlando apertamente di brogli, gli esponenti della lista uscita sconfitta dal congresso non esitano a denunciare quelle che a loro dire sono "gravi irregolarità", tirando in ballo la legge e gli avvocati. E proprio ad un avvocato, docente all'Università di Perugia, "è stato dato mandato - si legge ancora nella nota - di esperire tutte le azioni necessarie a tutela degli iscritti che non sono stati convocati alle assemblee e che non hanno potuto esercitare il proprio diritto di voto, secondo quanto garantito dallo statuto e dai regolamenti del Pd e dalle norme del codice civile".


Alla luce di tali premesse, gli esponenti della mozione "Prima Spoleto", al pari di quanto fatto un anno fa da Cardini e compagnia, annunciano la propria non partecipazione alle assemblee degli organi statutari "illegittimamente determinati", "sino a quando non verrà ristabilita la regolarità dei congressi e non verrà data risposta alle nostre istanze".


Venendo al pratico, a tre mesi dal voto per le amministrative e le nazionali il Partito democratico di Spoleto sembra un uovo di pasqua già mangiato da un bimbo disobbediente o da un nonnetto terribile, che ogni volta rimette a posto la carta colorata per farlo sembrare ancora integro e ricco. In realtà la cioccolata sembra ormai finita da tempo: sempre più autorappresentativi, i vecchi e i "nuovi" democratici di Spoleto non sembrano impersonare più quei riferimenti politici e sociali che animavano i due grandi partiti di massa da cui il Pd ha avuto origine. Marzo si avvicina, ma il Pd - nonostante la sconfitta di tre anni fa - è sempre più prigioniero dei propri veleni. Cinque Stelle e Centrodestra ringraziano e restano alla finestra, dato che una buona parte di iscritti e simpatizzanti difficilmente voterà il candidato "ufficiale" democratico alle prossime amministrative.



Trattoliva Ristorante / Campello sul Clitunno
Abbazia Albergo e Ristorante
Il Macigno
Estetica Creola
Il Biologico Spoleto
Lavanderia La Perfetta
Multiservizi Spoleto
Scheggino - Il Borgo di Babbo Natale


Commenti (25)

Commento scritto da paladino il 29 Dicembre 2017 alle 11:25
Ognuno si rende conto che questo partito va commissariato e subito anche per scrollarsi di dosso la responsabilita'' della sonora sconfitta che subira' alle politiche prima...ed alle amministrative poi! Che si ponga fine a questa guerra, che ognuno esprima liberamente le proprie idee e la smetta di reprimersi per un accordo ad ogni costo!!!


Commento scritto da Comitato 19 giugno il 29 Dicembre 2017 alle 14:12


Commissariate subito, ma non per scelta dall'alto, ma richiamate in servizio i vecchi iscritti e simpatizzanti, di almeno 70 anni di età. Questi hanno esperienza, politica ed amministrativa e sono rattristati per ciò che sta succedendo. Inoltre, non avendo propri pruriti elettorali, valuterebbero le regole congressuali e e provvedederebbero a "preparare" la lista elettorale.

Chi è interessato risponda perché noi abbiamo anche i nomi.


Commento scritto da Elettore il 29 Dicembre 2017 alle 15:26
Tutto come previsto: Il PD, come al solito, agisce "democraticamente" nella più assoluta trasparenza.


Commento scritto da E NUN CE VONNO STA!!!! il 29 Dicembre 2017 alle 16:31
Paladino e Comitato 19 giugno, il PD è uscito proprio dal recente commissariamento e quello che si è svolto è un legittimo congresso guidato dagli organismi provinciali in modo del tutto regolare. La verità è che questi esponenti dopo avere inanellato una serie di figuracce in Consiglio Comunale, hanno il solo scopo di distruggere il partito o quel poco che ne è rimasto disinteressandosi di Spoleto e delle prossime scadenze elettorali politiche e amministrative.

A proposito: Bocci Giampiero dove sei? se ci sei batti un colpo che tra 2 mesi ci sono le elezioni e tu dove vai con questi qui? Guarda che non ci fai bella figura!).



