Spoletonline
Edizione del 20 Gennaio 2018, ultimo aggiornamento alle 21:25:28
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Adcomm
Spoletonline
Adcomm
cerca nel sito
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
Spoleto Cinema al Centro
Pc Work
AROF Agenzia Funebre
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
TWX Evolution
Maison del Celiaco
Libreria Aurora
Ristorante Albergo LE CASALINE
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Mrs Sporty
Stampa articolo

Salute e Sanità, 03 Gennaio 2018 alle 15:17:47

Prelievo multiorgano all'ospedale di Spoleto

Il lodevole gesto di solidarietà compiuto da un uomo di 59 anni, deceduto nelle scorse ore

Al Presidio Ospedaliero “San Matteo degli Infermi” di Spoleto è stata una notte all’insegna della solidarietà in virtù della donazione di più organi prelevati, dopo il decesso, da uomo di 59 anni residente a Spoleto.

Un gesto di grande altruismo e generosità del donatore avallato anche dalla famiglia e dai parenti: un dono che restituirà speranza a diversi malati in attesa di trapianto per i quali la disponibilità di un organo rappresenta la salvezza. Dalle ore 14 di ieri fino alle 9 del mattino, per compiere il prelievo degli organi, si sono attivate all’unisono le componenti operative dell’Ospedale di Spoleto, del Centro Coordinamento Trapianti della Regione dell’Umbria con la partecipazione dell’infermiere Giampaolo Rinaldoni e i chirurghi dell’Ospedale “S. Camillo” di Roma.


Si tratta di un apparato complesso che, quando occorre prelevare degli organi, deve mettersi in moto immediatamente, facendo in modo che singoli servizi e reparti ospedalieri lavorino in perfetta sinergia e, soprattutto, velocemente. Va infatti ricordato che, dopo il prelievo, l’organo deve essere trapiantato nel giro di poche ore affinché l’operazione possa andare felicemente in porto.


La complessa procedura ha richiesto l’intervento immediato della commissione medica per l’accertamento della morte, presieduta del Direttore medico del “San Matteo degli Infermi” Dr. Luca Sapori e composta dall’anestesista Dr. Riccardo Pannacci e dal Neurologo Dr. Stefano Stefanucci, del team dell’Unità di Anestesia e Rianimazione coordinata dallo stesso Dr. Pannacci, coordinatore locale per i trapianti, degli infermieri di sala operatoria Lucio Troiani e Maria Elena Rosati, del team di Anatomia Patologica presieduta dalla Dr.ssa Antonietta Partenzi, dei Chirurghi dell’Ospedale “S. Camillo” di Roma e del team di Oculistica presieduto del Dr. Giorgio Federici.


Nell’esprimere cordoglio ai familiari colpiti dal grave lutto, il Direttore generale dell’Azienda Usl Umbria 2 dr. Imolo Fiaschini ha espresso un sentito apprezzamento per il lodevole gesto di solidarietà e di generosità che trasforma un dramma familiare in una speranza di vita e di una esistenza migliore ad altri uomini e donne affetti da gravi patologie. Il Direttore generale ha rivolto inoltre un ringraziamento a tutti i sanitari del “San Matteo degli Infermi” che, con grande professionalità, si sono prodigati per il buon esito delle operazioni.



Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
De.Car. Elettronica
Gabetti Immobiliare
Spoleto Cinema al Centro
Necrologio
Principe
Perugia Online
Performat Salute Spoleto
Supermercati della convenienza offerte speciali
Pizzeria Mr Cicci
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Sicaf Spoleto
Guerrini Macron Store
Ferramenta Bonfè
Associazione Cristian Panetto
Bonifica Umbra
TWX Evolution