Spoletonline
Edizione del 17 Gennaio 2018, ultimo aggiornamento alle 23:33:06
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Adcomm
Spoletonline
BEXB
cerca nel sito
Spoleto Cinema al Centro
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
Mrs Sporty
Bonifazi Immobiliare Spoleto
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
TWX Evolution
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Ristorante Albergo LE CASALINE
Pc Work
Maison del Celiaco
Libreria Aurora
AROF Agenzia Funebre
Stampa articolo

Società, 02 Gennaio 2018 alle 17:32:40

Dal Codacons e dal Mibact un nuovo progetto per recuperare le opere d'arte danneggiate dal sisma

La conferenza di presentazione in programma lunedì 8. Invitati a partecipare tutti i sindaci dell'Umbria

Un appello ai sindaci dei comuni dell’Umbria coinvolti nel terremoto del 2016 a partecipare ad una conferenza stampa a Roma dedicata alle opere d’arte salvate dal sisma del centro-Italia. 


A rivolgerlo il Codacons, che assieme al Ministero dei beni culturali ha organizzato per il prossimo 8 gennaio un incontro con i giornalisti volto ad illustrare un innovativo progetto per recuperare le opere d’arte della regione.


Si tratta di una iniziativa che ha avuto il benestare del Mibact e che si pone lo scopo di salvaguardare l’identità artistica delle regioni colpite dal terremoto del 2016 – spiega il Codacons - Grazie a questo innovativo progetto le opere d’arte dell’Umbria salvate dal sisma tornano a vivere in un mega museo virtuale in 3D che utilizza i più evoluti sistemi tecnologici presenti sul mercato, con l’ausilio di fotocamere ad altissima risoluzione e sistemi di elaborazione digitale di ultima generazione, stampanti digitali ad alta risoluzione e monitor 3D autostereoscopici.


Una mostra ultra-tecnologica e itinerante che valorizza il patrimonio culturale ferito dal sisma e premia l’identità culturale delle popolazioni del centro-Italia, portando in tutto il mondo le preziose opere d’arte delle aree terremotate e raccogliendo fondi per il loro restauro.


“Invitiamo i sindaci dei comuni dell’Umbria colpiti dal terremoto a partecipare alla conferenza e a dare la propria adesione all’iniziativa, che vedrà la partecipazione del  sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, primo ad accogliere con entusiasmo il progetto – afferma il Codacons - La prima opera salvata grazie alla moderna tecnologia e che sarà presentata nel corso della conferenza stampa dell’8 gennaio a dimostrazione di quello che i Comuni possono realizzare, è un Crocifisso del XVI secolo, proveniente dalla chiesa di Santa Maria del popolo a Preta e già custodito nel danneggiato Museo Civico "Cola Filotesio" di Amatrice”.



Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Necrologio
Guerrini Macron Store
Spoleto Cinema al Centro
Performat Salute Spoleto
Associazione Cristian Panetto
De.Car. Elettronica
Ferramenta Bonfè
Gabetti Immobiliare
Perugia Online
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
TWX Evolution
Pizzeria Mr Cicci
Principe
Supermercati della convenienza offerte speciali
Bonifica Umbra
Sicaf Spoleto