Commento scritto da BATTA il 29 Dicembre 2017 alle 18:37
Come a livello nazionale emergono personalismi favoreggiando cosi altre realtà politiche.


Commento scritto da Comitato 19 giugno il 29 Dicembre 2017 alle 18:51
Non è un errore del sistema. Siamo noi che ripetiamo senza mettere in dubbio cioò che dice E NUN CE VONNO STA. La situazione è quella che è a prescindere dalle proprie ragioni. Commissariate subito, ma non per scelta dall'alto, ma accordatevi a richiamare in servizio i vecchi iscritti e simpatizzanti, di almeno 70 anni di età. Questi hanno esperienza, politica ed amministrativa e sono rattristati per ciò che sta succedendo. Inoltre, non avendo propri pruriti elettorali, valuterebbero le risultanze congressuali e provvedederebbero a "preparare" la lista elettorale.

Chi è interessato risponda perché noi abbiamo anche i nomi.


Commento scritto da Massimo Zuccaccia il 29 Dicembre 2017 alle 19:04
Renziani contro Bocciofili? Che squallida partita! Sarà casuale la presa di posizione di "Prima Spoleto"? Forza grillini, fatevi conoscere o, almeno, fatevi vedere!


Commento scritto da Andrea Santarelli il 29 Dicembre 2017 alle 19:57
Questo è stato un congresso natalizio. Purtroppo i bocciani hanno sbagliato due cose: la prima il regalo da fare al presidente della Commissione provinciale che avrebbe gradito un cappuccio molto più comodo per ripararsi dal freddo, visto che ha gli stessi gusti dei signori Lisci ; la seconda è affidare le strategie organizzative all'eterno perdente Sergio Grifoni, che con una ingenuità da bambino dell'asili rivelava le mosse della corrente Prima Spoleto al segretario provinciale Miccioni e, cinque minuti dopo, Lisci e Cardini già sapevano come dovevano muoversi! Egregio "E nun ce von no sta!" è regolare far votare 100 marocchini senza neppure appurare se lo faranno alle prossime amministrative e impedire di farlo a chi milita nel Pd da oltre dieci anni solo perchè non è andato farsi prendere le impronte digitali a fine novembre? Ma un po' di vergogna non sapete dove sta di casa??


Commento scritto da Yukio Mishima il 29 Dicembre 2017 alle 21:06
Cambiano suonatori(o forse no) ma la musica è sempre la stessa.Quella fetta di sinistra(?) che,nel tempo,ha dato vita all'attuale PD,sta mostrando alla città un penoso squallore che sembra non aver fine.Un partito,in linea con quello nazionale,concentrato sui conflitti interni e definitivamente distaccato dai bisogni di quello che,un di era il suo popolo, e che ora marca distanze siderali da tale partito, avviato a un lento quanto inesorabile de profundis


Commento scritto da Chiaro il 30 Dicembre 2017 alle 09:20
Il vero commento e' che non c' e' più nulla da poter commentare


Commento scritto da Iscritto PD, come voi il 30 Dicembre 2017 alle 11:50
Eppure sono i sostenitori della lista Prima Spoleto ad aver chiesto prima il trasferimento di alcuni iscritti da un circolo all'altro, sin dalle primarie di Aprile, così come sono i sostenitori della lista Prima Spoleto ad aver preteso una ulteriore verifica delle tessere (mai successo) con presenza "fisica" dell'iscritto per confermare la tessera a pena il non diritto di voto congressuale. E ora si lamentano di queste loro scelte? Ma questi signori stanno denunciando se stessi? Perché si arrampicano sugli specchi pur di non lasciare il posto della segreteria che occupano da anni e anni dopo aver ottenuto pessimi risultati per il PD Spoleto? Ci vuole aria nuova...lasciate lavorare il buon Cardini e i giovani del partito, democraticamente eletti, per una volta..


Commento scritto da velleitario il 30 Dicembre 2017 alle 15:42
Secondo il dettato della storia,nella civiltà antica come nella civiltà moderna,famiglie con alto tasso di morigeratezza sono state singolari..............!Basta osservare poi all'interno della nostra famiglia..............!Il Partito Democratico non ha proprietari,tutti possono argomentare,esprimere il proprio dissenso.Il partito viene comunque gestito dal vincitore delle primarie che imposta la sua azione.............!Al congresso ci si organizza democraticamente per mutare l'azione precedente..........!(peraltro l'unico partito che celebra congressi aperto a tutti)Per quanto riguarda la fisima ideologica,la spocchia contro l'unico partito di sinistra rimasto,più grande in Europa,che in questi ultimi 5 anni ha prodotto insieme a uno schieramento eterogeneo(dopo lunghissimi anni di nulla di fatto)molte cose positive mai registrate prima,dati provenienti da ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA............!Indicate l'alternativa prego..........che possa solo continuare,magari migliorare ciò che è stato impostato..............!Non utilizzate lo strumento del voto per questo partito...........!Utilizzatelo per l'alternativa................!Oppure trattasi di Tabula Rasa...........!Salvaguardate il vostro diritto di pensare,perchè anche pensare male è meglio di non pensare affatto...............AD maiora


Commento scritto da Vergogna il 30 Dicembre 2017 alle 16:44
Andrea Santarelli le sue affermazioni rivolte ai marocchini sono semplicemente disgustose e vergognose.

Ci sono evidentemente marocchini piu civili di lei che hanno legittimamente votato e nulla c'entran o le amministrative


Commento scritto da Cittadino il 30 Dicembre 2017 alle 17:50
grillini fatevi vedere??? Ma per carità. Non mi fate parlare, grazie


Commento scritto da Andrea Santarelli il 30 Dicembre 2017 alle 20:36
Egregio/a signor o signora Vergogna, perchè non si firma con il suo vero nome?? Premesso che non ho nulla contro i marocchini che mi sono anche simpatici. Ma il suo è razzismo alla rovescia! Chiediamo a questi signori extracomunitari, a parte il loro capobastone Karim, cosa è il Pd, chi sono Cardini e D'Angeli e cosa significa un congresso. L'unica cosa che possono risponderle è che hanno votato Cardini, perchè Lisci ha promesso a tutti un posto di lavoro!! Qui se c'è uno che deve provare disgusto sono io e quelli che hanno fatto la storia del Pd!! Non certo lei!! Stia bene!!


Commento scritto da Angelo l'oleario il 30 Dicembre 2017 alle 21:41
Marocchini in ogni dove...siamo circondati....siamo invasi! Alcuni di loro lavorano anche presso molte cooperative rosse locali. Dettano regole e con prepotenza fanno sparire anche gli animali domestici che gli danno fastidio. PD cancro della società moderna, speriamo che non nuocerete più dopo le prossime tornate elettorali....vi auguro tutta la sconfitta possibile


Commento scritto da Voto ancora sPD (ma non a Spoleto) il 30 Dicembre 2017 alle 23:00
Lo spettacolo di sè che sta dando il PD di Spoleto non nuoce solo alla città , ma all’intera Regione ed anche, aggiungo, su scala nazionale.

Questo indegno pollaio, che non comprende il fatto che il PD non lo votano solo gli iscritti, ma soprattutto coloro che hanno stima per il Partito, porterà sicuramente a pessimi risultati in termini di consenso.

Siete una massa di ignoranti, incompetenti di politica, e non avete nemmeno più promesse da marinaio da fare ai pochi che ancora vi ascoltano.

Questa massa di scalzacani, che a questo punto potrebbe anche scomodare la Procura della Repubblica (e non mi stupirei) deve solo tornare al suo mestiere -se c’è lo ha- che è quello che gli permette di campare.

Il PD di Spoleto è l’esempio negativo che in provincia, in regione , e forse in Italia, dimostra come un Partito di nobili tradizioni possa essere affossato dalla imbecillità di persone meschine.

VERGOGNATEVI E BASTA!



Commento scritto da roberto il 31 Dicembre 2017 alle 10:40
per la cronaca la differenza totale di voti e' stata di 105 , con una percentuale di 60% a 40% e con una ripartizione di delegati di 35 a 25 su 60.....se questo e' un "pugno di voti" allora va tutto bene.


Commento scritto da Comitato 19 giugno il 31 Dicembre 2017 alle 10:55
Ripetiamo. La situazione è quella che è a prescindere dalle proprie ragioni. Commissariate subito, ma non per scelta dall'alto, ma vengano richiamati in servizio i vecchi iscritti e simpatizzanti, di almeno 70 anni di età. Questi hanno esperienza, politica ed amministrativa e sono rattristati per ciò che sta succedendo. Inoltre, non avendo propri pruriti elettorali, valuterebbero le risultanze congressuali e provvederebbero a "preparare" la lista elettorale.



Chi è interessato, chi ancora vuol bene al PD, risponda perché noi abbiamo anche i nomi di una squadra di galantuomini vecchi iscritti e simpatizzanti. Anche Massimo Zuccaccia, può aggiungersi a questa squadra.

Sta passando l'ultimo treno.



Commento scritto da Desiderio Di Pesce il 31 Dicembre 2017 alle 12:07
Egregi amici del Comitato 19 giugno, ma voi non siete gli stessi che hanno governato questa città per quarant'anni portandola allo sfascio attuale, grazie alle marchette con cui vi siete garantiti il consenso elettorale in Comune, alla Asl e negli enti partecipati? E adesso avete la supponenza di dare lezioni su come debba essere guidato il Pd? Ben vengano gli anziani e galantuomini a dare il loro contributo, ma non per dettare la linea ! Il Comunismo è roba per nostalgici!! La società è cambiata e la storia ha inesorabilmente travolto l'ideologia marxista-leninista!!


Commento scritto da andrea federici il 31 Dicembre 2017 alle 14:30
Non poteva finire come è andata...Avete arruolato Grifoni che si era candidato alle amministrative pensando già di fare il vice sindaco !! Che schifo...Continuate con Grifoni ...sarete costretti a sparire.


Commento scritto da Sara il 31 Dicembre 2017 alle 17:25
Gente che si augura che vanno su i grillini??se fanno come la Raggi, come la sindaca di Torino...staremo messi bene, vogliono farci levare dall\' euro!!se si torna alla lista i prezzi rimangono questi di ora anzi più cari,,io spero che nn vincano sono gli unici che nn anno parlato di togliere le tasse di portare le minime a 1000 euro!!


Commento scritto da Comitato 19 giugno il 31 Dicembre 2017 alle 20:25
A "Desiderio Di Pesce". No, non siamo quelli. Ma quelli che chiedevano, in quella data le dimissioni dell'allora sindaco. Dai una mano anche tu. Non essere come gli altri.


Commento scritto da Che casino il 31 Dicembre 2017 alle 22:11
La battaglia delle tessere non porta mai bene. Dietro le tessere gonfiate ci sono sempre promesse che difficilmente si mantengono.

Il PD è diventato un campo di guerra per bande.

Perderanno anche le prossime elezioni.

Il PD di Spoleto non è solo un problema per la città e anche inutile a se stesso.



Commento scritto da Sara il 01 Gennaio 2018 alle 14:15
Infatti parlate del PD??forza Italia c'è stato x10 anni e cosa anno fatto??solo leggi x loro, imprenditori,statali e basta!!poi il sindaco di Spoleto cosa ha fatto in questi anni?mi dispiace x quello che gli è successo,ma sto parlando di fatti,le fabbriche ne anno chiuse di più,a portato tutti gli uffici a Spoleto alto quando un anziano nn riesce a prendere la scala mobile,,,Renzi voleva togliere tutte queste auto blu,voleva togliere tutte le poltrone in più ma siccome molta gente è ignorante anno votato il contrario e ora si lamentano di tutta questa gente che mangia con i nostri soldi!!!con Renzi il lavoro era in aumento,ci sono le percentuali che parlano, fate vincere i grillini o Berlusconi!?poi vedete se veramente rimaniamo in mutande e dopo sarei così contenta!!


Aggiungi un commento [+]
Stile Creazioni
Spoleto Cinema al Centro
Bonifica Umbra
Bonucci
Panificio Montebibico
L'Altro Forno
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Associazione Cristian Panetto
Pizzeria Mr Cicci
Bar Moriconi
Principe
Il Pianaccio